evento

Natale di pace per Betlemme

18 dicembre 2006
ore 21:00 (Durata: 4 ore)

Anche quest’anno i Vescovi e i cristiani di Terrasanta ci invitano a non
dimenticare il sogno di Dio per un Natale nella Giustizia e nella Pace.
Inviamo i nostri auguri e uniamoci insieme in Preghiera e Digiuno

Guideranno la Veglia Mons. Angelo Centenaro, Vicario Episcopale per l’Azione
Sociale e Caritativa, il Pastore Gregorio Plescan, per la Chiesa Valdese-Metodista di Venezia e don Mario Cornioli, referente Terra Santa della Diocesi di Fiesole.

Betlemme, il luogo di nascita di Gesù, è ancora e in primo luogo una città della pace.
Inviare un augurio o una preghiera per la pace è un modo importante per entrare in comunicazione con le tante persone che in quei luoghi attendono una parola di speranza. Gli amici membri delle nostre associazioni partner di Betlemme hanno già espresso nel passato vivo apprezzamento nel ricevere un grande numero di messaggi, sia come semplice gesto personale e spirituale di vicinanza come anche un segno di speranza in occasione del Natale. Questi
messaggi sono un modo semplice di ridurre il senso di isolamento sperimentato dai nostri amici in Betlemme.
Insieme agli auguri e le promesse di preghiera si possono anche includere idee e suggerimenti pratici di azione nonviolenta.
Vi chiediamo di inviare i vostri auguri di Natale ai cristiani di Betlemme e di raccoglierci nella nostra città per sentirci in comunione per un Natale di pace!
Tutti i messaggi possono essere inviati automaticamente dal sito di Pax Christi Internazionale www.paxchristi.net oppure
all’indirizzo di posta elettronica peace-message@paxchristi.net

“Carissimi amici,
Per il settimo anno consecutivo le festività natalizie si svolgeranno in un clima di difficoltà per tutte le popolazioni della Terra Santa. La costruzione di un muro di separazione in Cisgiordania non fa che esasperare ulteriormente il clima di angoscia e odio che caratterizza i rapporti tra Israele e Palestina. Betlemme sarà ancora più isolata a causa del muro che già letteralmente separa la sua popolazione dal resto del mondo.
Gli scontri tra Fatah e Hamas e il mancato pagamento dei salari agli impiegati governativi rendono la vita estremamente precaria. Tuttavia, sono molte le persone e i gruppi che non si arrendono e sono alla ricerca di modi nonviolenti per dare voce ai loro diritti nel perseguimento di un futuro di pace e giustizia per entrambi i popoli.
Noi preghiamo per la giustizia, pace e sicurezza per Israele e la Palestina.”
(Pax Christi International, Movimento Internazionale della Riconciliazione,
Associazione “Chiesa e Pace”, Commissione Episcopale Giustizia e Pace di Gerusalemme, Asian Center for the Progress of People, Presidenza Conferenza Commissioni europee “Giustizia e Pace”)

Promuovono l’iniziativa: Pax Christi , Azione Cattolica, Movimento dei Focolari, Rinnovamento nello Spirito Santo, Segretariato
Attività Ecumeniche di Mestre, Pastore Gregorio Plescan per la Chiesa Valdese-Metodista, Esodo, UCID, MASCI, Bambini del Mondo
onlus, Unitalsi Aziendale, Unitalsi Diocesana, Ordine Secolare Carmelitano, San Vincenzo, Comunione e Liberazione, Coordinamento
per la Pastorale Giovanile Diocesi di Venezia

Per maggiori informazioni:
Punto Pace Venezia Mestre
041/5342344
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)