incontro

Un conflitto sconosciuto: LE GUERRE AFRICANE NELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO Testimonianza di Bienvenu Kasole

13 marzo 2004
ore 16:00 (Durata: 2 ore)

Una testimonianza di chi ha vissuto la guerra in prima persona

Bienvenu Kasole è un giovane congolese, rifugiato in Italia, dopo essere fuggito dal suo paese dove si trascina da anni un sanguinoso conflitto.
La repubblica Democratica del Congo vive infatti una guerra poco conosciuta e di cui i mass- media non parlano: dopo la trentennale dittatura di Mobutu,sostenuto dall’occidente, che ha causato il tracollo economico del Paese, nel 97 Kabila a capo di una ribellione armata conquista il paese.
I suoi soldati commettono massacri a danno di popolazioni inermi: bambini, donne vecchi.
E’ una guerra africana mondiale con 4 milioni di vittime( si tratta del conflitto più sanguinoso dopo la seconda guerra mondiale)
Intervengono nel ’99 Angola, Zimbabwe e Nabibia che forniscono truppe e armi all’esercito di Kabila, mentre Uganda,Ruanda e Burundi incrementano il .loro appoggio ai ribelli.
All’inizio del 2001 Kabila viene assassinato e sostituito dal figlio, ma la situazione attuale è precaria in un quadro tuttora esplosivo.
Di queste guerre oscure, dimenticate, vissute in prima persona, del loro carico di morte e di violenza, racconterà Bienvenu( ed è proprio il caso di dargli il benvenuto).
L’incontro avrà luogo il 13 marzo alle 16 presso la Bottega del Mondo “Il Fiore per un commercio equo e solidale” e si colloca nell’ambito dell’iniziativa di adesione del gruppo della Bottega alla manifestazione per la pace che avverrà a Roma il 20 marzo.
Gli Amici della Bottega
Per informazioni: Il Fiore per un commercio equo e solidale, via delle Dalie,11 Ladispoli (presso la stazione)
Tel fax: 06 9913657 ilfiore@interfree.it www.ilfioreequo.it

Per maggiori informazioni:
Aldo
069913657
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Editoriale
    Svolta storica nel diritto internazionale

    Da oggi le armi nucleari diventano illegali

    Entra in vigore il TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons), detto anche TPAN (Trattato di Proibizione della Armi Nucleari. Le armi nucleari vengono messe al bando in quanto armi indiscriminate. E' una vittoria del movimento pacifista internazionale e della campagna ICAN.
    22 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Un evento online promosso da Abolition 2000

    All’entrata in vigore del TPAN, ricordando la prima Risoluzione delle N.U.

    Ecco dei giorni che sembrano incastrarsi in un incrocio di eventi e di opportunità per l’obiettivo del disarmo atomico. Il nuovo Presidente U.S.A. Biden. Il TPNW. E il 75° anniversario della Risoluzione 1 (1) delle Nazioni Unite
    21 gennaio 2021 - Roberto Del Bianco
  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)