tavola rotonda

Facciamo pace: progetti e testimonianze

21 settembre 2006
ore 16:30

FESTA DELLA PACE – Bozza Programma

PATROCINI
Comune di Bari, Bitonto, Provincia di Bari, Regione Puglia

ADESIONE

Msf, Amnesty international, Un ponte per, Aircoiris Tv, Wwf, Banca Etica, Forum del III settore, Tavola della Pace, Circolo interculturale Abusuan, Arci Pi Greco, Fa la cosa giusta, Unicef, Associazione Onlus Mondo Antico e tempi moderni, Arcidiocesi Bari Bitonto, altra economia, libera terra, csi

Dal 23 al 26 settembre mostre e banchetti delle associazioni, lezioni di capoeira, spettacoli, concerti, giochi senza barriere

Tavola Rotonda – Facciamo pace: Progetti e testimonianze

La “pace” di ogni cittadino del mondo è necessaria.
Pace non vuol dire assenza di guerra, ma soprattutto assenza di conflitti, ed è proprio alla riduzione di questi che tende la ns. idea.
I conflitti umani (interiori, fisici, familiari, sociali, ecc) sono da affrontare attraverso l’educazione alla Pace.

Nominativo Carica Intervento
Prof. Martino Assessore alla pace del comune di Bari
Dr. Nicola Occhiolino Tavola della Pace – Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani
Dr. Ssa Barbara Galmuzzi Medici senza frontiere – responsabile settore eventi e sensibilizzazione
Miloud Oukili Premio Unicef 2000
d.ssa Silvia Godelli (?) Assessore mediterraneo regione puglia
Dr. Antonello zaza Ass. ai servizi sociali provincia di Bari
Dr. Ssa Antonella Greco Responsabile ufficio stampa Un ponte per
Prof. Nicola Pice Sindaco Comune di Bitonto
Dr. Francesco Paolo Ricci Assessore Comune di Bitonto
Mestre Cagnhao Fondatore gruppo “lembranca negra Iniziativa “educando com arte”
Dr. Francesco Vignarca (?) Coordinatore “Altra economia”
Don Raffaele Bruno Coordinatore regionale Libera
Dr. Gianluigi Devito Gazzetta del mezzogiorno

Per maggiori informazioni:
annalisa evangelista
080-9640200
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)