corteo

Marcia della pace Capua - Caserta "la sfida delle differenze sulla strada della pace"

16 dicembre 2007
ore 14:45 (Durata: 5 ore)

ARCIDIOCESI DI CAPUA, CENTRO FERNANDES, AGESCI, ASSOCIAZIONE ARTICOLO 11 – PROMOTORI DI PACE, COMITATO CASERTA CITTÁ DI PACE, DIOCESI DI CASERTA
COORDINAMENTO DELLE ASSOCIAZIONI la strada della pace

Oggetto: Marcia della Pace “Capua - Caserta” - Domenica 16 dicembre 2007.

La “Marcia della Pace Capua – Caserta”, nasce dall’unione di tre simili iniziative effettuate in passato nel nostro territorio dal Comitato Caserta Città di Pace della Diocesi di Caserta (con al suo attivo 12 Marce, a partire dal 1995), dall’Associazione Art. 11 – Promotori di Pace di S. Santa Maria C.V. (con 4 Fiaccolate della Pace nella Gioia, a partire dal 2002), e dall’Arcidiocesi di Capua con il Centro Fernandes e l’Agesci (con 4 Marce a partire dal 2001).

Le Associazioni, che hanno costituito in passato il fulcro di tali iniziative, appuntamenti importanti e consolidati per la nostra provincia (tanto da ricevere per l’edizione dell’anno scorso anche l’Alto Patronato del Capo dello Stato) hanno nel 2006 compreso l’importanza e la necessità di effettuare (non solo in occasione delle Marce o Fiaccolate) un cammino condiviso ed univoco sul tema della Pace, per la Fratellanza, la Legalità, i Diritti Umani e la Cittadinanza Attiva, costituendo un unico Coordinamento tra le tante Associazioni, laiche e religiose, presenti nel territorio provinciale e regionale.

Pertanto, con lo scopo di veicolare i contenuti della Pace, vista come sistema di molteplici valori, e arricchirli con l’esperienza delle Scuole, delle Associazioni e di chiunque possa condividere il medesimo cammino di crescita civile e sociale incontriamoci

domenica 16 dicembre
per la “Prima Marcia della Pace Capua – Caserta”
“la sfida delle differenze sulla strada della pace”
partenza, ore 15,00 da Capua – piazza Giudici –
arrivo a Caserta al monumento ai caduti di corso Trieste

Cammineremo con la Luce della Pace di Betlemme, che giungerà a Capua la sera del 15 dicembre, con i suoi i valori di Pace e Fraternità, valori civili, etici, morali accettati dalle varie fedi e anche da chi non condivide una fede;

Cammineremo per l’affermazione dei Diritti Umani, che meglio di ogni altra cosa descrivono la pace, diritti fondamentali di tutte le donne, di tutti gli uomini, di tutte le bambine e di tutti i bambini del mondo indipendentemente dalle loro diverse cittadinanze, diverse culture, diverse fedi religiose, diversi status sociali;

Cammineremo sicuri della necessità di una marcia in più contro le mafie, l’usura, la miseria, le discriminazioni, la corruzione, il malaffare, il terrorismo, la guerra, senza scontri fra civiltà e culture per una educazione continua alla legalità, per la pace e la giustizia.

Cammineremo sicuri che testimoniando e diffondendo valori autentici quali la tolleranza, la speranza, il rispetto, la pazienza, il perdono, la riconciliazione, la comprensione, gli altri atteggiamenti che contrastano con la pace, si allontaneranno da sé;

Cammineremo testimoniando gli ideali che abbiamo nel cuore e che insieme dobbiamo esternare, manifestare, diffondere, comunicare, partecipare, divulgare…gridare, con la forza della “non violenza”.

Consapevoli del vostro impegno continuo per l’affermazione della legalità e il trionfo della giustizia, per la diffusione di una vera cultura della solidarietà, della convivialità delle differenze e del dialogo, per rimettere in moto la pace non come un’idea accanto alle altre, ma come l’idea fondamentale della convivenza tra gli uomini, certi della vostra partecipazione, nonché di tutti coloro che vorrete coinvolgere, cordialmente salutiamo

Pregasi comunicare l’adesione.

PROGRAMMA

15 dicembre
Pomeriggio: arrivo a Capua ( Duomo) della Luce della Pace da Betlemme
sera: veglia per la pace

16 dicembre
ore 14,45 raduno piazza Giudici Capua
ore 15,00 arrivo della Luce della Pace – testimonianze e momenti di pace – partenza per Caserta, attraversando, percorrendo la via Appia, le città di Santa Maria Capua Vetere, Curti, San Prisco, Casapulla e Casagiove

all’arrivo a Caserta (c.so Trieste, monumenti ai caduti) testimonianze e momenti

Per maggiori informazioni:
Olimpo Edgardo
3396248871
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • CyberCultura
    Come i nostri cellulari ci sottopongono alla sorveglianza continua

    Preso d'assalto il Campidoglio: le app li hanno rintracciati.

    Due giornalisti sono riusciti a identificare non solo molti assalitori del Campidoglio americano, ma anche chiunque era nei paraggi, grazie ai dati, niente affatto anonimi, trasmessi in automatico dai loro telefonini. Siamo tutti pedinati.
    16 febbraio 2021 - Charlie Warzel & Stuart A. Thompson (giornalisti per la rubrica Opinion del New York Times)
  • Ecologia
    ArcelorMittal: "Non si è verificato alcun cedimento"

    Sindacati: “Vi è stato un cedimento della struttura refrattaria dell'altoforno 2"

    A solo mese della ripartenza e successivamente all'esecuzione degli interventi previsti dalle prescrizioni della Procura della Repubblica di Taranto i sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb denunciano il cedimento del rivestimento dell'altoforno appena rifatto
    1 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Kimbau
    Voci dal Congo

    Chiara Castellani racconta Luca Attanasio

    Altri ambasciatori sono complici del traffico di minerali preziosi come coltan, cobalto, manganese, diamanti, in cambio di armi. Luca era dalla nostra parte: documentava, fotografava, denunciava.
    1 marzo 2021 - Laura Tussi
  • Taranto Sociale
    Oggi lo ricorda il mondo della scuola

    Tommaso Anzoino

    E' morto, all'età di 81 anni. Lo ebbi come vicepreside dello storico Liceo Scientifico Battaglini, volto mite e tollerante in una scuola severa e autoritaria. Appassionato di Pasolini fu un punto di riferimento a Taranto per la cultura e per gli insegnanti che volevano rinnovare la scuola.
    1 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Video e documentazione

    Che cosa è la nonviolenza e come può essere efficace

    Si dice che l'azione nonviolenta sia debole o che rifiuti il conflitto. Al contrario, l'azione nonviolenta apre e gestisce i conflitti. Cammina nel conflitto, sfida l'ingiustizia e lavora per il cambiamento. Assume su di sè dolore o situazioni spiacevoli senza infliggerli ad altri.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)