forum

Forum Social Catala’, un altro mondo e’ gia possibile

21 gennaio 2008
ore 08:00

In silenzio per dieci minuti. Tre brevi collegamenti con Ramallah, Beirut ed Erbil, testimonianze dalla Palestina, dal Libano e dall’Iraq che ci catapultano in una realtà altra, dove i problemi logistici e la sicurezza sono il primo punto all’ordine del giorno per chi sta organizzando la Giornata di Azione Globale del 2008. E’ iniziata cosi la conferenza stampa di presentazione del primo Forum Social Català, che dal 21 gennaio al 27 gennaio coinvolgerà numerose cittadine della Catalunya e che si concluderà il 25, 26 e 27 gennaio negli spazi dell’Universidad de Barcelona con tre giornate di incontri e seminari ed un corteo.

Ascoltiamo i racconti dei rappresentanti di Stop de wall (http://www.stopthewall.org/): in Palestina la Giornata di Azione Globale del 2008 sarà occasione per discutere e rendere visibili le conseguenze dell’assedio di Gaza che negli ultimi giorni sta rendendo drammatica la vita della popolazione per la mancanza d’acqua, le morti in ospedale per insufficienza di medicine, il blocco delle attività produttive. Tra le interferenze della connessione internet seguiamo le descrizioni di Ismael, uno dei responsabili dell’organizzazione del Forum in Iraq, dove ONG, politici ed attivisti stanno preparando ad Erbil un dibattito sul significato del movimento legato World Social Forum nell’attuale contesto iracheno. Infine i responsabili del Movimento per la pace permanente raccontano dal Libano l’impossibilita’ di organizzare manifestazioni pubbliche ed il fermento per decentralizzare gli incontri della Giornata di Azione Globale.

La conferenza prosegue con un tuffo nelle iniziative previste per il Forum Social Catala’. Oltre 180 le organizzazioni coinvolte durante tutta questa settimana sia a Barcellona che nelle altre province della Catalunya. Per i tre giorni conclusivi, dal 25 al 27 gennaio, sono in programma 48 seminari, gruppi di discussione e laboratori suddivisi in quattro sezioni tematiche: lotte, strategie e campagne per i diritti sociali, del lavoro ed economici, iniziative in difesa del territorio, contro l’imperialismo e la guerra, e per una società più democratica. Previsto il collegamento costante con le altre città coinvolte nella Giornata di Azione Globale, una festa nei giardini dell’Università il venerdì sera, un’esposizione permanente, l’assemblea delle associazioni partecipanti per discutere tra l’altro di problemi legati all’alloggio, alla delocalizzazione della produzione, ai limiti del servizio pubblico. Infine con lo slogan Che non speculino sulle nostre vite. Ribellati! Un altro mondo e’ gia possibile. Il Forum terminerà alle 12.00 di domenica 27 gennaio con una marcia per le vie turistiche ed i mercati della capitale catalana.

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)