incontro

PAESI BASCHI PER IL DIALOGO E LA NEGOZIAZIONE

20 gennaio 2007
ore 18:00 (Durata: 5 ore)

Il processo per la risoluzione del conflitto politico tra i Paesi Baschi e gli Stati spagnolo e francese è oggi più che mai necessario. L’obiettivo di questo processo deve essere quello di creare le basi democratiche per superare lo scontro ,includendo tutte le opzioni politiche della società basca,intorno a due tavoli di negoziazione:uno composto dai partiti politici,sindacati ed organizzazioni sociali con l’obiettivo di giungere ad un accordo congiunto sugli elementi chiave del conflitto,vale a dire il diritto del popolo basco a decidere il, suo futuro e la relazione interna dei territori baschi. L’altro composto da ETA ed il Governo Spagnolo per promuovere la smilitarizzazione del Paese e risolvere la situazione degli esiliati e i prigionieri politici baschi.
Superare il conflitto è possibile. Per lo svilluppo delle negoziazioni è necessaria la creazione di condizioni democratiche di base così come la partecipazione di tutti nella lotta per una soluzione democratica ai diritti del popolo basco.
Per queste ragioni, noi firmanti, facciamo appello a tutte le parti implicate perché nonostante le difficoltà ,si compromettano realmente nel processo di dialogo e negoziazione politica, accettando che alla fine dello stesso sia tutta la cittadinanza basca a decidere il suo futuro.

Per questi motivi, invitiamo tutte le forze politiche, i sindacati, le associazioni culturali, i singoli, i giornalisti, a partecipare all'iniziativa di sostegno che si terra' Sabato 20 Gennaio dalle ore 18,00 al comitato di quartiere per l'autorganizzazione sociale di città vecchia in arco paisiello g18 con aperitivo antirepressivo,mostra,banchetto informativo,video-proiezioni e raccolta firme,e che si propone di sottolineare, ancora una volta, la necessità di proseguire sulla strada del processo di pace.

Per maggiori informazioni:
comitato di quartiere
099 4716012
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Dal sito

  • Voltana
    Ho raccontato la corsa a perdifiato di mio padre per sfuggire ai tedeschi

    Il ricordo più bello di quest'anno scolastico

    Una mamma mi ha fermato per dirmi che quella storia non l'avrebbe mai dimenticata e che suo figlio gliel'aveva raccontata. Vorrei una scuola così, che lasci un ricordo e storie da custodire, perché la vita, anche in classe, può diventare bella, indimenticabile e commovente.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Taranto Sociale
    E l'ultima notizia è che concedono altri 14 mesi di proroga alla copertura dei nastri trasportatori

    Volevano tanto bene a Taranto

    Ma si sono dimenticati i tarantini nel forno. I bambini esplodevano uno dopo l'altro come chicchi di pop-corn. E gli ultimi che avrebbero dovuto aprire il portellone non l'hanno fatto.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Lo dichiara il quotidiano cattolico Avvenire

    "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"

    La guerra a Gheddafi non ha portato la democrazia e la libertà. In Libia si tortura e si violano pesantemente i diritti umani. Profughi in catene, ustionati e denutriti, aggrediti con acido, picchiati con martelli e tubi.
    31 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Laboratorio di scrittura
    L’umanità ama in quanto scrive

    L’amore per lo scrivere

    La scrittura è un atto d’amore per se stessi e per gli altri 
    30 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Editoriale

    Sollevare un ginocchio di qualche centimetro

    28 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera di Viterbo)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)