evento

La "settimana della pace" di Maranello

10 settembre 2005
ore 20:00

La settimana della pace

Una settimana dedicata interamente alla pace, alla tolleranza, alla solidarietà. E' quanto accadrà a Maranello nei prossimi giorni, con una serie di appuntamenti all'insegna del dialogo tra le culture e le persone. La "settimana della pace" di Maranello si svolgerà dal 10 al 14 settembre e metterà insieme eventi rivolti a tutta la cittadinanza: un'occasione per stare insieme e per riflettere su tematiche di grande attualità come la pace, lo sviluppo e il rapporto tra le culture.
Si parte sabato 10 settembre con la Festa Multietnica: al Parco Due dalle ore 20 bancarelle artigianali e mercatino equo e solidale, stand informativi e per realizzare hennè e acconciature etniche, ristoranti con cucina turca e marocchina. Dalle ore 21 un suggestivo spettacolo di danza del ventre con Samira e le sue allieve e a seguire il concerto dei Natural Mystic, con percussionisti e danzatori africani. Attivi dal 1991 con l'obiettivo di promuovere attività multi-culturali e multi-etniche, in favore del dialogo e dell'incontro fra culture, i Natural Mystic sono musicisti e danzatori professionisti provenienti da vari paesi africani ed europei.
Domenica 11 settembre il Comune parteciperà alla Marcia della Pace Perugia-Assisi. L'amministrazione comunale, con un contributo di 600 euro, ha dato la propria adesione all'importante evento che richiama ogni anno decine di migliaia di persone da tutta Italia. Un pullman partirà dal comprensorio nella notte di sabato per raccogliere i partecipanti e raggiungere Perugia: a Maranello la partenza è da Piazza Libertà alle 4,25 (prenotazioni al numero 0536/873909).
Il Comune di Maranello ha anche aderito insieme a Fiorano e Sassuolo al programma "Ospita una persona incontra un popolo": grazie al contributo delle amministrazioni comunali, sarà possibile sostenere il viaggio in Italia di Adelaide Mabunge, rappresentante del Centre Jeunes Kamenge Bujumbura (Burundi), progetto rivolto ai ragazzi vittime della guerra civile di quel paese, che parteciperà all'assemblea dell'Onu dei Popoli dall'8 al 10 settembre, proprio in occasione della marcia. Adelaide Mabunge sarà ospite nei comuni del distretto nei giorni successivi, per portare la propria testimonianza. A Maranello parteciperà ad un incontro su "Pace e sviluppo" mercoledì 14 settembre all'Auditorium Enzo Ferrari alle ore 20.30. Aperta a tutti i cittadini, la serata vedrà anche il contributo di Giuliana Martirani, docente di Geopolitica presso l'Università di Napoli, di Teresina Caffi, missionaria saveriana, e di Giorgio Gibellini, vicesindaco del Comune di Maranello. Conduce la giornalista Annalisa Vandelli.

GLI APPUNTAMENTI IN DETTAGLIO:

SABATO 10 SETTEMBRE
FESTA MULTIETNICA
PARCO DUE, DALLE ORE 20
Bancarelle artigianali e mercatino equo e solidale, stand informativi, henné, acconciature etniche, ristoranti con cucina turca e marocchina. Dalle ore 21 spettacolo di danza del ventre con Samira e concerto dei Natural Mystic, con percussionisti e danzatori africani. Ingresso gratuito.

DOMENICA 11 SETTEMBRE
MARCIA DELLA PACE PERUGIA-ASSISI
Partenza in pullman da Piazza Libertà alle 4,25 del mattino di domenica 11 settembre.
Costo: 13 euro da versare al momento della prenotazione.
Info e prenotazioni: La Bottega d'Oltremare Via Fenuzzi 8 Sassuolo tel. 0536/873909, Arci - Sassuolo tel. 348/7669299. Si può effettuare il percorso completo (23 km) o quello breve (7 km

MERCOLEDÌ 14 SETTEMBRE
AUDITORIUM ENZO FERRARI ORE 20,30
"PACE E SVILUPPO"
Incontro-dibattito aperto al pubblico con
Giuliana Martirani - Docente di Geopolitica presso l'Università di Napoli Adelaide Mabunge - Centre Jeunes Kamenge Bujumbura (Burundi) Teresina Caffi - Missionaria saveriana Giorgio Gibellini - Vicesindaco del Comune di Maranello Conduce la giornalista Annalisa Vandelli

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)