corso

CERCHIAMO VOLONTARI PER REINSERIMENTO DI PERSONE CHE HANNO COMPIUTO REATI MINORI E SCONTANO PENE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE IN CARCERE

1 settembre 2005
ore 08:00

Lettera aperta

Caro cittadino che vivi a Modena,
Diversamente da come potremmo immaginare,la maggior parte delle persone che hanno subito una condanna, scontano la pena all’esterno del carcere usufruendo di Misure Alternative. Tali misure non sono un premio o un’agevolazione, ma riguardano alcune situazioni particolari in cui è preferibile che la persona non stia in carcere (ad esempio se deve provvedere all’accudimento della prole, oppure se ha problemi con l’alcol o con la droga, a patto di voler seriamente iniziare un percorso di cambiamento; etc.). In ogni caso le misure alternative riguardano i cosiddetti “reati minori”, vale a dire quelli relativi a pene inferiori ai 3 anni.
Il volontariato sensibile ai temi della giustizia del territorio modenese e che, già da molti anni, presta la sua preziosa opera all’interno delle carceri, ha deciso di approfondire la conoscenza e l’impegno anche verso questa Area Esterna. A tale scopo ha promosso il progetto “La Retata. Catturati dalla solidarietà”, con il supporto del Centro Servizi per il Volontariato di Modena.

Il progetto “La Retata. Catturati dalla solidarietà” prevede, infatti, per questo anno di sviluppare una RICERCA DI NUOVI VOLONTARI e, a seguito di questo, di attivare un piccolo percorso gratuito di FORMAZIONE SUI TEMI DELL’AREA PENALE ESTERNA. Alcuni esperti ci aiuteranno a capire meglio di cosa si tratta e sarà anche l’occasione per conoscere altre persone che come te, hanno deciso di fare insieme un cammino di solidarietà verso chi ha avuto dei problemi, ma ha anche voglia di cambiare.

Forse, di primo acchito, l’idea di avere un contatto con qualcuno che sta scontando una pena all’esterno del carcere può spaventarti un po’, perché senti che non è semplice avere a che fare con delle persone che hanno pendenze con la giustizia, o forse perché pensi non sia giusto donare il tuo tempo a persone che non se lo meritano!
Non preoccuparti: in questo cammino (a cui dedicherai il tempo che riterrai opportuno) non sarai lasciato solo! E’ previsto un lavoro a stretto contatto con le Assistenti Sociali dell’Amministrazione Penitenziaria e, naturalmente un confronto con esperti e “volontari storici”.

Inoltre non bisogna dimenticare che anche all’esterno le persone pagano il loro debito con la giustizia e con la società e, soprattutto, pagare questo debito significa anche avere un rapporto costruttivo con la città, con le sue regole, i suoi spazi, con le cose che può offrire e con le cose che non si possono fare.
Supportare una persona nel suo percorso di reinserimento nella società è anche un modo di contribuire alla sicurezza della città in una maniera umana, fatta di relazione e di piccole cose concrete.

COSA POTRESTI FARE CONCRETAMENTE?
• ACCOMPAGANARE UNA PERSONA ALL’INFORMA GIOVANI/ INFORMA CITTA’, AFFINCHE’ POSSA CONOSCERE I SERVIZI CHE QUESTA CITTA’ OFFRE (CENTRO PER L’IMPEGO, SERVIZI TERRITORIALI, ASSOCIAZIONI, CINEMA, TEATRO);
• ASCOLTARE UN CONCERTO INSIEME;
• PASSEGGIARE INSIEME AL PARCO.
• VEDERE UNA MOSTRA D’ARTE INSIEME;
• PASSARE UN PO’ DI TEMPO IN COMPAGNIA

Se hai voglia di farti una chiacchierata, anche solo per acquisire delle informazioni, contatta:

Ivana Danisi - Coordinatrice progetto “La Retata” CSV (Centro Servizi Volontariato) Modena
Via Cittadella 30 - Modena
Tel 059 212003 - Fax 059 246833
e-mail: ivanadanisi@yahoo.it

Per maggiori informazioni:
Ivana Danisi
059212003
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)