convegno

Disarmo Atomico, alternative di Difesa e Risorse per la Pace e la Nonviolenza

14 ottobre 2006

Giornata di confronto tra le Popolazioni, i Politici, gli Scienziati

Rischio atomico. Il suolo italiano vede dislocati su di sé ordigni atomici, presenti in particolare in due basi militari, Ghedi (40 testate) ed Aviano (50). Questi territori sono quindi dei possibili obiettivi in caso di guerra atomica. Presenti in Italia sono anche sottomarini a propulsione nucleare (dotati di missili a testata nucleare): rilasciano scorie radioattive dannose per l'uomo e l'ambiente e diventano potenziali ordigni in caso di incidente.

In questa giornata il pubblico incontrerà persone impegnate per la pace tra cui religiosi, politici, scienziati e rappresentanti dei comitati locali che stanno conducendo lotte contro la presenza delle basi militari nei territori.

Sarà anche un'occasione per presentare la campagna "NO ALLA GUERRA NUCLEARE - insieme per il disarmo" lanciata da Zanotelli.

La giornata pone il problema non dal punto di vista allarmistico o ideologico, ma nell'ottica di chi si è trovato a contatto diretto con questa realtà e si è rimboccato le maniche e, attraverso strumenti democratici e nonviolenti, ha intrapreso concretamente la strada del cambiamento.

Gli interventi della mattina evidenzieranno la realtà viva dei comitati popolari, che porteranno la testimonianza dei protagonisti e tracceranno una mappa delle lotte e dei risultati ottenuti.
Questi gruppi si incontrano per la prima volta a Bologna.

Gli interventi del pomeriggio metteranno l'accento da un punto di vista scientifico e politico sulla scarsa validità della scelta nucleare come proposta militare/difensiva a fronte della sua estrema pericolosità civile e focalizzeranno la riflessione su alcune strategie politiche per affrontare il problema e sul percorso della creazione di un riferimento istituzionale alla Difesa Popolare Nonviolenta.

Ospiti della Mattina:

rappresentanti dei comitati di Aviano, Camp Derby, Capo Teulada, Gettiamo le Basi, Ghedi, La Maddalena, Napoli, Sicilia, Taranto, Vicenza.

Ospiti del Pomeriggio:

Alex ZANOTELLI (missionario comboniano)
Alfonso NAVARRA (giornalista, Lega Disarmo Unilaterale)
Angelo BARACCA (fisico nucleare, Università di Firenze)
Paolo CENTO (sottosegretario al ministero Economia e Finanze)
Alberto L'ABATE (Univeristà di Firenze)
Andrea LICATA (Centro studi ricerche per la pace, Università di Trieste)
Angelo CAVAGNA (prete dehoniano)
Massimo ALIPRANDINI (campagna OSM-DPN)
Giovanni RUSSO SPENA (senatore PRC)

Modera: Giancarla CODRIGNANI (giornalista)

locandina dell'iniziativa
http://www.gavci.it/html/img/14ottobre06_Bo_NoNucleare.pdf

sul sito del G.A.V.C.I. www.gavci.it sono disponibili materiali e contributi
http://www.gavci.it/html/modules.php?name=News&file=article&sid=96

Per maggiori informazioni:
Martino Ottomaniello
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    La verità dietro la stabilizzazione del fronte orientale

    I missili Nato a lunga gittata hanno fermato l'avanzata russa a Kharkiv?

    La vera ragione della stabilizzazione del fronte a Kharkiv è dovuta all'arrivo di significativi rinforzi. Ma l'affluenza di truppe a Kharkiv, usate per tappare i "buchi" del fronte, "scopre" altre zone del fronte: è un aspetto che la Russia sta astutamente sfruttando.
    18 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Inchiesta della Bbc sulla guardia costiera greca accusata di aver gettato in mare nove migranti

    Migranti, la strage senza fine mentre l'Europa guarda dall'altra parte

    Mentre la Meloni invia i missili a lunga gittata a Kiev, i bambini affogano davanti alle coste italiane. Si palesa il cinismo della Fortezza Europa che non salva i migranti e fa morire oltre a donne e bambini anche la sua anima solidale omettendo di soccorrere chi fugge da povertà e guerre.
    18 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    L'opposizione e la società civile esprimono timori, oggi si vota

    La Svezia entra la Nato e già si parla delle armi nucleari

    Il ministro della Difesa svedese nega la possibilità di ospitare armi nucleari, mentre il primo ministro lascia aperta la possibilità in caso di guerra. Parte della società civile, compresi 92 intellettuali e accademici, richiedono un referendum sull'accordo. Le preoccupazioni dei pacifisti.
    18 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Disarmo
    SIPRI e ICAN documentano che gli Stati Uniti spendono più di tutti per le armi atomiche

    Escalation nucleare: è il momento di dichiararsi pacifisti

    Sono oggi 9585 le testate atomiche in stato di allerta. Più di duemila possono essere lanciate con un breve preavviso. Le potenze nucleari stanno incrementando i loro arsenali in una situazione geopolitica sempre più tesa. La guerra atomica può scoppiare per errore in questo clima conflittuale.
    17 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Un'iniziativa promossa da Agnese Ginocchio, presidente del Movimento Internazionale per la Pace

    La Fiaccola della Pace: un messaggio di speranza nella scuola

    Gli alunni dell'Istituto Comprensivo "F. Rossi" del plesso di Letino, il comune più alto dei Monti del Matese in provincia di Caserta, hanno lanciato un appello accorato per la pace, rivolgendosi direttamente al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
    7 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)