seminario

Perché Torino deve essere NO-TAV

13 dicembre 2005
ore 20:30 (Durata: 2 ore)

La lotta della Valle di Susa ha assunto un significato più generale, vogliamo discutere di questo con:

Claudio Giorno, Comitato Habitat, esperto in trasporti
Marina Clerico, Politecnico di Torino, docente in Ingegneria e sicurezza degli scavi
Paolo Mattone, Comitato No-Tav Torino
Antonio Grassedonio, Torino Social Forum

Sabato 17 Dicembre la Valle di Susa e Torino manifesteranno a Torino: per chiedere di ascoltare le ragioni di chi non vuole il TAV, per dire basta alle violenze e alle sopraffazioni, per dire basta alla militarizzazione della Valle.

La resistenza degli abitanti della Val di Susa tende ad essere presentata come un fenomeno locale, ottusamente egoistico, contro le esigenze più generali e le strategie europee, al di fuori del progresso.

Per questi motivi si possono ignorare le loro ragioni, le riflessioni critiche del mondo ambientalista e di parte importante della comunità scientifica.
Si possono oscurare le preoccupazioni di una spesa pubblica orientata a grandi investimenti a scapito dello stato sociale e dell'ambiente con la conseguenza di accentuare le diseguaglianze nel nostro Paese.
Si può decidere contro due Comunità Montane e contro decine di Amministrazioni Comunali.

Per maggiori informazioni:
Katia Bouc
011/2625526
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Bhopal, in India, 3500 morti per l'esplosione della fabbrica chimica della "Union Carbide"

Dal sito

  • Laboratorio di scrittura
    Fili concettuali e teoremi virtuali dei vissuti di pace

    Teoremi di pace 

    Con i miei scritti, imparo la relazione nell’azione educativa e di attivismo e di impegno civile, in rapporto con l'altro da me
    30 novembre 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Il commento sulla trattativa in corso

    Peacelink: "Il nuovo accordo fra Governo e ArcelorMittal sarà un flop"

    "Il mercato globale travolgerà il nuovo accordo e i soggetti che lo firmano”, sostiene l'associazione che si batte contro l'inquinamento ambientale a Taranto. Secondo Peacelink, “la vecchia Ilva è già fallita e la nuova Ilva ha perdite ingenti che replicano le dinamiche del precedente fallimento".
    AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • PeaceLink
    Come fare microblogging

    Newsletter di PeaceLink di novembre

    E' dedicata alla piattaforma Sociale.network che funziona con il software libero Mastodon. C'è un piccolo glossario e una veloce guida su come ci si collega. Sociale.network è sempre più integrato nel sito di PeaceLink e lo trovate facilmente dentro le pagine web.
    29 novembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Ecco la tua EquAgenda 2021!

    EquAgenda per la Pace e la Solidarietà

    Una produzione dell’associazione Ita-Nica e della cooperativa EquAzione della Comunità di base “le Piagge”
    28 novembre 2020 - Laura Tussi
  • CyberCultura
    Apple esercita pressioni contro un disegno di legge volto ad arrestare il lavoro forzato in Cina

    L'iPhone sarà anche made in China, ma è progettato con amore a Palo Alto, vuoi mettere?

    Secondo due funzionari del Congresso, Apple intende placare le disposizioni chiave del disegno di legge, il quale ritiene le aziende statunitensi responsabili per aver costretto gli Uiguri al lavoro forzato
    29 novembre 2020 - Reed Albergotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)