azione diretta

un regalo di Natale diverso

6 novembre 2009
ore 11:26


Incontri,incontri,incontri, moltissimi non solo con i collaboratori divisi per area ( due pre-escolar-pueblito, becas, centro cultural con accademia di musica e di folklore, area psicologica e di sviluppo umano, con gli universitari impegnati nel doposcuola e nell’animazione sportiva, pastori di diverse denominazioni evangeliche, odontoiatre per riattivare la clinica dental…), ma anche con la gente la più svariata che viene a chiederci dell’Italia, dei padrini, se li conosciamo personalmente, se possiamo trasmettere tutta la loro riconoscenza per l’apporto che offrono ai loro figli tramite il quale alcuni sono già arrivati all’università.
C’è davvero commozione nei loro occhi, così pure si legge speranza…
E voglio proprio parlarvi di un incontro segnato dalla SPERANZA.
E’ quasi sera, la notte in Nicaragua arriva come una tenda che chiude il sipario del dì in pochi istanti, sono quei pochi attimi di un tramonto infuocato e arriva alla casa las 4 palmas un papà giovane.
Si siede in attesa che terminiamo una delle ennesime riunioni di verifica .
Come molti, esprime un atteggiamento di pazienza infinita.
Non conosciamo il motivo della sua venuta, diciamo inattesa e, secondo le logiche della programmazione, fuori orario, nello stesso tempo nessuno gli dice di ritornare in orario di ricevimento, ma anzi di accomodarsi.
Dopo non molto ci avviciniamo per chiedergli il motivo della visita: estrae un plico dallo zaino che portava con sé: è la descrizione della situazione di suo figlio, nato a marzo del 2005, affetto da una grave malformazione cardiaca che compromette anche i polmoni . E’ inoperabile e “la unica alternativa de sobrevida seria un transplante cardiopulmonar”, così dice il referto del cardiologo della brigata internazionale Surgens Hope.
L’ospedale infantile di Managua si ha preso contatto con diversi centri per mettere in lista di attesa il piccolo.
Anche un ospedale spagnolo ha dato la sua disponibilità.
“Ora dobbiamo trovare i soldi per il viaggio, per la permanenza, stiamo chiedendo a tutti,…e dalla parrocchia ci hanno segnalato la vostra associazione, e…abbiamo paura che se ci chiamano, non possiamo partire perché …” e qui questo giovane padre non termina la frase, un groppo gli soffoca le parole.
Non è possibile che si debba rinunciare ad una speranza di vita per motivi di denaro . Senza troppo riflettere gli garantiamo che, qualora gli arrivasse la “chiamata”, immediatamente sarebbe potuto partire perché i soldi la Ragnatela glieli avrebbe dati.
Riflettevo: stiamo già pensando ai regali di Natale, perché non immaginare che tra i regali che molte volte riempiono gli spazi delle nostre case, non si possa pensare ad un regalo che riempie “solo” il nostro cuore, ma che ha gli occhi vispi e allegri di Kevin Alexander, per noi quest’anno il Gesù Bambino in carne e ossa.


Chi desidera approfondire , può rivolgersi a Bruna 340 2779675
bruna.moriondo@libero.it

Mi permetto già segnalare come inviare la donazione
La Ragnatela della solidarietà - onlus
Conto corrente postale iban IT 60 TO76 0101 000 0000 30329206
Intesa San Paolo iban IT 66 F030 6901 1871 000 000 000 65
Unicredit Banca iban IT 22 I020 0801 1170 0000 2281813
segnalando la causale.

Per maggiori informazioni:
Bruna Moriondo
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Editoriale
    Il Papa denuncia il commercio delle armi dietro la guerra in Ucraina

    Le parole che la sinistra europea non sa più dire

    Le nette parole di Papa Francesco dovrebbero spingere la sinistra europea a chiedersi se sta davvero agendo in modo coerente con i suoi principi morali. L'Europa dovrebbe essere un faro di pace e giustizia nel mondo, e la sinistra europea ha un ruolo cruciale in questo contesto.
    24 settembre 2023 - Alessandro Marescotti
  • Latina

    Difensori della terra sempre sotto mira

    L’America Latina continua a essere il luogo più pericoloso per chi difende
    la terra, i territori e i beni comuni
    18 settembre 2023 - Giorgio Trucchi
  • Taranto Sociale
    Una panoramica del libro di Pinuccio Stea

    Taranto da città del mare a capitale dell'acciaio

    Il libro "Taranto: l'industria del Mar Piccolo da Filippo Cacace alla Comios (1861-1966)" è un'opera che approfondisce la storia della della mitilicoltura e ostricoltura in una città che ha visto il prevalere della monocoltura dell'acciaio a scapito delle sue tradizioni legate al mare.
    20 settembre 2023 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    Alle presidenziali del 22 ottobre potrebbe stravincere il candidato dell’estrema destra

    Sull'Argentina l'uragano Javier Milei

    In occasione delle Primarias, Abiertas, Simultáneas y Obligatorias (PASO) del 13 agosto scorso, Milei è risultato essere l’uomo più votato di tutte le coalizioni.
    Per il paese si tratterebbe di un pericolosissimo, quanto probabile, salto nel buio.
    18 settembre 2023 - David Lifodi
  • Pace
    Nello Stato teocratico dell'Iran la lingua curda è proibita: Mahsa è il suo nome imposto!

    Jina Amini. Un anno dopo

    Oggi ricordiamo Jina Amini, la madre di questa rivoluzione, ma ricordiamo anche tutte le altre donne e uomini che sono stati annientati o carcerati prima e dopo la morte di Jina Amini, tutte le donne che ancora oggi rischiano la loro vita per ottenere la libertà e la giustizia.
    16 settembre 2023 - Gulala Salih (Presidente UDIK - Unione donne italiane e kurde)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.14 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)