evento

Diritti e rovescio. Filiere lunghe, filiere corte e nodi critici nelle maglie del commercio internazionale

20 aprile 2008

Giornata di iniziative sul mondo del tessile e le esperienze di commercio equo e solidale
Sono previsti incontri, proiezioni e approfondimenti (segue il programma) su quanto avviene nel comparto del tessile lungo tutta la filiera, dal cotone al prodotto finito. Una filiera spesso lunghissima e caratterizzata dallo sfruttamento dell'ambiente e del lavoro, ma che può essere anche corta, ecologica, equa e solidale.
Sarà possibile incontrare rappresentanti delle cooperative Fair e Raggio verde promotrici delle linee di intimo bio equo e solidale "made-in-no" e "be-cotton" (www.made-in-no.com - www.raggioverde.com).
Si tratta di due esperienze significative di produzione italiana (Novara e Biella) di capi confezionati con cotone proveniente dal circuito del commercio equo e solidale.
Non mancate!
Organizzano REeScoop, REeS, Iranozoi-Critical Shirts
Per informazioni:
REeScoop: 3314745367
www.cittadellaltraeconomia.org

DIRITTI e ROVESCIO
Filiere lunghe, filiere corte e nodi critici nelle maglie del commercio internazionale.

Domenica 20 aprile 2008, Città dell'Altraeconomia
Largo Dino Frisullo, campo Boario, ex Mattatio di Testaccio, Roma

Ore 11-13
Seguendo il filo: dal cotone alla maglia
Commercio internazionale, tessile e mercati locali:
nuove strategie per costruire un'altra economia - Monica di Sisto (Tradewatch).

La mercificazione strutturale del lavoro come strategia globale delle imprese:
analisi e prospettive concrete di azione per i movimenti e la società civile
Deborah Lucchetti (Campagna Abiti puliti).

Proiezione del documentario "Tutti peggio, peggio per tutti"
di Paola Salzano (Rai 3-C'era una volta, in collaborazione con la Campagna Abiti puliti).

Ore 15-16,30
Altri fili, altri nodi. Le esperienze di commercio equo e di produzione autogestita*
Be-cotton: cotone bio e equo, made in Italy, world - Stefano La Malfa (Raggio Verde).


Tessere il futuro: l'esperienza di produzione autogestita in Argentina e fair trade,
Francesca Santoro (Equociquà) introduce alcuni brani del
documentario La fibra della dignità, di Simone Colombo (Ctm-Altromercato).

Fairlife e Made In No: filiere, diritti e sostenibilità - Alberto Zoratti (Fair).

Ore 16,30
Apertura dello showroom delle linee di intimo bio-equo di Raggio Verde e Fair-coop
I produttori raccontano i prodotti
Gianluca Bruzzese (Made In No), Stefano La Malfa (Be-Cotton)


Lo showroom resterà aperto anche dal 22 al 27 aprile


Organizzano REeScoop, REeS, Iranozoi-Critical Shirts
*in collaborazione con: Fair, Raggio verde,Ctm Altromercato.

Per maggiori informazioni:
REeS coop
3314745367
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)