dibattito

“Ecuador: resistenza indigena, petrolio, Amazzonia. Nuove forme di collaborazione tra Nord e Sud del mondo alla difesa dei beni comuni”.

29 settembre 2006
ore 17:30 (Durata: 1 ore)


COMUNICATO STAMPA

Venerdì 29 settembre alle ore 17.30, presso la Sala degli Affreschi della Biblioteca Comunale di Trento, l’Associazione Onlus “A Sud” organizza un incontro su: “Ecuador: resistenza indigena, petrolio, Amazzonia. Nuove forme di collaborazione tra Nord e Sud del mondo alla difesa dei beni comuni”.
Giornalisti di Roma e del Trentino, attivisti piemontesi ed altoatesini, nonché l’Assessora Iva Berasi, si confronteranno sui temi della cooperazione internazionale.
Sarà presentato per la prima volta in regione il libro “Il sangue della terra – Atlante geografico del petrolio” (Ed. DeriveApprodi, Roma). Seguirà la proiezione del video “Shuàr – I figli del dio invisibile”, a cura di Helios.

Sul banco degli imputati: 13 multinazionali del petrolio. Parte lesa: l’Amazzonia ecuadoriana e i popoli che la abitano da millenni e cercano di difenderla.
“Il Sangue della Terra - Atlante geografico del petrolio” è un libro che per la prima volta analizza e denuncia, con dati, documenti e testimonianze, i disastri ambientali, le violazioni dei diritti umani, le aggressioni e i crimini commessi su uno degli ecosistemi più importanti al mondo e sulle popolazioni indigene che lo proteggono. Ma è anche una geografia della resistenza. Popoli, come i Cofanes, gli Shuàr e i Kichwas, a rischio della loro sopravvivenza, lottano contro le trivelle per difendere la “Pachamama” (la Sacra Madre Terra) e il petrolio che loro considerano il sangue stesso del pianeta. Il libro è diviso in 16 capitoli, tanti quanti sono i “blocchi petroliferi”, dati in concessione a Repsol, Eni, Encana e a tante altre “sorelle del petrolio”, ed è il risultato del decennale lavoro dell’Associazione ecuadoriana Acciòn Ecològica la cui portavoce, la biologa Esperanza Martinez, è una delle fondatrici di Oil Watch ed è insignita del Premio Langer nel 2002.

L’associazione “A Sud”, che da tempo collabora con Acciòn Ecològica, ha tradotto e curato “L’Atlante Geografico del petrolio” perché anche in Italia sia chiaro quello che sta dietro le pubblicità patinate e quanto le multinazionali del petrolio risultino illuminate da una luce sinistra che ne svela il volto aggressivo e violento.
Un’esperienza di parternariato fra due associazioni, una del cosiddetto Nord del mondo, e l’altra del Sud, frutto di un modello di cooperazione “orizzontale” e della presa di coscienza di quello che è il “debito ecologico” verso i Paesi del Terzo Mondo; un reciproco aiuto e una feconda compenetrazione di esperienze che viaggia sul concetto di un mondo di tutti e un futuro da condividere necessariamente insieme.

Venerdì 29 settembre, insieme ad Enzo Mangini, giornalista del settimanale “Carta” e di “Lettera22”, Ugo Zamburru, psichiatra ed attivista nel campo della cooperazione internazionale per Arci di Torino, Enzo Vitalesta, dell’Associazione “A Sud” e curatore dell’”Atlante geografico del petrolio”, Patrick Kofler, regista di Helios, insieme all’Assessora Provinciale alla Cooperazione e Pari Opportunità di Trento Iva Berasi, si parlerà dunque di multinazionali del petrolio, di resistenze indigene, di Ecuador, argomenti tanto più di attualità viste le prossime elezioni presidenziali del Paese del 15 ottobre.
Ma sarà anche l’occasione per un sereno confronto su come la cooperazione internazionale si possa e debba rapportare ai paesi del Sud del mondo.

A Sud nasce al fianco dei movimenti sociali e indigeni del sud del mondo.
Promuove campagne ed azioni per la difesa dei beni comuni per la salvaguardia delle foreste primarie e delle culture originarie, per il riconoscimento del debito ecologico del Nord verso il Sud del mondo, e per la democratizzazione delle istituzioni internazionali.
A Sud sostiene il pieno coinvolgimento delle comunità locali attraverso progetti di cooperazione basati sui principi dell’autogestione e della democrazia partecipata.
www.asud.net

Per info: Francesca Caprini 348 7467493
E –mail: siska13@libero.it

A CURA DELL’ASSOCIAZIONE “ A SUD – TRENTINO”

Venerdì 29 settembre – ore 17.30 – Sala degli Affreschi della Biblioteca Comunale di Trento, via Roma.

Incontro sul tema:

“Cooperazione in Movimento.
Ecuador: resistenza indigena, petrolio, Amazzonia.
Nuove forme di collaborazione tra Nord e Sud del mondo alla difesa dei beni comuni”.

Presentazione del libro “Il sangue della terra – Atlante geografico del petrolio” (Ed. DeriveApprodi, Roma).

Proiezione del video “Shuàr – I figli del dio invisibile”, a cura di Elios.

Interverranno:
Enzo Vitalesta – associazione A Sud
Iva Berasi – assessore provinciale alla cooperazione
Enzo Mangini – giornalista di “Carta” e “Lettera22”
Ugo Zamburru – resp. Esteri Arci Piemonte
Patrick Kofler – regista
Modera: Francesca Caprini – giornalista, associazione A Sud

Trento, 25 settembre ‘06

Per maggiori informazioni:
francesca caprini
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1956: Danilo Dolci con decine di disoccupati fa uno "sciopero alla rovescia", ricostruendo una strada abbandonata a Trappeto, in Sicilia. Finisce in carcere.
  • Anno 1932: Si apre a Ginevra la prima convenzione per il disarmo mondiale.

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)