manifestazione

SOSTA SOLIDALE IN STAZIONE: OCCHI NUOVI PER CAMBIARE IL MONDO Alla stazione Ostiense la quinta tappa del progetto itinerante di sensibilizzazione sulla Cooperazione Internazionale

22 settembre 2006

Si apre venerdì 22 settembre a Roma Ostiense la quinta tappa di “Sosta Solidale”, evento nazionale di informazione e sensibilizzazione sulle tematiche della solidarietà e della Cooperazione Internazionale che fino a ottobre toccherà alcune importanti stazioni ferroviarie e metropolitane italiane.

Il progetto itinerante, promosso da BuenaOnda, Africa 70 e Politiche Sociali del Gruppo Ferrovie dello Stato, con la partnership di Centostazioni, Atm e Metronapoli, offre ai viaggiatori e frequentatori delle stazioni l’occasione di conoscere meglio il mondo della solidarietà e dello sviluppo sostenibile, attraverso i progetti e le attività delle Ong impegnate nella Cooperazione Internazionale.

Dopo le tappe nelle stazioni ferroviarie di Messina e Pescara, Milano Porta Garibaldi e Rho-Fiera, Sosta Solidale si ferma nella stazione ferroviaria di Roma Ostiense del network Centostazioni per poi chiudere nella stazione Vanvitelli della linea metropolitana 1 Napoli., gestita da Metronapoli.

In stazione, volontari delle ONG accolgono cittadini e viaggiatori presso la postazione multimediali dove si può assistere alla proiezione di video e documentari sulle numerose attività svolte dalle Ong e associazioni del settore. E’ inoltre possibile sostenere direttamente i progetti di cooperazione di tali organizzazioni acquistando un barattolino di miele “solidale” da 250 grammi, prodotto goloso e dolce, nel sapore quanto nel significato. Oppure, utilizzando il canale messo a disposizione da Banca Popolare Etica, effettuare un versamento al Conto Corrente n. 114110, intestato ad Africa 70 - Causale Sosta Solidale - ABI 05018, CAB 01600, CIN W.

Sosta solidale offre così un momento di stimolo, un incentivo verso una nuova visione del mondo e, quindi, una nuova concezione del viaggiare: non solo macinare chilometri o solcare continenti, ma evolvere dentro, afferrando l’essenza di ciò che ci circonda e abituandosi a rispettarla con l’adozione di uno stile di vita sostenibile e solidale. Perché qualsiasi strada può portare in capo al mondo se si è pronti a mettersi in gioco, guardando la vita con occhi nuovi.

Per maggiori informazioni:
Francesca Naboni
328 6482954
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Ecologia
    Lettera aperta

    I soldi della Regione Puglia all'ILVA? Uno sperpero di denaro pubblico

    La dichiarazione del Governatore Michele Emiliano - all'indomani della sua rielezione - di voler entrare a pieno titolo, come Regione Puglia, nella gestione dell’ILVA ha suscitato una forte reazione fra i cittadini e nel movimento ambientalista.
    25 settembre 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Latina
    Honduras

    Miriam Miranda: “Affrontiamo persone potenti, ma non smetteremo mai di lottare”

    Due mesi dalla sparizione forzata di Snaider, Milton, Suami, Gerardo e Junior
    23 settembre 2020 - Giorgio Trucchi
  • Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Era nato a Nova Milanese nel 1942

    E' morto Virginio Bettini

    Ha collaborato con Barry Commoner e con lui pubblicò a doppia firma "Ecologia e lotte sociali" nel 1976. Insieme andarono in Vietnam per denunciare i disastri causati dalla diossina lanciata dagli USA nella guerra chimica. E' stato europarlamentare verde.
    21 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Disarmo
    Una novità che invita gli attuali governi ad una svolta

    Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari

    Cinquantasei ex presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e ministri della difesa di 20 stati membri della NATO, nonché Giappone e Corea del Sud, hanno appena pubblicato una lettera aperta
    21 settembre 2020 - Tim Wright (Coordinatore ICAN)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)