rassegna

DI NOI STESSE: 4° edizione del Festival 2mille1 - per una cultura delle differenze

18 maggio 2006
ore 20:30

Piacenza - Dal 18 al 21 maggio a Piacenza, nel cortile di Palazzo Gotico e dintorni, torna il 'Festival 2mille1 - per una cultura delle differenze' dedicato all’esplorazione delle differenze culturali, sociali, esistenziali che animano la società complessa. Giunta alla sua quarta edizione, la kermesse piacentina delle differenze - che quest'anno avrà titolo 'Di noi stesse' - sarà incentrata sui vissuti femminili, e darà la parola alle donne e alle loro storie, quotidiane spesso tanto 'normali' da risultare invisibili e sconosciute. Organizzato dalle associazioni piacentine Coming Out, Kairos, circolo Arcigay A.t.omo, gruppo d’iniziativa antipsichiatrica Gap, il festival è promosso dall'assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Piacenza.
Già in corso il prologo della manifestazione con la mostra fotografica 'Maures' di Laurent Monlau, un viaggio emozionante tra costumi, estetica e quotidiano delle donne mauritane ospitata dal 28 aprile al 7 maggio nell’ambito della rassegna di fotografia Fotosintesi, allestita presso la chiesa sconsacrata di Sant'Agostino.
Il festival vero e proprio si aprirà il 18 maggio e sarà articolato in tre sezioni principali: racconti, incontri, suoni e visioni. Giovedì 18 a partire dalle ore 20,30 presso l'Auditorium Sant'Ilario, la giornalista Assunta Sarlo (Diario) animerà 'Parola di donna', l’iniziativa-simbolo del festival: un dibattito performativo che coivolgerà donne comuni di Piacenza e le loro stra-ordinarie storie di vita.
Per il 19 e il 20 maggio, alle ore 18.30 nel cortile di Palazzo Gotico, sono previsti due incontri con le scrittrici Gabriella Romano, che presenterà il suo libro 'I sapori della seduzione', e Michela Zucca, autrice di 'Donne delinquenti'.
Dalle parole alla musica, e ai suoni, con il concerto di musiche popolari dei Balcani e del Medio Oriente dei 'Musica Officinalis', che si terrà venerdì 19 maggio nel cortile di Palazzo Gotico alle ore 21, e con la performance musicale dei milanesi Pron Flakes Queer che animeranno il locale 'Alvaro e Camilla' di San Nicolò sabato 20 maggio a partire dalle ore 23.
Le visioni, dal vivo, saranno regalate dalle attrici di 'Un lungo inverno', uno spettacolo teatrale tutto al femminile tratto dal racconto autobiografico 'Azul' di Ester del Castillo che avrà luogo sabato 20 maggio alle ore 21 presso il cortile di Palazzo Gotico. Visioni cinematografiche, infine, saranno quelle di alcune registe piacentine che nel video-documentario 'Il seme del sorriso' hanno raccontato le storie di alcune madri sole per scelta o necessità. La proiezione – con dibattito - è fissata per domenica 21 maggio alle 21,30 presso l’auditorium Sant'Ilario.
Parallelamente alla manifestazione, per tre martedì consecutivi, sempre alle ore 21,30, si terrà una rassegna cinematografica al femminile a ingresso gratuito. Presso il cinema Iris Multisala sono in programma: 'Rosenstrasse' di Margaret von Trotta (16 maggio), 'Un angelo alla mia tavola' di Jane Campion (23 maggio) e 'La mia vita senza me' di Isabel Coixet (30 maggio).
L'ingresso tutte le iniziative è gratuito, nello spirito della condivisione di temi e realtà sociali che riguardano tutte e tutti.

Informazioni e contatti
http://www.2mille1.info
info@2mille1.info

Per maggiori informazioni:
Cino Bocchi
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)