corso

Pet Operator Relazionale: Operatore in progetti di Pet Therapy Integrata - seconda edizione

13 ottobre 2007
ore 10:00 (Durata: 80 ore)

Perchè un corso di Pet Therapy Integrata?
L'idea del corso nasce dall'ascolto di un bisogno sempre più diffuso sia da parte di chi cura sia da parte di chi si trova ad essere curato. Si tratta della necessità di approcci terapeutici basati su un'idea olistica della persona.
La pluriennale esperienza di professionisti/e che operano nel campo del benessere e della cura ha fatto nascere il progetto di un percorso formativo di pet therapy integrata con l'obiettivo di fornire le basi per una metodologia d'interventi d'aiuto complessi.

PROGRAMMA
Modulo 1
SABATO 13 E DOMENICA 14 OTTOBRE 2007
Epistemologia. Stato dell'arte dei progetti di pet therapy integrata in Italia. Teorie psicologiche di riferimento.
Modulo 2
SABATO 17 E DOMENICA 18 NOVEMBRE 2007
Clinica dell'anziano. I progetti di pet therapy integrata rivolti alla persona anziana.
Modulo 3
SABATO 1 E DOMENICA 2 DICEMBRE 2007
Clinica della persona disabile. I progetti di pet therapy integrata rivolti alla persona disabile.
Modulo 4
SABATO 19 E DOMENICA 20 GENNAIO 2008
Pedagogia del bambino. I progetti di pet therapy integrata rivolti al bambino.
Modulo 5
SABATO 16 E DOMENICA 17 FEBBRAIO 2008
Etologia degli animali coinvolti nei progetti di pet therapy integrata: cane, gatto, asino.

TIROCINIO
E' previsto lo svolgimento di un tirocinio pratico da attuarsi durante il periodo del corso.

DESTINATARI
Il corso è rivolto a psicologi, medici, educatori, fisioterapisti, operatori socio-sanitari, operatori cinofili ed a tutti coloro, laureati e non, i quali intendono progettare e condurre programmi di pet therapy integrata.

CRITERI D'AMMISSIONE
Le richieste di iscrizione dovranno essere corredate da un curriculum vitae a cui fara' seguito un breve colloquio motivazionale. I moduli sono a numero chiuso, raggiunto il quale non sarà più possibile accettare ulteriori iscrizioni.

METODOLOGIA
La docenza prevede una partecipazione attiva dei corsisti attuata affiancando alle lezioni frontali metodologie didattiche quali: il lavoro in piccoli/medi gruppi, la simulazione, l'analisi di casi e la proiezione video.

CARATTERISTICHE DEL PERCORSO FORMATIVO
Il percorso formativo prevede la partecipazione ai 5 moduli formativi e a una seduta di tirocinio. Al termine del corso è prevista una verifica tecnico-attitudinale alla quale potranno accedere coloro che avranno frequentato almeno l'80% delle ore di lezione previste per i 5 moduli ed i tirocini necessari. Potranno anche essere frequentati i singoli moduli del corso (1, 2, 3, 4, 5).

ATTESTAZIONI FINALI
Per chi frequenta l'intero percorso formativo sarà rilasciato un attestato di formazione. Per chi frequenta i singoli moduli base verrà rilasciato un attestato di partecipazione al modulo.

Per maggiori informazioni:
Daniela Grenzi
059/851610
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)