presidio

Dove sono i soldi dei bambini

10 luglio 2006

Il Partito Umanista denuncia da anni la tendenza dell'amministrazione comunale a ridurre progressivamente le risorse destinate ai Servizi Sociali, creando di fatto una situazione in cui risulta sempre più difficile per gli operatori del settore soddisfare i bisogni elementari delle persone in difficoltà (minori, anziani, disabili, adulti, ecc.).

La situazione già difficile è diventata negli ultimi tempi insostenibile in quanto il Comune di Torino paga con incredibili ritardi quei servizi di base gestiti dal privato sociale (comunità alloggio, educative territoriali ecc.), pagamenti tra l'altro già previsti e stanziati; le ultime fatture pagate dal Comune risalgono a novembre 2005 e a gennaio 2006 nei casi migliori.

Le cooperative e le associazioni che gestiscono alcuni servizi sono sempre più in difficoltà ed, in alcuni casi, sono costrette ad indebitarsi con le banche per garantire un sostegno adeguato ai bisogni delle persone di cui si occupano e per pagare gli stipendi agli operatori.

Particolarmente critico è il caso delle comunità alloggio per minori, di cui il Comune è legalmente responsabile, in cui i mancati pagamenti tolgono a bambini e ragazzi, già provenienti da esperienze difficili, gli elementi di base per la sopravvivenza (cibo, vestiario, alloggio).

Come mai questi ritardi nei pagamenti? Le casse del Comune sono forse vuote?
Sarà che i soldi già stanziati per questi servizi sono finiti a finanziare gli eventi "vetrina", utili solo per apparire in televisione?

Per il Partito Umanista è necessario che i minori, gli anziani, i disabili... le persone e la qualità della nostra vita siano priorità per il Comune di Torino.

Chiediamo quindi che il Comune di Torino stanzi subito i fondi già previsti per i Servizi Socaili, pagando gli arretrati a chi gestisce servizi per conto del comune, ed in futuro aumenti la disponibilità per questro capitolo di spesa in modo che Torino possa essere per davvero chiamata "città educativa".

PARTITO UMANISTA TORINO

Per maggiori informazioni:
Rocco Brancucci
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Pace
    Evento lo scorso 27 gennaio

    L'Albero della Pace ha ricordato la Shoah alla presenza della “Fiaccola della Pace”

    Ricordato il Cav. Di Franco, ultimo reduce sopravvissuto alla guerra, una pietra dedicata a "David Sassoli" e la posa al Muro dei testimoni del ritratto di Anna Frank.
    28 gennaio 2022 - Agnese Ginocchio (cantautrice per la Pace)
  • Cultura
    Giorno della Memoria

    Fare poesia dopo Auschwitz

    Primo Levi disse: “Io credo che si possa fare poesia dopo Auschwitz, ma non si possa fare poesia dimenticando Auschwitz. Una poesia oggi di tipo decadente, di tipo intimistico, di tipo sentimentale, non è che sia proibita, però suona stonata".
    27 gennaio 2022 - Franca Sartoni
  • Latina
    Honduras

    Bertha Zúniga “Le trasformazioni devono venire dai popoli”

    Copinh chiede al nuovo governo di creare le basi per il cambiamento
    e si manterrà vigile
    27 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)