concerto

VOCI DI PACE

21 maggio 2007
ore 21:00 (Durata: 1 ore)

Quando la musica unisce dove la guerra divide. I canti e le note di ebrei, cristiani e musulmani risuonano insieme a Milano, nella chiesa di San Marco

Se due corde sono messe in condizione di vibrare sulla stessa frequenza, basta pizzicarne una e quella non sollecitata suonerà anch'essa, si dice, per simpatia.
Come le note, anche le persone possono condividere lo stesso fenomeno. Così è nata l'amicizia tra due musicisti, Eyal Lerner, flautista e cantante israeliano e Ghazi Makhoul, liutista e cantante libanese, che partendo dalla tradizione musicale delle loro origini e dal desiderio di superare con la musica il dolore per una guerra interminabile, danno vita, affiancati dal Rhapsodija Trio, dall'Ensemble Sannin e dal coro Kitaredium Ensemble, a un concerto emozionante.

"Voci di Pace" è l'evento che Fratelli dell'Uomo ha scelto di presentare quest'anno, per il tradizionale incontro organizzato con l'intento di raccogliere fondi a sostegno delle attività dell'associazione nel Sud del mondo.

L'appuntamento è lunedì 21 maggio, alle ore 21.00, nella suggestiva cornice della chiesa di San Marco, in piazza S.Marco 2, a Milano.
E' un inno alla tolleranza che si effonde dalla musica delle tre religioni monoteiste e ci avvicina idealmente a un mondo che riesce a superare i propri conflitti, avviando quei processi che conducono a una società più equa e che costituiscono il cardine dell'azione di Fratelli dell'Uomo.

Il programma, ideato da Eyal Lerner, propone musica etnica ebraica e araba, eseguita nella forma originale o con arrangiamenti appositamente realizzati: sonorità klezmer e sefardite confluiscono nelle note della tradizione araba e viceversa, con vari riferimenti al mondo cristiano, rivelando le affinità esistenti tra culture, più vicine di quanto si creda.

I biglietti dello spettacolo (euro 15 - euro 35) si possono acquistare presso: la sede di Fratelli dell'Uomo, Buscemi Dischi (Corso Magenta 31) o direttamente all'ingresso della chiesa (Piazza San Marco, 2), prima dello spettacolo.
L'incasso sarà interamente devoluto a Fratelli dell'Uomo, per sostenere alcuni progetti avviati in Africa e in America Latina.
Per informazioni: Fratelli dell'Uomo, tel. 02 69900210, email: info@fratellidelluomo.org
Milano, 3 maggio 2007

LauraFerrari
Ufficio Stampa
Fratelli dell'Uomo- Fréres des Hommes
Tel. 02 69017399 - 349 0074727

ufficiostampa@fratellidelluomo.org
www.fratellidelluomo.org
Fratelli dell'Uomo - Frères des Hommes è un'organizzazione non governativa di cooperazione internazionale nata in Francia nel 1965 e oggi presente anche in Italia (dal 1969), Belgio, Francia e Lussemburgo. Opera in Asia, America Latina e Africa con partner locali, promuovendo progetti nell'ambito dei diritti umani, della difesa dell'ambiente e dello sviluppo rurale, dell'economia locale, della sicurezza alimentare e dei processi di partecipazione democratica. In Italia e in Europa svolge un'azione di informazione, educazione e sensibilizzazione con l'obiettivo di favorire la crescita di consapevolezza e la diffusione di una cultura di solidarietà e cooperazione.

Per maggiori informazioni:
Fratelli dell'Uomo
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Latina
    Honduras

    Grave regressione dei diritti delle donne

    Proibizione dell’aborto e del matrimonio egualitario scolpita nella pietra
    22 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Svolta storica nel diritto internazionale

    Da oggi le armi nucleari diventano illegali

    Entra in vigore il TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons), detto anche TPAN (Trattato di Proibizione della Armi Nucleari. Le armi nucleari vengono messe al bando in quanto armi indiscriminate. E' una vittoria del movimento pacifista internazionale e della campagna ICAN.
    22 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Un evento online promosso da Abolition 2000

    All’entrata in vigore del TPAN, ricordando la prima Risoluzione delle N.U.

    Ecco dei giorni che sembrano incastrarsi in un incrocio di eventi e di opportunità per l’obiettivo del disarmo atomico. Il nuovo Presidente U.S.A. Biden. Il TPNW. E il 75° anniversario della Risoluzione 1 (1) delle Nazioni Unite
    21 gennaio 2021 - Roberto Del Bianco
  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)