evento

La notte dei senza dimora

22 ottobre 2005
ore 19:00

Dormire in strada, senza un tetto sulla testa. E' la proposta - e la provocazione - lanciata anche quest'anno in occasione della giornata mondiale per la lotta alla povertà indetta dalle Nazioni Unite, il 17 ottobre. L'iniziativa, partita per la prima volta nel 2000, nasce dal giornale "Terre di mezzo" e da diverse associazioni attive sul territorio nazionale, e coinvolge molte città italiane. A Rimini l'appuntamento è in Piazza Cavour, sabato 22 ottobre, a partire dalle ore 19.

"Abbiamo scelto la data del 22 ottobre perché è il sabato successivo al 17, giornata mondiale Onu della lotta alla povertà - spiega Kristian Gianfreda, responsabile della "Capanna di Betlemme", struttura d'accoglienza per i senza tetto della Comunità Papa Giovanni XXIII - Abbiamo scelto il sabato proprio per dare alle persone la possibilità di passare la notte in strada. Infatti, al di là degli eventi e dei momenti di festa previsti nella serata, crediamo che per dare un senso di verità alla parola condivisione sia necessario dormire con le persone che non hanno un tetto, una casa: passare davvero la notte insieme, al freddo, in condizioni di disagio. Le stesse condizioni che per loro sono la quotidianità. Dopo la musica e i giochi - continua ancora Gianfreda - la malinconia del dormire fuori spazza via ogni illusione, e tornano il buio e la solitudine."
Dalle 19 in poi nella centrale piazza Cavour, trasformata per l'occasione in un villaggio virtuale della solidarietà, si alterneranno musicisti, mimi, teatranti, giocolieri, percussionisti, clown, pittori, danzatori, fachiri, writers; personaggi più o meno famosi, tutti animati dal comune intento di attirare l'attenzione sull'emarginazione invisibile dei senza dimora.

Durante la serata, alle 22 e 30, un momento particolarmente significativo in cui si potranno ascoltare le testimonianze dirette di chi realmente vive in strada, presentate da Marco Berry, inviato del programma televisivo "le Iene". Interviene don Oreste Benzi, sacerdote, fondatore e Presidente dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII e un rappresentante istituzionale del Comune di Rimini.
A conclusione della festa come gesto concreto di solidarietà e condivisione si può dormire con i senza tetto nei luoghi della città dove trascorrono abitualmente la notte, muniti di coperte e cartoni o sacco a pelo,.
Sulla piazza, oltre alla presenza di stand informativi e di un mercatino di solidarietà, verrà allestita una mostra sulla "Capanna di Betlemme" del fotografo Daniele Calisesi.

La manifestazione è organizzata dall'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII in collaborazione con il Comune di Rimini.

Info stampa
Via Valverde 10, 47900 Rimini

Per maggiori informazioni:
Francesca Ciarallo
3492258341
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)