seminario

Perché Torino deve essere NO-TAV

13 dicembre 2005
ore 20:30 (Durata: 2 ore)

La lotta della Valle di Susa ha assunto un significato più generale, vogliamo discutere di questo con:

Claudio Giorno, Comitato Habitat, esperto in trasporti
Marina Clerico, Politecnico di Torino, docente in Ingegneria e sicurezza degli scavi
Paolo Mattone, Comitato No-Tav Torino
Antonio Grassedonio, Torino Social Forum

Sabato 17 Dicembre la Valle di Susa e Torino manifesteranno a Torino: per chiedere di ascoltare le ragioni di chi non vuole il TAV, per dire basta alle violenze e alle sopraffazioni, per dire basta alla militarizzazione della Valle.

La resistenza degli abitanti della Val di Susa tende ad essere presentata come un fenomeno locale, ottusamente egoistico, contro le esigenze più generali e le strategie europee, al di fuori del progresso.

Per questi motivi si possono ignorare le loro ragioni, le riflessioni critiche del mondo ambientalista e di parte importante della comunità scientifica.
Si possono oscurare le preoccupazioni di una spesa pubblica orientata a grandi investimenti a scapito dello stato sociale e dell'ambiente con la conseguenza di accentuare le diseguaglianze nel nostro Paese.
Si può decidere contro due Comunità Montane e contro decine di Amministrazioni Comunali.

Per maggiori informazioni:
Katia Bouc
011/2625526
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)