evento

Natale di pace per Betlemme

18 dicembre 2006
ore 21:00 (Durata: 4 ore)

Anche quest’anno i Vescovi e i cristiani di Terrasanta ci invitano a non
dimenticare il sogno di Dio per un Natale nella Giustizia e nella Pace.
Inviamo i nostri auguri e uniamoci insieme in Preghiera e Digiuno

Guideranno la Veglia Mons. Angelo Centenaro, Vicario Episcopale per l’Azione
Sociale e Caritativa, il Pastore Gregorio Plescan, per la Chiesa Valdese-Metodista di Venezia e don Mario Cornioli, referente Terra Santa della Diocesi di Fiesole.

Betlemme, il luogo di nascita di Gesù, è ancora e in primo luogo una città della pace.
Inviare un augurio o una preghiera per la pace è un modo importante per entrare in comunicazione con le tante persone che in quei luoghi attendono una parola di speranza. Gli amici membri delle nostre associazioni partner di Betlemme hanno già espresso nel passato vivo apprezzamento nel ricevere un grande numero di messaggi, sia come semplice gesto personale e spirituale di vicinanza come anche un segno di speranza in occasione del Natale. Questi
messaggi sono un modo semplice di ridurre il senso di isolamento sperimentato dai nostri amici in Betlemme.
Insieme agli auguri e le promesse di preghiera si possono anche includere idee e suggerimenti pratici di azione nonviolenta.
Vi chiediamo di inviare i vostri auguri di Natale ai cristiani di Betlemme e di raccoglierci nella nostra città per sentirci in comunione per un Natale di pace!
Tutti i messaggi possono essere inviati automaticamente dal sito di Pax Christi Internazionale www.paxchristi.net oppure
all’indirizzo di posta elettronica peace-message@paxchristi.net

“Carissimi amici,
Per il settimo anno consecutivo le festività natalizie si svolgeranno in un clima di difficoltà per tutte le popolazioni della Terra Santa. La costruzione di un muro di separazione in Cisgiordania non fa che esasperare ulteriormente il clima di angoscia e odio che caratterizza i rapporti tra Israele e Palestina. Betlemme sarà ancora più isolata a causa del muro che già letteralmente separa la sua popolazione dal resto del mondo.
Gli scontri tra Fatah e Hamas e il mancato pagamento dei salari agli impiegati governativi rendono la vita estremamente precaria. Tuttavia, sono molte le persone e i gruppi che non si arrendono e sono alla ricerca di modi nonviolenti per dare voce ai loro diritti nel perseguimento di un futuro di pace e giustizia per entrambi i popoli.
Noi preghiamo per la giustizia, pace e sicurezza per Israele e la Palestina.”
(Pax Christi International, Movimento Internazionale della Riconciliazione,
Associazione “Chiesa e Pace”, Commissione Episcopale Giustizia e Pace di Gerusalemme, Asian Center for the Progress of People, Presidenza Conferenza Commissioni europee “Giustizia e Pace”)

Promuovono l’iniziativa: Pax Christi , Azione Cattolica, Movimento dei Focolari, Rinnovamento nello Spirito Santo, Segretariato
Attività Ecumeniche di Mestre, Pastore Gregorio Plescan per la Chiesa Valdese-Metodista, Esodo, UCID, MASCI, Bambini del Mondo
onlus, Unitalsi Aziendale, Unitalsi Diocesana, Ordine Secolare Carmelitano, San Vincenzo, Comunione e Liberazione, Coordinamento
per la Pastorale Giovanile Diocesi di Venezia

Per maggiori informazioni:
Punto Pace Venezia Mestre
041/5342344
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)