concerto

Le canzoni di Battiato interpretate da Zed

28 luglio 2006
ore 18:24

Sarà la splendida Villa Ghellini di Villaverla a ospitare le canzoni di Franco Battiato interpretate da Zed per raccogliere fondi contro la Distrofia di Duchenne e Becker.

COMUNICATO STAMPA Thiene, 25 luglio 2006 - Si svolgerà nella serata di sabato 26 agosto 2006, nello splendido scenario di Villa Ghellini di Villaverla, nel vicentino, il Concerto di Zed dedicato al Parent Project Onlus, l'associazione di genitori contro la Distrofia Muscolare Duchenne e Becker, per raccogliere fondi che andranno a finanziare la ricerca di una cura contro la grave malattia genetica. Sul palco, presentati dalla bravissima Barbara Poletto, si esibiranno molti artisti che accompagneranno Zed nell'interpretazione di musiche e testi di Franco Battiato. Durante l'evento, che avrà inizio alle ore 20.30, ci sarà la partecipazione straordinaria dell'attrice comica Maria Rossi di Zelig Off.

“Questi eventi sono molto importanti non solo per le donazioni che consentono all'associazione di finanziare i progetti scientifici ma perchè ci offrono l'occasione di incontrare moltissime persone e diffondere le informazioni sulla Distrofia Muscolare di Duchenne e Becker. - Ha dichiarato Francesca Genovese, portavoce del Parent Project - In Veneto non sono molte le famiglie associate ma le stime ci fanno pensare che potrebbero essere circa 400 i ragazzi affetti dalla Distrofia di Duchenne e Becker. E' per noi molto importante riuscire a lavorare nel territorio in modo capillare; abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti, soprattutto degli enti locali e dei media, perchè le conoscenze, acquisite in tutto il mondo dall'associazione, possono garantire ai ragazzi, e alle famiglie, una vita di qualità e assicurargli la speranza di un futuro. - prosegue Genovese - Voglio ringraziare gli artisti e tutte le persone che ci aiutano realizzando questi eventi speciali; un grazie di cuore all'Amministrazione Comunale di Villaverla che ha patrocinato il concerto e messo a disposizione un luogo magnifico che favorirà la partecipazione di tantissimo pubblico.”

La Distrofia Muscolare di Duchenne/Becker (DMD/BMD) e' una malattia genetica caratterizzata dalla distruzione progressiva e inarrestabile dei muscoli, causata dalla mancanza della proteina distrofina, per un difetto nel gene corrispondente. Questa proteina serve da collante per le cellule muscolari. La DMD è una malattia rara che colpisce 1 su 3.500 maschi nati vivi, si stima che in Italia ci siano circa 5.000 casi ma non esistono dati ufficiali in quanto manca ancora un database dedicato. Ad esserne affetti sono esclusivamente i maschi, tranne rarissime eccezioni, a causa di un'alterazione di un gene localizzato sul cromosoma X che contiene le informazioni per la produzione della distrofina. Attualmente non esiste una cura specifica, ma un trattamento da parte di una equipe multidisciplinare che permette di migliorare le condizioni generali e raddoppiare le aspettative di vita.

Il Parent Project Onlus è una associazione di genitori fondata nel 1996 per sconfiggere la distrofia muscolare Duchenne/Becker. Per raggiungere tale obiettivo promuove e finanzia la ricerca scientifica in Italia e all'estero attraverso campagne di raccolta fondi che, in questi anni, hanno consentito un investimento complessivo di circa 1.000.000 euro per 50 progetti specifici. Altro obiettivo primario dell'associazione è il miglioramento delle condizioni di vita delle persone coinvolte dalla patologia. Per questo elabora programmi per la diffusione dell'informazione e per il sostegno alle famiglie. Tra i servizi offerti è attivo, da oltre tre anni, il Centro Ascolto Duchenne (CAD), un servizio gratuito che fornisce informazioni attraverso il numero verde 800 943 333 e del quale possono beneficiare, oltre alle famiglie, tutti gli specialisti interessati all'approfondimento. Il CAD, finanziato dall'ISMA - Istituti Santa Maria in Aquiro di Roma - si occupa di aggiornare un database che in questi anni è diventato uno strumento indispensabile per tutta l'equipe multidisciplinare e i ricercatori per monitorare gli sviluppi epidemiologici della patologia.

Per maggiori informazioni:
Ufficio stampa Parent Project Onlus
06 66182811
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1973: Firma della cessazione della guerra tra Stati Uniti e Vietnam del Nord.
  • Anno 1973: Il segretario americano alla difesa annuncia a Washington l'abolizione del servizio di leva obbligatorio.
  • Anno 0: Giornata di commemorazione della <b> Shoah</b> e di tutte le persecuzioni. Per non dimenticare

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)