festa

L’ESSENZA della PRESENZA Festival delle culture – I Edizione

20 maggio 2005

Venerdì 20 maggio - dalle ore 16.00 alle ore 24.00

Le radici del futuro

Ore 16.00 apertura ufficiale Festival

19.00
percussioni, danze e canti dalla Nigeria con:
- Afesan Igbabonelimi & Asonogun Dance
- Igbo Women Dance
- Edo Traditional Drums

21.00
- Concerto di Pape Siriman Kanouté ed il Gruppo Mandé.
Un viaggio nella tradizione della musica popolare mandinga, senegalese con suggestioni afro-jazz diretta da un grande griot, maestro di Kora,

22.30

- Sabar e animazioni “Faux Lion” con Mor Awa Niang e Ass.
Donne senegalesi che conversano con canti e balli mentre gli uomini sono
alle percussioni

Sabato 21 maggio - dalle ore 16.00 alle ore 03.00

La vita è l’arte dell’incontro

Dalle 18.00 alla 24.00

Capoera – danze dal Brasile

I Bambini Portoghesi

Dave Kaye & The Australian Acoustic Trio

P. Jakova e Pranvera - Danze e canti dall’Albania

Danze dalle Filippine: “Mabuhay”

Caracoles – canti di lotta e libertà

Gnawarai – Musiche dal Maghreb

Le Rocher – concerto gospel dal Congo

Pico due – canti tradizionali colombiani

Da mezzanotte – Fuori lo straniero che è in te: Discoteca etnochic a cura di Radio Xenox

Domenica 22 maggio - dalle ore 16.00 alle ore 24.00

... in cammino

20.00
– Concerto del gruppo Otyyot – Viaggio nelle sonorità delle diaspore ovvero la dispersione del popolo ebraico come fonte d’ispirazione

21.30
- Consegno del premio all’intercultura “Ravenna oltre i confini”

22.00
– Concerto di Santino Spinelli e Alexian Group - canti, danze, musiche e poesie in lingua romanì - Un viaggio nella storia e nell’anima di un popolo in cammino.

L'INGRESSO A TUTTI GLI SPETTACOLI E' GRATUITO

In tutte tre le giornata, dalle ore 18, nella tenda berbera allestita
all’esterno: canti e percussioni del Maghreb
Tenda allestita da La Kasbah, ristorante tipico marocchino – Via Marina 120 San Mauro Mare

In tutte tre le giornate, dalle ore 16.00, SUQ, mercato di artigianato etnico e amenità varie

Mostre

Metropolitana 57 (Pittura contemporanea sul tema “La detenzione”)

Mostra fotografica “Album di famiglia – nuovi paesaggi urbani”

Esposizione di sculture africane

“Usi, costumi e tradizioni degli extraeuropei”, fotografie, pittura, costumi e oggetti, Galleria Fabbri - Via Diaz 16 – Ravenna, dal 14 al 29 maggio 2005.

L’ESSENZA DELLA PRESENZA
Festival delle culture – I Edizione
Ravenna 20, 21, 22 maggio 2005

Pala De Andrè
Viale Europa, 1
48100 Ravenna

Evento organizzato da: Comune di Ravenna – Assessorato all’immigrazione, Rappresentanza dei cittadini Extra-UE in collaborazione con le associazioni di immigrati.

Direzione artistica
Tahar Lamri

Organizzazione e gestione
U.O. politiche per l’immigrazione:
Francesco Bernabini
Bruna Francavilla
Giampaolo Gentilucci

Info
0544 591876 (organizzazione)
0544 482050 (amministrazione)
347.0445371 (direzione)

Per maggiori informazioni:
Tahar Lamri
347.0445371
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)