evento

INDOCFEST, ROMAGNA DOCUMENTARIA

2 luglio 2006
ore 13:44

Riparte la seconda edizione del festival itinerante di Cinema Documentario. Laboratorio di ideazione e produzione di cultura video e libera informazione in Romagna

Cesena – Non un festival come tanti, ma un laboratorio permanente di video produzione e analisi della realtà, questo è L’INDOCFEST, manifestazione ideata dal gruppo GIU in collaborazione con ViaTerrea, che ha l’obiettivo di favorire la produzione video documentaristica in un’ottica glocale (romagnola e internazionale insieme), promovendo nella cittadinanza una maggiore consapevolezza verso il reale e nelle istituzioni una maggiore attenzione verso le produzioni audiovisive.

Oltre alla divulgazione di opere documentaristiche, lo scopo principale del festival è quello di creare una rete di giovani autori, capace di interagire tra loro e con il mondo, primo passo per realizzare una scuola popolare di documentaristi/video maker in Romagna.
E’ con questo spirito che L’INDOCFEST esplora il cinema del reale e le produzioni low budget e indipendenti, attraverso la visione delle opere nelle piazze, attraverso gli incontri con gli autori di documentari e utilizzando il potente strumento del laboratorio. Quest’anno a cura di Corrado Bertoni, che per tutto il mese di luglio coinvolgerà giovani videomaker dei comuni di Roncofreddo, Longiano e Cesena in un workshop denominato Sopralluoghi, in cui si andrà alla ricerca di tracce e segni che nel territorio aspirano a divenire racconti, partendo da un testo, da una poesia, da una immagine. Le schegge video prodotte verranno proiettate nei due giorni conclusivi del festival, nella suggestiva piazza di Monteleone 12 e 13 agosto 2006.
L’INDOCFEST ha anche una sigla, un cortometraggio di un minuto e 20 secondi musicato da Dario Giovannini degli AIDORU. Itinerario festival si è reso disponibile a musicare il video prodotto dal laboratorio di Bertoni. La sigla verrà proiettata all’inizio di ogni serata e racconterà, in poco più di un minuto, cos’è il festival.

L’apertura è fissata per domenica 2 luglio, giornata nazionale del Documentario in collaborazione con Documè, a partire dalle 20,30 presso il Palazzo della Rocca di Roncofreddo, con la presentazione del libro di LUCIO D'ABBICCO “VIDEO-FORM-AZIONI, giochi ed esercizi con e intorno al video” Edizioni la meridiana”. Video-form-azioni è un libro che potrebbe avere come sottotitolo "Per una tecnologia veramente democratica", perché alla fine non è l´uso della telecamera che si insegna, quanto invece l´esercizio critico del pensare di fronte ad immagini scelte da altri. Seguirà la proiezione del documentario “IL SIBILO LUNGO DELLA TARANTA” 88 min, di Paolo Pisanelli. Musica e poesia nel film di Pisanelli sono le chiavi per aprire i confini del territorio e passare attraverso sogni e realtà. Esplorando il Salento, quale metafora del Sud-Italia, si raccontano storie di donne oppresse, di emigranti e braccianti che cantavano canzoni d’amore e di lavoro sotto il sole cocente.
Mentre giovedì 13 luglio dalle ore 21.00, si terrà la serata dal titolo “ITALIANI BRAVA GENTE?” proiezione di " Crimini di guerra fascisti" (originale:" Fascist Legacy", L’eredità del fascismo) un film-inchiesta di Ken Kirby della BBC, regìa della edizione italiana Massimo Sani, Regista e giornalista RAI, autore di numerose inchieste e documentari in particolare di carattere storico.
Film documentario dedicato ai crimini di guerra compiuti dall’esercito italiano durante le campagne d’Africa, prima, e successivamente nei Balcani durante la seconda guerra mondiale.
Saranno presenti il regista Massimo Sani e Massimo Lodovici dell’Istituto per la storia della Resistenza e dell’età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena.

Venerdì 14 luglio dalle ore 21,15, all’interno di VILLA SILVIA ROCK CAMP, L’INDOCFEST presenterà i documentari: “REPARTO 14” di Valentina Giovanardi, breve e intelligente intervista a Giorgio Antonucci, maestro dell’antipsichiatria e “REBELDÌA CON ALEGRÌA” di Eddi Bisulli e Marco Riva, breve reportage dal Social Forum Mediterraneo di Barcellona 2005.
Sabato 12 agosto, all’interno della piazza di Monteleone, l’INDOCFEST presenterà alcune opere di Silvia Savorelli, documentarista che si è dedicata in particolare alla realizzazione di film di montaggio, distinguendosi per l'attenzione storica e la precisione filologica nel riuso creativo del repertorio. Collabora da anni con l'Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico, e insegna regia e produzione degli audiovisivi in workshop universitari a Ferrara e a Pisa.
Per la giornata conclusiva del festival, domenica 13 agosto, sempre a Monteleone, si terrà un incontro con Maria Martinelli, documentarista ravvennate vincitrice dell’ultima edizione di Anteprima film festival di Bellaria. Durante la serata oltre ai lavori della Martinelli verranno proiettati i video prodotti dal laboratorio di Corrado Bertoni e una selezione dal corso organizzato da Téchne e tenuta da uno dei maestri del cinema italiano Gian Vittorio Baldi.

A ottobre il festival continuerà con una particolare sessione autunnale in collaborazione con il Centro Cinema San Biagio di Cesena

Per maggiori informazioni:
Eddi Bisulli
340.3949462
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)