convegno

Convegno internazionale: memoria, giustizia, riconciliazione

28 gennaio 2006

Srebrenica, la memoria di una atroce strage... Dayton, una debole pace che è solo una tregua... ... e poi?

Mantenere viva la memoria, chiedere giustizia, costruire sentieri di riconciliazione sono i passaggi necessari per ridare speranza e futuro a tutti i popoli della ex Jugoslavia.

Compete anche a noi, popoli dell'Unione Europea, l'obbligo di contribuire alla ricostruzione politica, economica e sociale che permetta ai Balcani, il cuore dell'Europa, di ridiventare un'area di pace e convivenza.

Aderiscono al convegno:
ACS, ARCI, Beati i costruttori di pace, IPSIA/ACLI, Medici per la Bosnia, SPI/CGIL, ToniCorti, XENA

PROGRAMMA

ore 9.30: Saluti
Flavio Zanonato, Sindaco di Padova

ore 9.40: Introduzione
Francesco Bicciato, Assessore alla Cooperazione Internazionale del Comune di Padova

PRIMA PARTE - MEMORIA E GIUSTIZIA NELL'EX JUGOSLAVIA

ore 9.50 - L'informazione sulle guerre balcaniche
Ennio Remondino, Inviato Esteri RAI

ore 10.10 - Bosnia, viaggio attraverso il libro
Giacomo Scotti, Giornalista e scrittore di Rijeka/Fiume

ore 10.30 - Tornare o non tornare: la ricostruzione della fiducia nella Bosnia-Erzegovina postdaytoniana
Tatjana Sekulic, Ricercatrice presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università di Milano Bicocca

ore 10.50 - Coffee Break

ore 11.20 - Responsabilità interne nella disintegrazione della ex Jugoslavia
Ljubica Markovic, Direttrice dell'Agenzia BETA di Belgrado

ore 11.40 - Dibattito

ore13.30 - Buffet

SECONDA PARTE - RICONCILIAZIONE E RICOSTRUZIONE

ore 14.40 - Ruolo dell'ONU e dell' Europa nella ex Jugoslavia
Michele Nardelli, Osservatorio sui Balcani e Ufficio di Presidenza del Consorzio Italiano di Solidarietà

ore 15.00 - Sulla via della Riconciliazione e della Pace
Melita Richter Malabotta, Sociologa presso la Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di laurea in servizio sociale dell'Università degli studi di Trieste e mediatrice culturale a Trieste

ore 15.20 - L'esperienza di Bratunac
Rada Zarkovic, Componente del Direttivo della Cooperativa "Insieme" di Bratunac (Bosnia) e responsabile per i rapporti esterni

ore 15.40 - Interventi delle Associazioni padovane e di esponenti della società civile che operano con progetti di solidarietà e cooperazione nei paesi dell'ex Jugoslavia

ore 16.30 - Dibattito

ore 17.00 - Conclusioni

Coordina
Paolo Tamiazzo, Associazione per la Pace

Per maggiori informazioni:
Comune di Padova e Associazione per la Pace
049 8205053 - 56
Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)