corso

Laboratorio COMUNICAZIONE e CAMBIAMENTO SOCIALE

15 novembre 2006
ore 15:00 (Durata: 3 ore)

Inizio: sabato 30 settembre ore 15.00

Informazioni: Maria G. Di Rienzo sheela59CHIOCCIOLAlibero.it e Alberto 3389938222

3 incontri da 3 ore il sabato pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.00

Descrizione del corso e suoi obiettivi
"Il ruolo della comunicazione, e l’uso che facciamo delle parole, è cruciale nel nostro sviluppo come esseri umani. Ad esempio, la maggior parte di quello che sappiamo e siamo lo abbiamo imparato ascoltando. Sebbene noi si possa considerare il nostro modo di comunicare “normale” o “istintivo”, esso è largamente appreso e spesso si articola nelle forme del conflitto violento: difesa, ritiro, attacco. Spesso questo modulo ci ferisce o ferisce coloro con cui stiamo comunicando, complica e inquina le relazioni, non ci permette di identificare e chiarire cosa vogliamo in una data situazione, ne’ di trasformarla efficacemente per giungere ad un cambiamento. Scoprendo modi differenti di comunicare possiamo raggiungere i nostri scopi in modo cooperativo anziché aggressivo, sperimentare interazioni soddisfacenti con gli altri e prendere decisioni che rispondano ai nostri bisogni e valori senza che per questo sia necessario negare quelli altrui.Il seminario sperimenta soluzioni e processi relativi alla comunicazione, cerca di suscitare intuizioni e alternative: le linee guida attraverso le quali lavoreremo insieme si focalizzeranno sul rispetto reciproco, la pazienza, il coraggio, la responsabilità. Lavoreremo in un collettivo, onorando le abilità e l’esperienza di ciascun partecipante, attraverso riflessioni, esercizi a coppie e in gruppo, giochi di ruolo, eccetera."

sabato 30 settembre da ore 15 a ore 18
1° incontro “Come comunichiamo”:
Linguaggi e simboli;
Pensiero logico, categorizzazione, valutazione,;
Pensiero analogico, connessione, analogia, metafora;
Schemi mentali e cornici culturali: l’interpretazione dei dati sensori;
Organizzare il discorso: il metodo “cinque in uno”;
Parlare in pubblico.

Sabato 7 ottobre da ore 15 a ore 18
2° incontro “Con chi comunichiamo”
Costruire e mantenere relazioni;
Metodi generali per il cambiamento/il mantenimento della situazione;
Archetipi e stereotipi della comunicazione;
Identificare le istanze;
Muoversi secondo la propria agenda;
I media.

Sabato 14 ottobre da ore 15 a ore 18
3° incontro: “Perché comunichiamo”
Il conflitto (responsi tipici, modi di gestione);
Fondamenti dei metodi decisionali;
Come parlare dei nostri scopi;
Identificare piani e tecniche;
Informare, consultare, coinvolgere, collaborare;
Le istituzioni.

Docente Maria G. Di Rienzo e' saggista, giornalista, narratrice, regista teatrale e commediografa, formatrice, ha svolto rilevanti ricerche storiche sulle donne italiane per conto del Dipartimento di Storia Economica dell'Universita' di Sidney (Australia); e' impegnata nel movimento delle donne, in esperienze di solidarieta' e in difesa dei diritti umani, per la pace e la nonviolenza. E' una delle portavoce della Convenzione permanente di donne contro le guerre. Tra le opere di Maria G. Di Rienzo: con Monica Lanfranco (a cura di), Donne disarmanti, Edizioni Intra Moenia, Napoli 2003; con Monica Lanfranco (a cura di), Senza velo. Donne nell'islam contro l'integralismo, Edizioni Intra Moeni

Informazioni: Maria G. Di Rienzo sheela59CHIOCCIOLAlibero.it e Alberto 3389938222

Per maggiori informazioni:
alberto
3389938222
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)