incontro

PAESI BASCHI PER IL DIALOGO E LA NEGOZIAZIONE

20 gennaio 2007
ore 18:00 (Durata: 5 ore)

Il processo per la risoluzione del conflitto politico tra i Paesi Baschi e gli Stati spagnolo e francese è oggi più che mai necessario. L’obiettivo di questo processo deve essere quello di creare le basi democratiche per superare lo scontro ,includendo tutte le opzioni politiche della società basca,intorno a due tavoli di negoziazione:uno composto dai partiti politici,sindacati ed organizzazioni sociali con l’obiettivo di giungere ad un accordo congiunto sugli elementi chiave del conflitto,vale a dire il diritto del popolo basco a decidere il, suo futuro e la relazione interna dei territori baschi. L’altro composto da ETA ed il Governo Spagnolo per promuovere la smilitarizzazione del Paese e risolvere la situazione degli esiliati e i prigionieri politici baschi.
Superare il conflitto è possibile. Per lo svilluppo delle negoziazioni è necessaria la creazione di condizioni democratiche di base così come la partecipazione di tutti nella lotta per una soluzione democratica ai diritti del popolo basco.
Per queste ragioni, noi firmanti, facciamo appello a tutte le parti implicate perché nonostante le difficoltà ,si compromettano realmente nel processo di dialogo e negoziazione politica, accettando che alla fine dello stesso sia tutta la cittadinanza basca a decidere il suo futuro.

Per questi motivi, invitiamo tutte le forze politiche, i sindacati, le associazioni culturali, i singoli, i giornalisti, a partecipare all'iniziativa di sostegno che si terra' Sabato 20 Gennaio dalle ore 18,00 al comitato di quartiere per l'autorganizzazione sociale di città vecchia in arco paisiello g18 con aperitivo antirepressivo,mostra,banchetto informativo,video-proiezioni e raccolta firme,e che si propone di sottolineare, ancora una volta, la necessità di proseguire sulla strada del processo di pace.

Per maggiori informazioni:
comitato di quartiere
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Pace
    Matteo annota accanto alla firma: "Che il governo sappia di non avere il nostro silenzio"

    Mobilitazione contro gli euromissili: le voci che si alzano dal basso

    La petizione online contro gli euromissili non è solo una raccolta di firme, ma un movimento di opinione che richiama l'attenzione sulle conseguenze potenzialmente catastrofiche delle scelte politiche legate alla deterrenza. E' una chiamata a raccolta dei pacifisti storici.
    21 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    La Lituania è entrata a far parte dell'Unione Europea dal 2004

    La Lituania nega l’asilo politico alla pacifista Olga Karatch: una decisione sconcertante

    Olga Karatch è stata condannata dal Tribunale bielorusso di Brest a 12 anni per i reati di “tentato colpo di stato per impadronirsi del potere statale con mezzi incostituzionali”, con le aggravanti di “screditamento della Repubblica di Bielorussia” e “diffamazione di Aleksandr Lukashenko”.
    21 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Disarmo
    Da oggi è disponibile una pagina web per avere tutte le informazioni sulla campagna

    Uniti contro gli euromissili: la tua firma conta!

    Per esprimere pubblicamente la tua contrarietà ai nuovi euromissili e unirti ad altri cittadini che chiedono un futuro di pace basta compilare il modulo online che abbiamo preparato. Ecco tutte le informazioni che cercavi.
    20 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Laboratorio di scrittura
    Cronaca della presentazione di un esposto sulle emissioni dell'ILVA

    Si fa presto a dire

    Il maresciallo comincia a scrivere. Sembriamo a buon punto. La felicità dura poco. Blackout elettrico. Il computer dei Carabinieri perde tutti i dati. Si ricomincia da capo. Così per tre volte mentre fuori si superano i quaranta gradi. L'esposto è proprio sulle vittime delle future ondate di calore.
    18 luglio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Comunicato stampa con allegati

    La valutazione di impatto sanitario sulle emissioni di CO2 dell'Ilva

    Sono di particolare importanza i dati dello studio “Il “mortality cost” delle emissioni di C02 di uno stabilimento siderurgico del Sud Italia: una valutazione degli impatti sanitari derivanti dal cambiamento climatico”. Al centro c'è la questione dell'impatto transfrontaliero e transgenerazionale.
    18 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)