conferenza

UN PIANETA, UN’UMANITA’ MINACCIATI

14 maggio 2007
ore 17:30 (Durata: 2 ore)

IL RISCALDAMENTO GLOBALE, I CAMBIAMENTI CLIMATICI E GLI EFFETTI AMBIENTALI E SOCIALI
Per la prima volta nella storia dell'umanità si diffonde la consapevolezza che la continuità della vita, e quindi anche della specie umana, sul pianeta è minacciata. Il disastro ambientale è causato dal malsviluppo e tocca tutti, a partire dai luoghi più ricchi e devastati come la Lombardia, anche se a subirne le conseguenze sono innanzitutto i soggetti deboli delle periferie del mondo. La questione ambientale è questione sociale e politica globale, che va affrontata a partire dal proprio territorio. I movimenti hanno avviato una nuova narrazione: la politica mondiale è interpellata e la sinistra in Italia ha l’occasione per scegliere tra vita e economia e fare della partecipazione il perno del cambiamento.

introduce e coordina
MARIO AGOSTINELLI (Unaltralombardia)

Lo stato del problema e le alternative
EMILIO MOLINARI (presid. Comitato Italiano Acqua)
MASSIMO SERAFINI (Legambiente)
MATTEO GADDI (Forum Sinistra Europea-Socialismo XXI)
CIRO PESACANE (Forum Ambientalista)

Come cambia la politica
PIETRO FOLENA (Unitiasinistra, pres. commissione cultura Camera)
GIANNI TAMINO (Università di Padova, Sinistra Europea)
CESARE SALVI (Sinistra Ds)
PAOLO CENTO (Sott. Min. Finanze, Verdi)
MIRKO LOMBARDI (Resp.Ambiente RC)

Prospettive del cambiamento
FRANÇOIS HOUTART (Cons. Int. Fsm)
ALEX ZANOTELLI (padre comboniano)
WOLFGANG SACHS (Wuppertal Institute)

CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI DARIO FO'

Per maggiori informazioni:
MARIO AGOSTINELLI
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)