evento

PIACERE DI CONOSCERTI

28 settembre 2006
ore 09:00

di Zefferino Di Gioia - Clown dottore Zerò
della Compagnia dell'arpa a dieci corde del GAU onlus

Si rafforza la collaborazione dei clown dottori del GAU onlus con l’ospedale pediatrico Burlo Garofolo.

Giovedì 28 settembre 2006, ore 9.00
c/o I.R.C.C.S BURLO GAROFOLO
Via dell’Istria 65/1 – 34137 TRIESTE

Con il patrocinio del Comune e della Provincia di Trieste e “grazie” al contributo dei soci COOP – Consumatori Nordest (distretto di Trieste), che hanno finanziato il progetto, continuano, nell’ambito del progetto “PIACERE DI CONOSCERTI”, in collaborazione con il Centro Studi I.Fa.S. - Individuo Famiglia Sistema, gli interventi dei clown-dottori “della “Compagnia dell’arpa a dieci corde”, dell’associazione onlus GAU – Gruppo di Azione Umanitaria, all’interno della quinta circoscrizione di Trieste, che comprende anche l’ospedale pediatrico IRCCS Burlo Garofolo, dove sono previsti, entro la fine di dicembre, 4 incontri mattutini, che vanno a sommarsi agli incontri settimanali (mercoledì) e quindicinali (il sabato), resi operativi, nel corso di questi ultimi anni, all’interno della struttura ospedaliera dai clown dottori del GAU.
Il costante contatto dei clown dottori del GAU con i piccoli pazienti del Burlo ha determinato il rafforzamento della collaborazione con le altre associazioni presenti nell’ospedale pediatrico, in particolare con l’AGMEN.
Il progetto ha beneficiato, per il 2° anno consecutivo, del congruo aiuto finanziario dei soci Coop – Consumatori Nordest.
A tale proposito, essendo il contributo “superiore ad ogni aspettativa”, si prevede una donazione, consistente in libri bilingue, al reparto ematoencologico del Burlo, che supererà abbondantemente i duemila euro. Far evocare ai bambini ospiti del reparto un po’ del profumo della loro terra, mentre sfogliano le pagine dei libri, è lo scopo della donazione.
Il progetto “Piacere di conoscerti” è nato dall’idea di far incontrare, nel territorio, le “diversità”, favorendo, attraverso la costruzione di relazioni positive e la condivisione delle esperienze, la conoscenza e l’amicizia tra persone di tutte le età e di diverse condizioni sociali e culturali.
Per il raggiungimento di tali obiettivi il progetto “Piacere di conoscerti” si avvale di una metodologia specifica, che è quella del “gioco”.
Attraverso il modello del gioco infatti si vuole proporre l’esperienza dello stare insieme, la conoscenza reciproca, ciascuno nella propria umanità, un contesto positivo per affrontare anche situazioni problematiche.
Lo scopo è promuovere la creatività, la libera aggregazione, l’incontro e l’uguaglianza tra le culture, il reciproco rispetto, soprattutto tra i giovani, cercando di favorire l’avvicinamento degli stessi a forme di impegno civico nel contesto in cui le persone vengono a trovarsi.
L’aspetto educativo della clownerie mette in evidenza il linguaggio universale del gioco come simbolo di fratellanza.
Attraverso il gioco il clown può avviare un processo creativo, iniziare un percorso, creare quello stato d’animo che fa scoprire la bellezza del proprio corpo, recuperare la gioia di sorridere, di stare con gli altri, di imparare senza difficoltà a giocare, a mettere in azione l’immaginazione, a dare spazio alla fantasia,.
Gli interventi cercano di creare un’atmosfera magica ed una forte unione di gruppo. Ed è tanto intensa questa unione che spesso si possono instaurare amicizie destinate a durare nel tempo.
La chiave di questa esperienza!!!?
Un sorriso ed….una stretta di mano:”Piacere di conoscerti”.
Quella stretta di mano, racchiusa nel logo dell’associazione, che invita “tutti” a mettere in comune il mondo che è dentro ognuno di noi.

Per maggiori informazioni:
Zefferino Di Gioia
3498858463
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)