evento

"Il Giardino dei Popoli"

13 giugno 2006

L’Associazione un Mondo di Mondi con il Patrocinio morale dell’ Unicef presenta: "Il giardino dei popoli". Dal 13 giugno fino al 23 luglio a Sant’ Agata De’ Goti -località San Silvestro (BN) si terrà una particolare iniziativa per favorire l’integrazione culturale tra i popoli a sostegno dell’ Unicef e della fondazione Nelson Mandela per la realizzazione del progetto che promuoverà la campagna internazionale “Scuole per l’Africa”. Il Giardino dei popoli è un percorso etno-culturale che punterà l’attenzione su cinque paesi: Eritrea, Bangladesh, Senegal, Perù, Romania, dedicando le attività di ciascuna settimana alla conoscenza di questi paesi attraverso il cibo, le bevande tipiche, l’artigianato, la mostra fotografica, la musica, l’interazione e lo scambio. A fare gli onori di casa, apertura e inaugurazione della manifestazione prevista per il giorno13 Giugno, sarà la Presidente dell' Associazione Un Mondo di Mondi: Concetta Della Valle, che presenterà anche gli ospiti e testimonial impegnati per la Pace convenuti alla stessa: Carmen Maffeo, Presidente del Comitato provinciale UNICEF Benevento; Carmen Maddaloni, mediatrice culturale; Agnese Ginocchio, cantautrice per la Pace; Rappresentanti di due associazioni campane di volontariato che operano in Eritrea; AMPER di Cava dei Tirreni(Salerno); Fondazione Tulino di Baiano(AV) e da Napoli una piccola parte della comunità dell' Eritrea. Per la chiusura della manifestazione del 23 luglio, sarà presente anche la Presidente del Comitato regionale Unicef Campania dott.ssa Margherita Dini Ciacci. Il programma delle serate dal martedì alla domenica prevede: ore 21 Cena etnica, proiezione documentario e musica etnica. Per garantire un’adeguata accoglienza e una buona cucina gli organizzatori chiedono di prenotarsi alla cena etnica chiamando ai numeri: 0823-957053/957383 oppure via mail a: unmondodimondi@libero.it >.

Per maggiori informazioni:
Concetta Della Valle
0823-957053///957383
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)