rassegna cinematografica

Solidarietà e impegno civile tra piazza e celluloide_Notti di Cinema a Piazza Vittorio

28 giugno 2006
ore 21:15

Cosa ci fanno a Piazza Vittorio un giornalista della CBS dei primi anni ‘50, un transessuale di Los Angeles, un professore palestinese di letteratura, un giovane ebreo e due bambini, Mario e Salomon?
Non si tratta della solita barzelletta sulle diversità.
Ma più semplicemente degli ospiti “su pellicola” di Cesv e Spes, i Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio, alla manifestazione Solidarietà e impegno civile tra piazza e celluloide, che si tiene a Roma tra il 28 giugno e il 3 luglio nell’ambito della rassegna Notti di cinema a Piazza Vittorio.
Per il secondo anno la solidarietà va sul grande schermo sotto le stelle di Piazza Vittorio e non è un caso che cinema e volontariato si stringano ancora una volta la mano nella piazza che più di tutte rappresenta l’anima di una città senza un’unica lingua ma capace di parlare al cuore di tutti con la stessa forza dirompente delle immagini in movimento.
Questa è Solidarietà e impegno civile tra piazza e celluloide: una piazza per incontrarsi, uno schermo nel quale rivedersi e scoprirsi parte attiva di una città che vive e conosce le sue contraddizioni e le sue virtù. Questo è lo spirito dei Centri di Servizio per il Volontariato che sostengono e lavorano al fianco di quei cittadini che hanno deciso di esserlo in modo attivo, per strada, nelle associazioni, ovunque…nella vita di tutti i giorni.

Il Programma (Ingresso Gratuito)

Mercoledì 28 giugno h 21.15
il film: GOOD NIGHT AND GOOD LUCK
I corti: “Sotto le foglie” (12’) di Stefano Chiodini
“G.R.A.” (48’) di Inès Enciso
Giovedì 29 giugno h 21.15
il film: LA GUERRA DI MARIO
I corti: “Female/male” (3’) di Daniele Lang
“En lo que va de ano” (10’) di Inès Enciso
“Compito in classe” (13’) di Daniele Cascella
Venerdì 30 giugno h 18.30
Incontro con CRESC sui temi
del Servizio Civile Volontario
h 21.15 il film: TRANSAMERICA
I corti: “Sotto le foglie” (12’) di Stefano Chiodini
“Punti di vista” (7’) di Michele Banzato
“La culpa del alpinista” (15’) di Daniel Sànchez Arevalo

Sabato 1 luglio h 21.15
il film: PRIVATE
I corti: “Crackers” (8’) di Salvatore Allocca
“Colpevole fino a prova contraria” (12’)di Hedy Krissane
“Zakaria” (15’) di Gianluca e Massimiliano De Serio
Domenica 2 luglio h 21.15
il film: VAI E VIVRAI
I corti: “If women laugh. Se le donne ridono” (25’)
Di Leonardo Ferri e Emanuele Giaccherini
Lunedì 3 luglio h 18.30
Incontro “Volontariato civico e associazionismo”
in collaborazione con il RES. Interviene l’Assessore alle Politiche sociali del Comune di Roma, Raffaela Milano
h 21.15 il film: OGNI COSA E’ ILLUMINATA
I corti: “Industrial” (8’) di Tommaso Biondi
“il Canto dei nuovi migranti” (53’) Franco D’Agostino e Arturo Lavorato

N.B. se la nazionale italiana disputerà i quarti di finale, la partita verrà trasmessa in diretta prima della proiezione del film



Per maggiori informazioni:
Anna
06.44702178
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)