evento

GIORNATE DI STUDIO E INIZIATIVA SUI CORPI CIVILI DI PACE E LA PREVENZIONE DEI CONFLITTI ARMATI"

29 novembre 2007

Il convegno, promosso dalla Provincia Autonoma di Bolzano/Bozen, dalla Fondazione Alex Langer, dall'Università di Bologna e da IPRI-Rete CCP, si terrà tra il 29 novembre ed il 1 dicembre a Bolzano (le prime due giornate) ed a Bologna (la giornata finale).

GIORNATE DI STUDIO E INIZIATIVA
SUI CORPI CIVILI DI PACE E LA PREVENZIONE DEI CONFLITTI ARMATI

BOLZANO/BOLOGNA, 29 NOVEMBRE – 1 DICEMBRE

Esiste una crescente domanda di personale qualificato per l’elaborazione dei conflitti in zone di crisi alla quale in molti, e con diverse modalità, cercano di dare una provvisoria risposta attraverso innumerevoli esperienze sul campo e corsi di formazione di tipo professionale o universitario. Le reti di collegamento, ricerca e sperimentazione che si sono create in Italia ed in Europa negli ultimi 20 anni, a partire soprattutto dalla guerra “vicino a casa” nei territori dell’ex-Jugoslavia, hanno svolto un prezioso lavoro di supplenza nei confronti di governi nazionali e istituzioni internazionali. Questi sono chiamati a dare un decisivo impulso nella direzione, più volte auspicata dal Parlamento Europeo, della costituzione per via legislativa di un “Corpo civile di pace”, con un intreccio coordinato di professionalità e volontariato, così come avviene da tempo per il servizio di protezione civile. Molti sono gli aspetti di questa professionalità che vanno ancora approfonditi, dalla formazione del personale al tipo di compiti che il Corpo civile di pace andrebbe a svolgere, agli scenari in cui potrebbe operare. Dal 2003 è attivo a Bolzano un corso di formazione nato con l’obiettivo di formare operatori umanitari capaci di intervenire in situazioni di conflitto locale o internazionale, prendendo le mosse proprio dall’idea del “Corpo civile di pace”. Questo corso è ora un Master dell’Università di Bologna per “Mediatori dei conflitti/Operatori di pace internazionali”.
Le “giornate di studio e iniziativa” di Bolzano e Bologna, organizzate nell’ambito del Master con la collaborazione della Rete Ipri-CCP di Bologna e della Fondazione Alexander Langer di Bolzano, vogliono creare un’occasione di elaborazione partecipata a questo percorso, e insieme di confronto con gli interlocutori politici intorno alle reciproche aspettative. Verteranno in particolare sul possibile ruolo di un Corpo civile di pace in contesti internazionali, e avranno un carattere seminariale con ampio spazio dato al confronto tra esperienze e punti di vista anche differenti.
I lavori si apriranno a Bolzano con due giornate dedicate all’analisi di quattro temi specifici – la formazione, le prospettive di azione, le relazioni con altri attori, gli scenari di intervento – da cui emergerà un documento di riflessione comune che sarà presentato al convegno finale di Bologna, alla presenza di autorità e mondo accademico.

SEMINARIO – PROGRAMMA

Bolzano, 29 NOVEMBRE
Sede della Formazione Professionale in lingua italiana

Ore 9.30 Saluti delle autorità e apertura dei lavori

Ore 10.30 Relazioni introduttive
1. Arno Truger (Austria, EPU-European Peace University)
2. Howard Clark (Spagna, War Resisters’ International)
3. Iris Smidoda* (Germania, Forum ZFD)
4. Liam Mahony* (Irlanda, Peace Brigades International)

Ore 13.00 Pranzo

Ore 14.30 Gruppi di lavoro
1. formazione e figura professionale dei ccp
facilitatore: Gianni Scotto, Università di Firenze
2. prospettive di azione nelle diverse fasi di conflitto
facilitatore: Davide Berruti, peacebuilding.it
3. relazioni con altri attori: militari e cooperazione internazionale
facilitatore: Maria Carla Biavati, IPRI – Rete CCP
4. scenari di intervento e lezioni apprese: Balcani, Medio Oriente, Africa
facilitatore: Alberto Camerini, Università di Bologna

Ore 18.30 Conclusione lavori di gruppo

Bolzano, 30 NOVEMBRE

Ore 9.30 Ripresa lavori di gruppo

Ore 13.00 Pranzo

Ore 14.30 Plenaria con relazioni dai lavori di gruppo e discussione generale

Ore 16.30 Conclusioni: i corpi civili di pace tra progetto e sperimentazioni
Nanni Salio, Centro Studi Sereno Regis, Torino
Ernst Gülcher, esperto del Parlamento Europeo

Ore 18.30 Chiusura dei lavori

Bologna, 1 DICEMBRE
Università di Bologna

Ore 9.30 Apertura dei lavori e saluti iniziali

Pier Ugo Calzolari, Rettore dell’Università di Bologna

Luigi Guerra, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione

Vasco Errani*, Presidente della Giunta Regione Emilia-Romagna

Ore 10.30 Verso un corpo civile di pace in Italia? Prospettive e riflessioni

Alberto L’Abate, IPRI – Rete CCP

Jean Marie Muller*, IRNC - Montreuil

Antonio Papisca, Università di Padova

Ore 12.30 Conclusioni e consegna degli attestati finali ai partecipanti al Master per “Mediatori dei conflitti/Operatori di pace internazionali”

Sono stati inoltre invitati per intervenire nell’ambito delle tre giornate:

Luisa Morgantini, vice-presidente del Parlamento Europeo
Arturo Parisi, Ministro della Difesa
Patrizia Sentinelli, Viceministro agli Affari Esteri
Cristina De Luca, Sottosegretario di Stato per gli Affari Sociali
Giorgio Tonini, vice-presidente Commissione Esteri del Senato

* Da confermare
INFORMAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE

Modalità di iscrizione:
L’iscrizione alle giornate di Bolzano deve avvenire entro il 10 novembre 2007, compilando l’apposito modulo e inviandolo via e-mail all’indirizzo mauro.cereghini@provincia.bz.it oppure via fax al numero +39 0471 406452. Successivamente sarà data conferma dell’accettazione da parte delle organizzazioni promotrici.

Costi:
L’iscrizione alle giornate di studio è gratuita. La Provincia Autonoma di Bolzano inoltre ospiterà a sue spese un numero massimo di 30 partecipanti, sulla base delle richieste pervenute attraverso i moduli di iscrizione. Resta a carico di ciascun partecipante il costo del viaggio.

Alloggi:
A richiesta può essere fornita una lista di alberghi. Si consiglia di prevedere per tempo alla prenotazione dato l’elevato afflusso turistico previsto per l’apertura dei Mercatini di Natale.

Lingue:
Le sessioni plenarie si svolgeranno con la traduzione simultanea italiano/tedesco/inglese. I gruppi di lavoro si svolgeranno in italiano con eventuale facilitazione in tedesco.

Per maggiori informazioni:
Guido Gabelli -Peace Research Institute - Rete Corpi Civili di Pace (IPRI - rete CCP)
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)