evento

l'Altropallone a Lilian Thuram 16/1/06 - Milano -Quarto Oggiaro + "Calciatori di periferia"

16 gennaio 2006
ore 15:00 (Durata: 3 ore)

a Lilian Thuram il premio “l’Altropallone”

consegna al campione della Juventus – Milano 16-01-06

In occasione dell’assegnazione di questo importante riconoscimento, verrà proiettato il film “Calciatori di periferia, a due calci dal paradiso” di Fabio Martina, co-prodotto dalla Provincia di Milano

E’ giunto alla nona edizione il premio “l’Altropallone” riconoscimento simbolico destinato a coloro che, nel corso dell’anno, si sono distinti nel mondo dello sport per azioni di solidarietà a tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, "in alternativa al pallone d'oro e contro il pallone duro", per uno sport equo, solidale e popolare, contro il razzismo, per l’integrazione e la multiculturalità.

La premiazione avverrà lunedì 16 gennaio alle ore 15,00 a Milano - tensostruttura Centro di Formazione Professionale “Greppi” - Via Sebastiano Satta 23 (Passante FS Quarto Oggiaro)

L’atleta scelto quest’anno dalla giuria, composta da giornalisti e operatori dell'informazione nel mondo del volontariato, della solidarietà e del terzo settore, è Lilian Thuram, campione della Juventus originario della Guadalupa da sempre in prima linea contro il razzismo. Cresciuto nelle periferie francesi, è un campione del mondo abituato a farsi apprezzare per la correttezza sul campo e per i modi discreti ed eleganti, membro dell’Alto Consiglio per l’Integrazione (consulta istituzionale francese), ha coraggiosamente preso posizione, criticando i metodi repressivi messi in atto nel corso dei drammatici avvenimenti dello scorso autunno nelle periferie di Parigi.

Il 2005 per il calcio è stato un anno significativo, che ha preceduto e preparato i Mondiali, un anno che ha visto crescere l’attenzione sulla discriminazione razziale, sull’emarginazione giovanile, sulle periferie. In un mondo globalizzato le metropoli e le periferie si assomigliano tutte, l’intolleranza e l’esclusione sociale colpiscono i giovani, in particolare gli immigrati. Il disagio nelle banlieues di Parigi si è esteso con una velocità impressionante in tutta la Francia e in gran parte d’Europa.

Anche nel mondo del calcio, specchio fedele di quanto avviene nella società, fenomeni di intolleranza, di discriminazione, di razzismo purtroppo si ripetono e si moltiplicano. Proprio per sottolineare il costante impegno contro tali fenomeni, il premio l’Altropallone viene assegnato a Lilian Thuram, esempio di correttezza e vero campione, contro il razzismo e per i diritti umani: un modello per i giovani di tutto il mondo.

Quest’anno l’appuntamento con “l’Altropallone” è ancora più ricco: in occasione dell’assegnazione del riconoscimento, infatti, verrà proiettato in anteprima il film “Calciatori di periferia, a due calci dal paradiso” di Fabio Martina, co-prodotto dalla Provincia di Milano. Basato su una storia relamente accaduta, il film trae spunto dalla storia di due calciatori diciassettenni, con qualche problema sociale e personale che, dopo aver disputato una partita del campionato giovanile, vengono selezionati per far parte della primavera dell'Inter F.C.. Si prospetta per loro un futuro promettente e la possibilità di riscattarsi agli occhi di tutti poichè un fatto di questo tipo, in un quartiere di periferia, non ha solo un valore individuale, ma coinvolge in vario modo l’intera comunità: la famiglia, gli amici, le ragazze, i conoscenti… Tuttavia, nonostante la prospettiva di successo, non è facile lasciarsi alle spalle il passato: infatti, i due continuano a combinare le solite ragazzate, facendo scorribande in centro città, a metà tra la marachella e l’atto di teppismo.

Verrà inoltre proiettato e distribuito alla stampa e agli operatori il video DvD “Rete! Sport per la pace e la solidarietà” girato da Rossana Papagni e prodotto dalla coop.sociale Accesso anch’esso in collaborazione con la Provincia di Milano, che illustra la presenza in Italia della “Refugee Camps of Palestine” e che lancia gli “Altri Mondiali 2006”, campagna di sensibilizzazione contro lo sfruttamento del lavoro infantile e minorile che si terrà in molti comuni della provincia di Milano con la partecipazione di squadre di progetti di solidarietà del sud del mondo (Yassets Sport dalle baraccopoli di Nairobi, la Refugee dalla Palestina…), dell’associazionismo sportivo, del commercio equo e solidale, delle ong di cooperazione, degli enti locali…

A premiare Lilian Thuram Milly Moratti madrina del premio, Gianni Mura presidente onorario della Giuria, Damiano Tommasi della Roma già vincitore de l’Altropallone, Michele Papagna, Federico Ceratti e Gianni Di Domenico della segreteria tecnica de l’Altropallone; saranno presenti inoltre Luca Colombo/Jalla e Davide Baccarini/Salah rappresentanti della campagna “Sport sotto l’assedio” vincitore premio Altropallone 2004 (ex aequo a Leonardo di “Gol de Letra”), che opera con i ragazzi dei campi profughi palestinesi di Gaza e Cisgiordania. Presente anche Paolo Pobbiati, presidente della Sezione Italiana di Amnesty International – Lilian infatti è testimonial della campagna “Control Arms” - e Donata Frigerio dell’Associazione Botteghe del Mondo che nel 2006 vedrà ancora una volta impegnata tutta la rete delle Botteghe del mondo europee NEWS nella campagna “Difendi i loro diritti” contro lo sfruttamento del lavoro dei bambini.

Anche quest’anno tale importante appuntamento è patrocinato dalla Provincia di Milano, nella vesti di Irma Dioli, Assessora alla Pace, Partecipazione, Politiche giovanili, Cooperazione Internazionale, Sport e Idroscalo.

“Il premio “L’Altropallone” è l’espressione di alcuni dei valori più importanti per il nostro Assessorato. “ spiega l’Assessora Irma Dioli. “ Si tratta infatti di premiare l’atleta in quanto campione di impegno contro le discriminazioni sociali, protagonista di una carriera all’insegna della correttezza e della difesa dei diritti umani. Il sostegno della Provincia di Milano alla realizzazione del film “Calciatori di periferia, a due calci dal paradiso”, che completa questa iniziativa, è l’espressione della nostra convinzione secondo la quale anche lo sport può e deve essere strumento di aggregazione, di solidarietà e di comunicazione dei valori di pace e cooperazione, contro la violenza e i soprusi che colpiscono ancora troppo spesso i giovani di tutto il mondo”.

Per un 2006 di sport, pace e solidarietà, contro il razzismo per i diritti umani.
Milano, 12 gennaio 2006

con il Patrocinio della Provincia di Milano
Assessorato alle Politiche giovanili, Pace, Cooperazione internazionale e Sport

seguono schede:
- Composizione della giuria de l’Altropallone
- Albo dei vincitori e motivazioni

L'Altropallone è il premio simbolico - giunto alla nona edizione - che va a chi si è adoperato nell'anno nel mondo dello sport per azioni di solidarietà a tutela dell'infanzia e dell'adolescenza: "in alternativa al pallone d'oro e contro il pallone duro", per uno sport equo, solidale e popolare, contro il razzismo, per l’integrazione e la multiculturalità.
LA GIURIA
La Giuria è composta da giornalisti e operatori dell'informazione nel mondo del volontariato, della solidarietà e del terzo settore; a questi si aggiungono i vincitori del premio

La Giuria al completo:
Milly Moratti - madrina del premio
Gianni Mura - presidente ad honorem
Paolo Rossi, Ivan Zamorano, Damiano Tommasi, Nico Colonna, Gino Strada, Claudio Agostoni, Umberto Di Maria, Fulvio Bella, Paolo Pastore, Fabio Pizzul, Josè Luiz Del Roio, Mariarosa Cutillo, Andrea Tieghi, padre Kizito Sesana e Assad Baiwa, Stefano Scialotti, Javier e Paula Zanetti, Myrna Gil Quintero, Leonardo, Davide Baccarini e Luca Colombo.

Segreteria tecnica associazione l’Altropallone:
Michele Papagna - coordinatore, Federico Ceratti e Gianni Di Domenico

La Giuria de "l'Altropallone 2005" si è ampliata anche quest'anno e si sono aggiunti i vincitori 2004 Leonardo per la fondazione “Gol de letra” operante a Rio de Janeiro e San Paolo del Brasile, insieme a Davide Baccarini di Salah onlus e Luca Colombo di Jalla onlus promotori della campagna “Sport sotto l’assedio” che opera con i ragazzi dei campi profughi palestinesi di Gaza e Cisgiordania.

Albo dei Vincitori e Motivazioni:
1997 Paolo Rossi – per la trasmissione “Scatafascio” – pezzo “l’Invincibile Armada”
1998 Gianni Mura – per la rubrica “Sette giorni di cattivi pensieri” su Repubblica
1999 Ivan Zamorano – per la Fondazione omonima a favore dei bambini poveri mapuche
2000 Damiano Tommasi – per i progetti in ex Jugoslavia e l’appoggio al commercio equo
2001 Gino Strada – per l’appello “Sport e Pace” e progetti Afghanistan e Irak
2002 padre Kizito e Assed Baiwa ex equo per i progetti palloni etici in Kenya e Pakistan
2003 Javier e Paula Zanetti – per la fondazione PUPI “por un piberio integrado” in Argentina
2004 Leonardo, Davide Baccarini e Luca Colombo – per ”Goldeletra” e “Sport sottol’assedio”
2005 Lilian Thuram – per la difesa dei diritti umani, contro il razzismo e per l’integrazione, in particolare dei giovani a rischio di esclusione sociale nelle periferie metropolitane

l'Altropallone
c/o PAIS Palazzo delle Alternative e delle Iniziative Sociali
via Angera 3 20125 Milano
ingresso da via Belgirate 15
tel.+39-0267574325 fax+39- 0267574322
e-mail altropallone@altropallone.it
sito www.altropallone.it (in allestimento)
sito Altri Mondiali www.otromundial.org

Per maggiori informazioni:
Michele Papagna
3208408964
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1993: Muore a Molfetta don Tonino Bello, il vescovo dei poveri e della Pace

Dal sito

  • Disarmo
    24.583,2 milioni di euro esclusi i finanziamenti per le missioni internazionali e del MISE

    Questione di valori: la corsa al riarmo italiano inseguendo l'America di Biden e NATO 2030

    il termine “assenza di occidente” era presente nel Rapporto sulla sicurezza di Monaco 2020 e rifletteva il diffuso sentimento di disagio e irrequietezza di fronte alla crescente incertezza sul futuro
    19 aprile 2021 - Rossana De Simone
  • Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Ecodidattica
    Scuole in rete per la sostenibilità ambientale

    Iniziativa pubblica di Ecodidattica

    Verrà presentata la strategia del service learning una metodologia promossa dalle Avanguardie Educative dell'’INDIRE. Appuntamento in streaming video per il 20 aprile 2021 alle ore 16. Si potrà accedere andando sul sito www.ecodidattica.it e cliccando sul bottone rosso di Youtube.
    19 aprile 2021 - Redazione Ecodidattica
  • Taranto Sociale
    A cura di Max Perrini

    Video su Taranto, l'ambiente e la salute

    Il Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto ha creato un canale su Youtube. Vi riportiamo il link per accedervi
    Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)