presidio

"WE VOTE FOR PEACE" - Solidarietà con il sit-in di Cindy Sheehan in occasione delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti

7 novembre 2006
ore 16:00 (Durata: 2 ore)

Roma, martedì 7 novembre, dalle 16.00 alle 18.00
Sit-in davanti all’Ambasciata Statunitense in via Veneto

Il giorno 7 novembre negli Stati Uniti gli elettori sono chiamati alle urne per votare nelle elezioni di medio termine. Dal 6 al 9 novembre, a cavallo del voto, Cindy Sheehan e altri attivisti statunitensi organizzano un sit-in di quattro giorni a Washington D.C. davanti alla Casa Bianca per dire no all'occupazione dell'Iraq, no ad azioni militari contro l'Iran, no alla tortura, qualunque sia l'esito delle elezioni. E per ricordare al Congresso le proprie responsabilità.

Manifestazioni simili veranno organizzate in diverse città negli Stati Uniti e davanti alle ambasciate statunitensi nel mondo.

In solidarietà con gli attivisti negli Stati Uniti, a Roma, martedì 7 novembre, dalle 16 alle 18, l'associazione "Statunitensi per la pace & la giustizia" organizza un presidio davanti all’Ambasciata Statunitense per votare simbolicamente per la pace e in particolare per:

- il ritiro immediato delle truppe dall'Iraq;
- una soluzione diplomatica con l'Iran;
- il rispetto delle leggi internazionali;
- la fine della tortura e delle carceri segrete;
- il disarmo e una forte riduzione della spesa militare.

Invitiamo tutte le associazioni, i movimenti, le organizzazioni e i singoli ad unirsi a noi per esprimere il proprio voto per la pace.

Per maggiori informazioni sulla manifestazione a Washington, D.C. vedere il sito di Gold Star Families for Peace, l'organizzazione di Cindy Sheehan: http://www.gsfp.org/article.php?id=265

Per informazioni o per aderire al presidio di Roma: info@peaceandjustice.it

Per maggiori informazioni:
U.S. Citizens for Peace & Justice - Rome
333 11 03 510
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)