incontro

Un conflitto sconosciuto: LE GUERRE AFRICANE NELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO Testimonianza di Bienvenu Kasole

13 marzo 2004
ore 16:00 (Durata: 2 ore)

Una testimonianza di chi ha vissuto la guerra in prima persona

Bienvenu Kasole è un giovane congolese, rifugiato in Italia, dopo essere fuggito dal suo paese dove si trascina da anni un sanguinoso conflitto.
La repubblica Democratica del Congo vive infatti una guerra poco conosciuta e di cui i mass- media non parlano: dopo la trentennale dittatura di Mobutu,sostenuto dall’occidente, che ha causato il tracollo economico del Paese, nel 97 Kabila a capo di una ribellione armata conquista il paese.
I suoi soldati commettono massacri a danno di popolazioni inermi: bambini, donne vecchi.
E’ una guerra africana mondiale con 4 milioni di vittime( si tratta del conflitto più sanguinoso dopo la seconda guerra mondiale)
Intervengono nel ’99 Angola, Zimbabwe e Nabibia che forniscono truppe e armi all’esercito di Kabila, mentre Uganda,Ruanda e Burundi incrementano il .loro appoggio ai ribelli.
All’inizio del 2001 Kabila viene assassinato e sostituito dal figlio, ma la situazione attuale è precaria in un quadro tuttora esplosivo.
Di queste guerre oscure, dimenticate, vissute in prima persona, del loro carico di morte e di violenza, racconterà Bienvenu( ed è proprio il caso di dargli il benvenuto).
L’incontro avrà luogo il 13 marzo alle 16 presso la Bottega del Mondo “Il Fiore per un commercio equo e solidale” e si colloca nell’ambito dell’iniziativa di adesione del gruppo della Bottega alla manifestazione per la pace che avverrà a Roma il 20 marzo.
Gli Amici della Bottega
Per informazioni: Il Fiore per un commercio equo e solidale, via delle Dalie,11 Ladispoli (presso la stazione)
Tel fax: 06 9913657 ilfiore@interfree.it www.ilfioreequo.it

Per maggiori informazioni:
Aldo
069913657
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)