dibattito

“Ecuador: resistenza indigena, petrolio, Amazzonia. Nuove forme di collaborazione tra Nord e Sud del mondo alla difesa dei beni comuni”.

29 settembre 2006
ore 17:30 (Durata: 1 ore)


COMUNICATO STAMPA

Venerdì 29 settembre alle ore 17.30, presso la Sala degli Affreschi della Biblioteca Comunale di Trento, l’Associazione Onlus “A Sud” organizza un incontro su: “Ecuador: resistenza indigena, petrolio, Amazzonia. Nuove forme di collaborazione tra Nord e Sud del mondo alla difesa dei beni comuni”.
Giornalisti di Roma e del Trentino, attivisti piemontesi ed altoatesini, nonché l’Assessora Iva Berasi, si confronteranno sui temi della cooperazione internazionale.
Sarà presentato per la prima volta in regione il libro “Il sangue della terra – Atlante geografico del petrolio” (Ed. DeriveApprodi, Roma). Seguirà la proiezione del video “Shuàr – I figli del dio invisibile”, a cura di Helios.

Sul banco degli imputati: 13 multinazionali del petrolio. Parte lesa: l’Amazzonia ecuadoriana e i popoli che la abitano da millenni e cercano di difenderla.
“Il Sangue della Terra - Atlante geografico del petrolio” è un libro che per la prima volta analizza e denuncia, con dati, documenti e testimonianze, i disastri ambientali, le violazioni dei diritti umani, le aggressioni e i crimini commessi su uno degli ecosistemi più importanti al mondo e sulle popolazioni indigene che lo proteggono. Ma è anche una geografia della resistenza. Popoli, come i Cofanes, gli Shuàr e i Kichwas, a rischio della loro sopravvivenza, lottano contro le trivelle per difendere la “Pachamama” (la Sacra Madre Terra) e il petrolio che loro considerano il sangue stesso del pianeta. Il libro è diviso in 16 capitoli, tanti quanti sono i “blocchi petroliferi”, dati in concessione a Repsol, Eni, Encana e a tante altre “sorelle del petrolio”, ed è il risultato del decennale lavoro dell’Associazione ecuadoriana Acciòn Ecològica la cui portavoce, la biologa Esperanza Martinez, è una delle fondatrici di Oil Watch ed è insignita del Premio Langer nel 2002.

L’associazione “A Sud”, che da tempo collabora con Acciòn Ecològica, ha tradotto e curato “L’Atlante Geografico del petrolio” perché anche in Italia sia chiaro quello che sta dietro le pubblicità patinate e quanto le multinazionali del petrolio risultino illuminate da una luce sinistra che ne svela il volto aggressivo e violento.
Un’esperienza di parternariato fra due associazioni, una del cosiddetto Nord del mondo, e l’altra del Sud, frutto di un modello di cooperazione “orizzontale” e della presa di coscienza di quello che è il “debito ecologico” verso i Paesi del Terzo Mondo; un reciproco aiuto e una feconda compenetrazione di esperienze che viaggia sul concetto di un mondo di tutti e un futuro da condividere necessariamente insieme.

Venerdì 29 settembre, insieme ad Enzo Mangini, giornalista del settimanale “Carta” e di “Lettera22”, Ugo Zamburru, psichiatra ed attivista nel campo della cooperazione internazionale per Arci di Torino, Enzo Vitalesta, dell’Associazione “A Sud” e curatore dell’”Atlante geografico del petrolio”, Patrick Kofler, regista di Helios, insieme all’Assessora Provinciale alla Cooperazione e Pari Opportunità di Trento Iva Berasi, si parlerà dunque di multinazionali del petrolio, di resistenze indigene, di Ecuador, argomenti tanto più di attualità viste le prossime elezioni presidenziali del Paese del 15 ottobre.
Ma sarà anche l’occasione per un sereno confronto su come la cooperazione internazionale si possa e debba rapportare ai paesi del Sud del mondo.

A Sud nasce al fianco dei movimenti sociali e indigeni del sud del mondo.
Promuove campagne ed azioni per la difesa dei beni comuni per la salvaguardia delle foreste primarie e delle culture originarie, per il riconoscimento del debito ecologico del Nord verso il Sud del mondo, e per la democratizzazione delle istituzioni internazionali.
A Sud sostiene il pieno coinvolgimento delle comunità locali attraverso progetti di cooperazione basati sui principi dell’autogestione e della democrazia partecipata.
www.asud.net

Per info: Francesca Caprini 348 7467493
E –mail: siska13@libero.it

A CURA DELL’ASSOCIAZIONE “ A SUD – TRENTINO”

Venerdì 29 settembre – ore 17.30 – Sala degli Affreschi della Biblioteca Comunale di Trento, via Roma.

Incontro sul tema:

“Cooperazione in Movimento.
Ecuador: resistenza indigena, petrolio, Amazzonia.
Nuove forme di collaborazione tra Nord e Sud del mondo alla difesa dei beni comuni”.

Presentazione del libro “Il sangue della terra – Atlante geografico del petrolio” (Ed. DeriveApprodi, Roma).

Proiezione del video “Shuàr – I figli del dio invisibile”, a cura di Elios.

Interverranno:
Enzo Vitalesta – associazione A Sud
Iva Berasi – assessore provinciale alla cooperazione
Enzo Mangini – giornalista di “Carta” e “Lettera22”
Ugo Zamburru – resp. Esteri Arci Piemonte
Patrick Kofler – regista
Modera: Francesca Caprini – giornalista, associazione A Sud

Trento, 25 settembre ‘06

Per maggiori informazioni:
francesca caprini
348 7467493
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)