manifestazione

SOSTA SOLIDALE in stazione: Occhi nuovi per guardare il mondo". In stazione Garibaldi la terza tappa del progetto itinerante di sensibilizzazione sulla Cooperazione Internazionale

25 agosto 2006

Si apre venerdì 25 agosto a Milano Porta Garibaldi la terza tappa di “Sosta Solidale”, evento nazionale di informazione e sensibilizzazione sulle tematiche della solidarietà e della Cooperazione Internazionale che fino a ottobre toccherà alcune importanti stazioni ferroviarie e metropolitane italiane.

Il progetto itinerante, promosso da BuenaOnda, Africa 70 e Politiche Sociali del Gruppo Ferrovie dello Stato, con la partnership di Centostazioni, Atm e Metronapoli, offre ai viaggiatori e frequentatori delle stazioni l’occasione di conoscere meglio il mondo della solidarietà e dello sviluppo sostenibile, attraverso i progetti e le attività delle Ong impegnate nella Cooperazione Internazionale.

Dopo le tappe nelle stazioni ferroviarie di Messina e Pescara, Sosta Solidale si ferma nelle stazioni ferroviarie di Milano Porta Garibaldi e Roma Ostiense del network Centostazioni e nelle stazioni metropolitane Rho-Fiera Milano in gestione di Atm, e Vanvitelli della linea metropolitana 1 Napoli.

In ciascuna stazione, volontari delle ONG accolgono cittadini e viaggiatori presso la postazione multimediali dove si può assistere alla proiezione di video e documentari sulle numerose attività svolte dalle Ong e associazioni del settore. E’ inoltre possibile sostenere direttamente i progetti di cooperazione di tali organizzazioni acquistando un barattolino di miele “solidale” da 250 grammi, prodotto goloso e dolce, nel sapore quanto nel significato. Oppure, utilizzando il canale messo a disposizione da Banca Popolare Etica, effettuare un versamento al Conto Corrente n. 114110, intestato ad Africa 70 - Causale Sosta Solidale - ABI 05018, CAB 01600, CIN W.

Sosta solidale offre così un momento di stimolo, un incentivo verso una nuova visione del mondo e, quindi, una nuova concezione del viaggiare: non solo macinare chilometri o solcare continenti, ma evolvere dentro, afferrando l’essenza di ciò che ci circonda e abituandosi a rispettarla con l’adozione di uno stile di vita sostenibile e solidale. Perché qualsiasi strada può portare in capo al mondo se si è pronti a mettersi in gioco, guardando la vita con occhi nuovi.

Per maggiori informazioni:
Francesca Naboni
328 6482954
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1977: Muore Alice Paul, fautrice di lotte nonviolente per i diritti delle donne

Dal sito

  • Disarmo
    ... Forse è ancora possibile sperare...

    Dal Costa Rica un commento alla nuova ratifica al TPAN

    L'ultima firma, dal governo delle Isole Fiji, ha fatto calare a 11 il numero di Stati ancora necessari per l'entrata in vigore del Trattato. Il Ministro degli Esteri costaricano approva e ne sottolinea la necessità
    9 luglio 2020 - Roberto Del Bianco
  • Ecologia
    Oggi la confererenza stampa

    Inquinamento, a Taranto nasce il Comitato del cittadino per salute e ambiente

    Ha avuto risonanza la notizia della costituzione del Comitato, qui riportiamo Radio Radicale, la RAI e TRM network.
    8 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Si propone il fermo degli impianti ILVA sottoposti a sequestro dalla magistratura

    Comitato Cittadino per la salute e l’ambiente a Taranto

    Il Comitato Cittadino è una struttura che unisce cittadini e federa associazioni che convergono su finalità comuni, adottando la nonviolenza, la gentilezza e la cittadinanza attiva come metodologie di azione.
    6 luglio 2020
  • Pace
    Dopo questi orribili fatti il governo Tambroni si dimise

    La strage di Reggio Emilia

    Partigiani e operai assassinati nella strage del 7 luglio 1960: fu un cortocircuito tra la società civile e antifascista e le istituzioni
    6 luglio 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Taranto sotto una tempesta di polvere proveniente dall'ILVA

    Polveri industriali sulla città di Taranto, governo sotto accusa

    Peacelink scrive al ministro dell’Ambiente, Costa. “Invece di invocare la celerità - sostiene l’associazione Peacelink - voi state concedendo proroghe e deroghe alle prescrizioni dell'Aia (Autorizzazione integrata ambientale). Viene meno la certezza delle norme".
    5 luglio 2020 - Agenzia stampa AGI
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)