evento

L’AMORE BUONO UNA BALLATA AI TEMPI DELL’AIDS

1 dicembre 2006
ore 21:00

Dopo lo straordinario successo di Pinocchio Nero, AMREF Italia e il Teatro delle Briciole di Parma presentano L’Amore Buono – Una Ballata ai Tempi dell’Aids, il nuovo spettacolo di Marco Baliani interpretato dalle ragazze e i ragazzi di Nairobi, con il contributo speciale di Paolo Fresu.
Il debutto italiano, con l’eccezionale partecipazione dal vivo di Fresu, si terrà a Roma (Teatro Vascello, Via G. Carini 78) il 1° dicembre 2006 - Giornata Mondiale della lotta all’Aids, per poi proseguire in altre città italiane.

Il nuovo progetto teatrale, che coinvolge per la prima volta un gruppo misto di ragazzi e ragazze dei progetti per l’infanzia di AMREF, affronta il tema dell’Aids, capillarmente diffuso in tutti gli aspetti della vita africana. Con un linguaggio pieno di gioco ed ironia, lo spettacolo tratta i delicati temi della prevenzione, dell’uso dei preservativi, ma anche della violenza sessuale e della discriminazione delle donne e dei sieropositivi, attraverso un’originale unione di clownerie, danze, cori e canzoni hip-hop, scritte e cantate dai giovani attori africani.

Il progetto nasce della collaborazione artistica tra Marco Baliani, premio Ubu 2005 “per il lavoro con i ragazzi di Nairobi in Pinocchio Nero”, Paolo Fresu, il più noto trombettista e uno dei più affermati musicisti italiani a livello mondiale, Mirto Baliani, musicista e autore delle basi musicali dello spettacolo, e Sonia Peana, violinista affermata che nello spettacolo sfida le sonorità rap e hip hop con il suo strumento del 1803.
“Penso che debba essere uno spettacolo per altri ragazzi come loro – ha detto Baliani - per tutti i giovani, perché l'Aids non è un problema che riguarda solo l'Africa. Il messaggio è che l'Aids non è una colpa ma una malattia, e come tale può essere curata e prevenuta”.

Il calendario completo del tour:
1 dicembre Roma, Teatro Vascello, con la partecipazione dal vivo di Paolo Fresu.
2-7 dicembre Roma, Teatro Vascello
10-11 dicembre Alcamo, Teatro Comunale
15 dicembre Genova, Teatro Archivolto
18 dicembre Fiorenzuola, Teatro Verdi
20 dicembre Parma, Teatro al Parco
22 dicembre Prato, Teatro Metastasio, con la partecipazione dal vivo di Paolo Fresu.

Tutti i fondi raccolti andranno a sostenere i progetti per l’infanzia di AMREF.
Nata nel 1957 come una piccola fondazione con base a Nairobi, in mezzo secolo di storia AMREF si è trasformata in un’organizzazione di carattere internazionale, un fondamentale punto di riferimento per la salute e lo sviluppo in Africa Orientale.
Lo staff di AMREF, composto al 95% da professionisti africani, comprende medici, esperti sanitari, educatori, formatori, assistenti sociali e ingegneri che da 50 anni lavorano a stretto contatto con le comunità beneficiarie dei progetti.
L’impegno contro l’Aids interessa tutti i progetti: AMREF sostiene programmi di educazione sanitaria e prevenzione, test dell’HIV nelle baraccopoli, operatori sociali per aiutare i sieropositivi discriminati dalla società.
Dal 1998 è attivo il centro AMREF di Dagoretti, nei sobborghi di Nairobi, per l’accoglienza e il recupero dei ragazzi di strada. Il laboratorio teatrale è uno dei tanti strumenti utilizzati dagli operatori sociali per il reinserimento dei ragazzi nella società.

Nato nel 1976 a Reggio Emilia dove inizia a fondare la propria ricerca muovendo dal teatro d’animazione, il TEATRO DELLE BRICIOLE si è imposto negli anni all’attenzione del pubblico e della critica attraverso una articolata produzione di spettacoli rivolti all’infanzia, ai giovani e al pubblico adulto. Ha definito così una ricca progettualità su precisi nuclei di indagine poetica quali lo spazio e la relazione con il pubblico, il teatro come iniziazione, il rapporto con la materia, e ha saputo riunire sapientemente percorsi di registi diversi: gli storici Maurizio Bercini e Letizia Quintavalla con Bruno Stori, Gyula Molnàr, Giuseppe Bertolucci, Alessandro Libertini, Marco Baliani, con il quale ha intrapreso un percorso, in collaborazione con Amref, in cui il teatro si confronta con luoghi e vissuti disagiati del mondo, arricchendosi di nuove visioni e nuovi valori.
Dal 1987 il cuore delle attività del Teatro delle Briciole è il Teatro al Parco di Parma, un ex edificio industriale dove creazione e ospitalità si integrano in un progetto aperto a tutte le discipline artistiche.

Per maggiori informazioni:
Melania Bruno
Ufficio stampa AMREF Italia
Tel.06.99704664
melania.bruno@amref.it
Olindo Rampin
Ufficio Stampa Teatro delle Briciole
Tel. 0521.992044
ufficiostampa@briciole.it

Per maggiori informazioni:
Emilia Gliorio
0699704650
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)