festa

UNA CANZONE PER LA PACE 2006 “Per la Pace e contro tutte le Guerre”

23 settembre 2006
ore 15:00 (Durata: 8 ore)

La Circoscrizione 5 di Torino, mediante il Centro per la promozione della Pace, dei Diritti dei cittadini e per il superamento dell’handicap ed in collaborazione con il Comitato Pace e contro tutte le Guerre, attraverso un contributo all’associazione Il cerchio e le gocce, promuove un Concorso Musicale rivolto ai gruppi musicali di base della Circoscrizione 5 e della Città per l'elaborazione originale di una canzone sul tema "Per la Pace e contro tutte le Guerre".
L’iniziativa, che si avvale anche della collaborazione del progetto cittadino Pagella Rock, vuole riproporsi annualmente ed è tesa a promuovere e sviluppare la partecipazione dei giovani, proponendo riflessioni e produzioni artistico-culturali sulle problematiche inerenti la costruzione di percorsi di Pace, focalizzando di volta in volta specifici temi di riferimento.
Si tratta di una non-stop che si svolgerà Sabato 23 Settembre 2006 - dalle ore 15 alle ore 23 - presso il Centro Culturale “Principessa Isabella” - Via Verolengo 212 (sede priva di barriere architettoniche, accessibile a tutti), abbinata ad altri momenti aggregativo-culturali concomitanti che si svolgeranno simultaneamente all’aperto (mostre, esposizione di prodotti artigianali tipici di diverse culture e del commercio equo e solidale, presentazione di attività ed iniziative di associazioni impegnate per la promozione della pace, dei diritti umani e civili, contro le discriminazioni, ecc.).
Nel corso dell’iniziativa prima descritta s’intende anche realizzare un evento pittorico-murale su pannelli mobili con la presenza di alcuni artisti per avviare e successivamente promuovere un Concorso Artistico rivolto ai gruppi di base della Circoscrizione 5 e della Città. Tale iniziativa porterà all’elaborazione originale di disegni, pitture, bozzetti, in collaborazione con Murarte, proponendo riflessioni e produzioni artistico-culturali sulle problematiche inerenti la costruzione di percorsi di Pace, focalizzando di volta in volta nuovamente uno specifico tema di riferimento.
Collegato a ciò si vuole realizzare una ricerca sistematica sui possibili spazi murali della Circoscrizione 5 che nel corso degli anni potrebbero essere usati per dipingere murales e dare “i colori della Pace” al quartiere, realizzando le pitture degli elaborati scelti da un’apposita Commissione a ciò specificatamente dedicata, con il coinvolgimento della comunità locale e in special modo i gruppi giovanili e le scuole.
L’obiettivo principale dell’iniziativa è la sensibilizzazione alla tematica della Pace (intesa non solo come assenza della Guerra e del conflitto violento ma come convivenza pacifica e costruttiva nel rispetto e valorizzazione delle reciproche differenze, nel Quartiere, in Europa, nel Mondo), nonchè delle condizioni per riuscire a realizzarla (rispetto e promozione dei diritti umani, sviluppo ed economia a misura di persona, di tutte le persone, democrazia reale, diretta e partecipata, accesso condiviso alle risorse, rispetto e valorizzazione dell’ambiente, ecc.), cercando di stimolare i cittadini a una riflessione concreta ed il più possibile diretta su questi temi.
Obiettivo secondario, ma non meno importante, sarà il concretizzare momenti e forme diverse di partecipazione e aggregazione, aperti a tutti gli abitanti della Circoscrizione ma soprattutto ai giovani, ai quali è affidata la concreta utopia di un mondo finalmente pacificato, le cui risorse siano democraticamente condivise e nel quale ogni essere umano possa svilupparsi al massimo delle proprie possibilità, nel rispetto e valorizzazione delle reciproche diversità.

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)