tavola rotonda

Commercio Internazionale, Commercio Equo

8 marzo 2004
ore 16:00 (Durata: 2 ore)

Tema dell’incontro sarà il confronto tra gli elementi di ingiustizia del commercio internazionale, che contribuiscono ad aggravare le situazioni di povertà nei paesi dell’America Latina e del Sud del Mondo, e la proposta del commercio equo come percorso di recupero della dignità e di auto-promozione delle comunità svantaggiate.
L’idea è quella di:
- offrire una panoramica sull'attualità dei problemi che riguardano i rapporti commerciali tra Europa e Paesi Latino-Americani e di approfondirne i meccanismi più controversi;
- riflettere sul ruolo e sulle prospettive dei soggetti impegnati nella lotta all’ingiustizia economica e alla povertà;
- approfondire che tipo di contributo possono dare le organizzazioni sociali e le istituzioni presenti a Roma nei confronti dei problemi affrontati;

Alla tavola rotonda parteciperanno con un primo giro di interventi (15’ ciascuno) nell’ordine:

Alessandro Antimiani ricercatore dell’INEA (Istituto Nazionale di Economia Agraria), con una relazione sulle caratteristiche dei flussi commerciali internazionali e il ruolo dell’Organizzazione Mondiale per il Commercio.

Raul Hopkins, professore di economia e responsabile economico dell’IFAD (Fondo per lo Sviluppo Agricolo, FAO) per l'America Latina, con un contributo sulle questioni del finanziamento di esperienze di sviluppo locale.

Mauro Riccardi rappresentante dell’Assessorato alle Politiche per le Periferie, con un intervento sull’impegno dell’Assessorato per la promozione di esperienze di economia alternativa.

RES – Roma Equa e Solidale coordinamento delle Botteghe del Commercio Equo di Roma con una testimonianza sul Commercio Equo e Solidale.

Per maggiori informazioni:
SAL Solidarietà con l'America Latina onlus
347 5730360 - 06 87248124
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)