manifestazione

LIBERI E UGUALI

30 settembre 2006
ore 15:00

LIBERI E UGUALI
INSIEME per difendere la nostra dignità e i diritti di cittadinanza.
INSIEME contro il razzismo e la xenofobia, per la libertà religiosa, per il diritto di tutti di avere i loro luoghi di preghiera.
INSIEME contro la legge BOSSI-FINI, che impone attraverso la truffa delle quote di ingresso la clandestinità e il lavoro nero.
INSIEME contro le bande di spacciatori, venditori di morte.
Noi cittadini migranti abbiamo deciso di prendere la parola in questa città:
A Padova siamo ormai 20.000. Una presenza che è molto cresciuta in questi anni e che crescerà ancora nel prossimo futuro.
Nelle scuole elementari e nelle medie inferiori di alcuni quartieri i nostri figli sono oltre il 15% della popolazione scolastica.
La nostra presenza fa da argine ad un invecchiamento della popolazione nativa altrimenti inarrestabile.
Abbiamo portato in questa città le nostre famiglie e i nostri figli quando abbiamo potuto, nonostante una legge che limita fortemente questo nostro diritto.
Vogliamo come tutti i cittadini padovani liberare questa città dalle bande dei venditori di morte, senza alcun riguardo al colore della pelle e alla loro provenienza.
Ma mentre ci mobilitiamo per questo obiettivo, con la stessa fermezza vogliamo respingere i tentativi di chi punta alla criminalizzazione di tutta la popolazione migrante e rispondere a chi promuove sulla nostra pelle speculazioni politiche.
Vogliamo dare una ferma risposta a chi, cavalcando le paure del nostro tempo, accomuna nello stesso buco nero le pratiche criminali di un’infima minoranza con le pratiche religiose e le attività umanitarie.
Facciamo appello ai cittadini migranti per una grande manifestazione di massa , a cui invitiamo anche i cittadini italiani le associazioni e i sindacati e le forze politiche che hanno condiviso e condividono la nostra battaglia di libertà ed eguaglianza.
LA MANIFESTAZIONE SI TERRÀ SABATO 30 SETTEMBRE
Ore 15.00 ALLA FIERA DI PADOVA
IN CHIUSURA PREGHIERA INTERRELIGIOSA
Promuovono le seguenti associazioni : ASCAN, NIGERIANI CATTOLICI, DIASPORA AFRICANA, RHAMA, ASSOC. MAROCCHINA DI PADOVA, RUMENA COLUMNA, ZATTERA URBANA, RETE DEL LAVORO MIGRANTE, ASSOC. DEL MALI, ASSOC. MOLDAVA BASTINA, ASS. DIRITTI E LAVORO SENZA FRONTIERE, ASSOC. TOFFA DEL BENIN, COMUNITA’FILIPPINA DI PADOVA
Hanno aderito: ACS, Associazione per la Pace di Padova, Arcinuova Associazione di Padova, Legambiente, ManiTese, Beati i Costruttori di Pace, CGIL Padova, Comunisti Italiani, Democratici di Sinistra, Margherita, Rifondazione Comunista, Socialisti Democratici Italiani, Forum Nazionale Immigrati DS, CGIL Veneto, FGCI

Attenzione: PARCHEGGIO AUTO GRATUITO INTERNO ALLA FIERA

Per maggiori informazioni:
Taoufik 3389594384
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)