conferenza

Scuola di Educazione alla Pace: perché non sia un'utopia “Il Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre: una testimonianza - Gli Obiettivi del Millennio”

16 aprile 2005
ore 17:00 (Durata: 2 ore)

Perché non sia un'utopia
Guardarsi attorno per conoscere meglio il mondo in cui viviamo e le sue dinamiche, fare scelte di giustizia, educare e partecipare: sono questi gli atteggiamenti con cui oggi possiamo cominciare a costruire la Pace partendo da noi.
Dobbiamo farlo senza ingenuità, consapevoli che tocca a noi e che ogni minuto perso è un minuto sottratto a qualcuno.

Per quanto sopra esposto riteniamo sia importante realizzare un percorso di confronto e formazione che

contribuisca a far acquisire una conoscenza critica delle dinamiche socio – economiche, politiche ed ambientali presenti nel mondo e delle loro conseguenze sia nel macro che nel micro livello;
aiuti a far prendere coscienza dell’incidenza delle scelte ( o delle non – scelte) di ciascuno;
favorisca la conoscenza di stili di vita ed atteggiamenti improntati alla nonviolenza;
permetta di venire a contatto con esperienze concrete.
La Scuola pertanto è aperta a quanti: educatori, insegnanti, studenti, genitori, operatori sociali, giovani, giovani in servizio civile, politici, semplici cittadini, desiderino farsi “operatori di pace”. Siamo convinti, infatti, che la pace possa diventare l’obiettivo per una progettualità sociale, politica, culturale, educativa, ecclesiale solo se ci sono persone che, oltre che auspicarla, si attivano per realizzarla. Il nostro impegno è costruire e proporre esperienze che aiutino altri a maturare questa consapevolezza.
Gli iscritti alla Scuola di Educazione alla Pace: statistiche

Il prossimo appuntamento è per Sabato 16 Aprile

I primi libri nella Piccola Biblioteca di Pace presso la sede della Caritas

--------------------------------------------------------------------------------

La Scuola di Educazione alla Pace è organizzata dalla Caritas diocesana di Foligno insieme con:
Azione Cattolica, MEIC, Comunità “La Tenda”, Associazione “Città Viva”, UCIIM

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1956: Danilo Dolci con decine di disoccupati fa uno "sciopero alla rovescia", ricostruendo una strada abbandonata a Trappeto, in Sicilia. Finisce in carcere.
  • Anno 1932: Si apre a Ginevra la prima convenzione per il disarmo mondiale.

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)