presentazione

Il dramma dei desaparecidos italiani in Argentina. Vera Jarach presenta il suo libro Il silenzio infranto (Zamorani) Intervengono Tommaso Fattori e Rossella Todros

6 novembre 2006
ore 17:00 (Durata: 3 ore)

Firenze, lunedì 6 novembre 2006 ore 17
La Feltrinelli international via Cavour 12r

Il dramma dei desaparecidos italiani in Argentina
Vera Jarach presenta il suo libro Il silenzio infranto (Zamorani)

Intervengono Tommaso Fattori e Rossella Todros

Fuggita dal fascismo dopo le leggi razziali, la figlia desaparecida
durante la dittatura argentina, tra le fondatrici del movimento "Las
Madres de Plaza de Mayo" Vera Jarach si definisce "una militante
della memoria". Ciò che le ha permesso di continuare a vivere è stata
la caparbietà nel raccontare la sua storia. Ha spiegato che,
continuando a portare la sua testimonianza, lotta per la creazione di
una memoria condivisa, affinché nessuno dimentichi, affinché simili
orrori non si possano più ripetere.

Sua figlia Franca scomparve a diciotto anni il 26 giugno 1976 e di lei
non seppe più nulla fino a tre anni fa, quando una donna che era
sopravvissuta al campo di concentramento dell'ESMA le ha raccontato
tutto: "Ho aspettato per un anno che mi parlasse -ci ha detto la
scrittrice- perché non voleva ricordare, aveva visto cose terribili e
voleva rimuovere tutto. Le ho chiesto se avevano torturato mia figlia
ma non mi ha risposto. La detenzione di Franca durò pochissimo. A un
mese dal suo arresto lei e molti altri vennero eliminati per far posto
a coloro che sarebbero arrivati. Nel mio caso non c'è alcuna speranza
di ritrovare neanche il suo corpo. Mia figlia è stata buttata giù da
un aereo, buttata a mare".

Per maggiori informazioni:
Cinzia Zanfini
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1973: Firma della cessazione della guerra tra Stati Uniti e Vietnam del Nord.
  • Anno 1973: Il segretario americano alla difesa annuncia a Washington l'abolizione del servizio di leva obbligatorio.
  • Anno 0: Giornata di commemorazione della <b> Shoah</b> e di tutte le persecuzioni. Per non dimenticare

Dal sito

  • Cultura
    Giorno della Memoria

    Fare poesia dopo Auschwitz

    Primo Levi disse: “Io credo che si possa fare poesia dopo Auschwitz, ma non si possa fare poesia dimenticando Auschwitz. Una poesia oggi di tipo decadente, di tipo intimistico, di tipo sentimentale, non è che sia proibita, però suona stonata".
    27 gennaio 2022 - Franca Sartoni
  • Latina
    Honduras

    Bertha Zúniga “Le trasformazioni devono venire dai popoli”

    Copinh chiede al nuovo governo di creare le basi per il cambiamento
    e si manterrà vigile
    27 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)