evento

Corso estivo per nuovi istruttori di Danza Terapia metodo OLODANZA-

28 giugno 2006
ore 12:37

ASSOCIAZIONE OLOS
SCUOLA DI DANZATERAPIA
Metodo OLODANZA®
Condotta dal fondatore del metodo dr. ROMANO SARTORI, psicologo e olodancer

CHE COS’È L’OLODANZA
L’Olodanza è una forma globale (“olos” significa “il tutto, l’intero”) di danza-terapia e di evoluzione personale attraverso il movimento e la consapevolezza, nel senso che vi sono compendiati gli aspetti dell’energia, dell’espressione, della relazione interpersonale e della meditazione.
L’obiettivo è sciogliere i “blocchi” psicofisici, facendo sgorgare la gioia, la voglia di vivere, la comunicatività, la capacità di rilassarsi e di meditare. La bioenergia diventa fluida, come è nella sua natura. Vengono coinvolti e mobilizzati il corpo, le emozioni, la fantasia e l’anima.
Si approfondisce la sensibilità (corporea, affettiva, immaginativa, spirituale) collegandola ad un’espressività più o meno dinamica; riscoprendo, spesso in stato di trance (coscienza ampliata) l’appartenenza di ogni individuo a contesti sempre più ampi (il gruppo, l’umanità, la natura, il cosmo). L’aspetto fusionale non nega però la creatività personale: anzi, quanto più si va “oltre” se stessi come individui condizionati, tanto più si scopre la libertà, raggiungendo livelli poco frequentati di vitalità ed estasi.
Inoltre le diverse situazioni affrontate durante la sessione di Olodanza possono mettere a fuoco e migliorare aspetti problematici della vita personale.
Negli incontri vengono utilizzati esercizi appartenenti alle seguenti categorie: mobilizzazione energetica, respirazione, sensibilità, danza, gestualità, voce, relazione, contatto, rilassamento, meditazione.
OLODANZA® è un marchio registrato.

A CHI SERVE
a chi vuole migliorare:
- il benessere e il piacere di vivere
- lo stato bioenergetico del corpo e l’immunità verso le malattie psico-somatiche
- la sensibilità artistica e le capacità espressive
- l’empatia con gli altri
- l’esperienza dello stato meditativo
a chi vuole superare:
- stati di stanchezza e depressione
- situazioni di stress psicofisico
- difficoltà di comunicazione
- disorientamento esistenziale

PROGRAMMA DELLA FORMAZIONE
Per il conseguimento del Diploma di abilitazione in Olodanza è necessario frequentare con profitto le 39 giornate (di sette ore) della formazione, durante la quale verrà appresa la conduzione delle 78 lezioni di cui si compone l’intero programma dell’Olodanza. L’allievo imparerà a condurre gruppi di Olodanza e alla fine della sua formazione potrà offrire per due anni un programma variato di lezioni di due ore (normalmente da ottobre a giugno, con cadenza settimanale). Non è necessario avere particolari titoli di studio né saper ballare per accedere alla formazione.
Per la natura non progressiva delle lezioni, la scuola è concepita “a nastro continuo”: vuol dire che l’allievo può cominciare la formazione in qualsiasi momento, se ci sono posti disponibili, terminando con il completamento di tutte le lezioni.
Il Corso può essere frequentato anche parzialmente, come esperienza a sé stante.
L’insegnamento avrà un carattere eminentemente esperienziale, ma il significato della disciplina ed ogni esercizio saranno sempre approfonditi concettualmente.
Tutte le musiche necessarie per l’esecuzione degli esercizi saranno fornite su CD dopo ogni periodo frequentato. Ogni lezione comporta mediamente l’uso di 14 brani musicali specifici.
Sarà possibile esercitarsi nella conduzione di gruppo relativamente alle lezioni effettivamente apprese: non è necessario, dunque, attendere la fine della formazione per poter insegnare.
Le lezioni si svolgeranno di sabato (ore 16-19-30) e domenica (ore 9,30-13 e 14,30-18).

VERRANNO APPRESE TECNICHE E SPERIMENTATE SITUAZIONI PER:
- liberare ed ampliare il respiro
- sbloccare e stimolare l’energia vitale e la scioltezza del movimento e della voce (esercizi bioenergetici con immagini)
- usare il ritmo e la trance come apertura al mondo dell’energia pura
- attingere nel profondo alle proprie qualità emozionali: forza, serenità, dolcezza, passione, allegria e creatività (auto-ascolto e mobilizzazione emozionale)
- canalizzare queste qualità in una piena espressione e danzarle sulla base di musiche bellissime, anche con l’aiuto di visualizzazioni
- “sciogliersi” con gli altri migliorando l’apertura e il contatto
- usare il gruppo per canalizzare l’energia cosmica dentro di sé (captazione in cerchio)
- alleggerire i pesi e allargare i limiti della vita, intuendo soluzioni ai problemi (percezioni spontanee, libera condivisione in gruppo, sostegno psicologico)
- trovare un centro di stabilità e serenità personale (sensibilizzazione meditativa)
- ... ri-diventare naturali.

IL CONDUTTORE
Dr. ROMANO SARTORI. È psicologo con formazione bioenergetica e organismica. Ha ampliato la sua preparazione con diversi approcci energetici e di gruppo, come massaggio, rebirthing, gruppi di Osho, biodanza, shamanesimo brasiliano, focalizzando la sua attività sulla ricerca evolutiva in senso globale (corpo/emozioni/mente/spirito). Profondamente convinto del valore dell’arte nella trasformazione della persona, negli anni ha esteso i suoi interessi a molte attività espressive ed artistiche, praticandole in prima persona: poesia, scrittura, canto, teatro, danza. Con analogo approccio olistico ha affrontato la costruzione dell’Olodanza, compendiando in essa il meglio della sua esperienza e creatività. Tuttora sta lavorando al suo sviluppo e perfezionamento. Conduce gruppi di espressività e crescita personale dal 1978. E’ autore del libro “Olodanza, l’energia liberata”.
Associazione Olos promuove settimana di stage intensivo di 13 lezioni-
Arrivo mattina del 23 Luglio pomeriggio inizio corso- termine lezioni 30 di luglio (ultima lezione al mattino) partenza nel pomeriggio dopo il pranzo.
Costo della settimana tutto compreso : pernottamento/pranzo-cena e corso 980 euro.
Presso Agriturismo Fattoria Quercia – località Fagnano (BO)

Telef. Manuela 3356685031 o Simona 328 8636231

Per maggiori informazioni:
Manuela
335 6685031
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)