evento

Natale di pace per Betlemme

18 dicembre 2006
ore 21:00 (Durata: 4 ore)

Anche quest’anno i Vescovi e i cristiani di Terrasanta ci invitano a non
dimenticare il sogno di Dio per un Natale nella Giustizia e nella Pace.
Inviamo i nostri auguri e uniamoci insieme in Preghiera e Digiuno

Guideranno la Veglia Mons. Angelo Centenaro, Vicario Episcopale per l’Azione
Sociale e Caritativa, il Pastore Gregorio Plescan, per la Chiesa Valdese-Metodista di Venezia e don Mario Cornioli, referente Terra Santa della Diocesi di Fiesole.

Betlemme, il luogo di nascita di Gesù, è ancora e in primo luogo una città della pace.
Inviare un augurio o una preghiera per la pace è un modo importante per entrare in comunicazione con le tante persone che in quei luoghi attendono una parola di speranza. Gli amici membri delle nostre associazioni partner di Betlemme hanno già espresso nel passato vivo apprezzamento nel ricevere un grande numero di messaggi, sia come semplice gesto personale e spirituale di vicinanza come anche un segno di speranza in occasione del Natale. Questi
messaggi sono un modo semplice di ridurre il senso di isolamento sperimentato dai nostri amici in Betlemme.
Insieme agli auguri e le promesse di preghiera si possono anche includere idee e suggerimenti pratici di azione nonviolenta.
Vi chiediamo di inviare i vostri auguri di Natale ai cristiani di Betlemme e di raccoglierci nella nostra città per sentirci in comunione per un Natale di pace!
Tutti i messaggi possono essere inviati automaticamente dal sito di Pax Christi Internazionale www.paxchristi.net oppure
all’indirizzo di posta elettronica peace-message@paxchristi.net

“Carissimi amici,
Per il settimo anno consecutivo le festività natalizie si svolgeranno in un clima di difficoltà per tutte le popolazioni della Terra Santa. La costruzione di un muro di separazione in Cisgiordania non fa che esasperare ulteriormente il clima di angoscia e odio che caratterizza i rapporti tra Israele e Palestina. Betlemme sarà ancora più isolata a causa del muro che già letteralmente separa la sua popolazione dal resto del mondo.
Gli scontri tra Fatah e Hamas e il mancato pagamento dei salari agli impiegati governativi rendono la vita estremamente precaria. Tuttavia, sono molte le persone e i gruppi che non si arrendono e sono alla ricerca di modi nonviolenti per dare voce ai loro diritti nel perseguimento di un futuro di pace e giustizia per entrambi i popoli.
Noi preghiamo per la giustizia, pace e sicurezza per Israele e la Palestina.”
(Pax Christi International, Movimento Internazionale della Riconciliazione,
Associazione “Chiesa e Pace”, Commissione Episcopale Giustizia e Pace di Gerusalemme, Asian Center for the Progress of People, Presidenza Conferenza Commissioni europee “Giustizia e Pace”)

Promuovono l’iniziativa: Pax Christi , Azione Cattolica, Movimento dei Focolari, Rinnovamento nello Spirito Santo, Segretariato
Attività Ecumeniche di Mestre, Pastore Gregorio Plescan per la Chiesa Valdese-Metodista, Esodo, UCID, MASCI, Bambini del Mondo
onlus, Unitalsi Aziendale, Unitalsi Diocesana, Ordine Secolare Carmelitano, San Vincenzo, Comunione e Liberazione, Coordinamento
per la Pastorale Giovanile Diocesi di Venezia

Per maggiori informazioni:
Punto Pace Venezia Mestre
041/5342344
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)