forum

VII Forum Internazionale di Sdebitarsi Promesse e inganni sulla cancellazione del Debito

14 settembre 2005
ore 15:30 (Durata: 4 ore)

Strategie future dei movimenti per la cancellazione del debito
Arbitrato e strumenti internazionali
Obiettivi di Sviluppo del Millennio in Italia con quale finanziaria
Riflessioni dopo G8

Saluto del Sindaco di Roma Walter Veltroni
Partecipano
p. Alex Zanotelli missionario comboniano
Raffaella Chiodo coordinatrice Sdebitarsi
Antonio Tricarico Campagna per la Riforma della Banca Mondiale
Sabina Siniscalchi Fondazione culturale di Banca Etica
Cesare Ottolini Campagna W Nairobi W
Dino Gasbarri, Consiglio Comunale di Roma
Luca De Fraia Actiona Aid International
Sergio Marelli Ass Nazionale ONG
Riccardo Moro Fondazione Giustizia e Solidarieta’ della CEI
Laura Ciacci WWF
Giulio Marcon Sbilanciamoci
Raffaella Bolini e Silvia Stilli ARCI
Francesco Oddone Eurodad
Grazia Bellini Tavola della Pace
Gino Barsella Gruppo Abele
Marta Guglielmetti, Terres Des Homme
Ifeany Nwamba Comunita’ nigeriana in Italia
Francesco Terreri, rivista Microfinanza
Terezinha da Silva Foro da Mulher e Grupo da Divida del Mozambico
David Ugolor African Network for Environment and Economic Justice dalla Nigeria
Oduor Ongwen della Associazione SEATINI - dal Kenya

inoltre......

14 settembre ore 9.30-14.00

Sala della Provincia

Seminario
La sostenibilita’ del debito
casi di Nigeria, Kenya e Mozambico
con :
Terezinha da Silva, Foro da Mulher e Grupo da Divida
David Ugolor, Presidente dell’African Network for Environment and Economic Justice (ANEEJ),
Oduor Ongwen dell’Associazione SEATINI
Partecipano rappresentanti della societa’ civile italiana impegnata per la cancellazione del debito ed esponenti delle istituzioni, Ministero Affari Esteri e Ministero delle Finanze e dell’Economia

Per maggiori informazioni:
infosdebitarsi
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)