happening

Greenpeace Roma ad Antù per un Happening sostenibile

4 dicembre 2009

Venerdì 4 dicembre partire dalle h.18.00
presso Antù,via Libetta 15c

Festeggiamo insieme l'inizio della nostra collaborazione con una realtà 'Sostenibile ' di sicuro valore, appena sorta a Roma nello specifico nella location 'Antù' sito in via Libetta .

Un bellissimo progetto culturale, cito dal sito :
" uno spazio/laboratorio dedicato all'eco-sostenibilità, un accogliente loft dove fare cultura e gustare buon cibo, ascoltare musica e sperimentare nuovi linguaggi creativi, promuovere innovazione e riscoprire tradizioni. Con lo sguardo rivolto all?ecologia e alla qualità della vita."

In occasione della serata inaugurale il 4 Dicembre 2009 dalle ore 18.00

Presenteremo la mostra fotografica :

"Amazzonia Arrosto"

Un viaggio affascinante nell'ultimo polmone verde del mondo, tra bellezze naturali e pericolose minacce.

L'Amazzonia è il polmone verde del Pianeta e la dimora di più di 20 milioni di persone.

Ogni mese sulla Terra si distruggono un milione di ettari di superficie forestale un'area pari a un campo di calcio ogni due secondi causando il 20 per cento delle emissioni di CO2 a livello globale.

La deforestazione è una delle maggiori cause del rilascio di gas serra nell'atmosfera ,diretta causa dei cambiamenti climatici.

La conferenza Onu sul Clima è alle porte, Salvare il clima e le foreste deve essere il nostro obiettivo!

**Programma della Serata:**

Dalle ore 19.00 proiezione video e intervento speciale dei campaigner di Greenpeace:

- Chiara Campione : Responsabile Campagna Foreste di Greenpeace Italia
da sempre impegnata nella lotta alla deforestazione e alla protezione delle foreste primarie del pianeta.

Interverrà su :'Deforestazione e protezione delle foreste primarie' - con speciale riferimento al “Campo di resistenza climatica” costruito da Greenpeace nella penisola di Kampar in Indonesia per proteggere le torbiere indonesiane.

- Francesco Tedesco: Responsabile campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia
Esperto e promotore di energie rinnovabili ed efficenza energetica.

Interverrà su : "Copenhagen, un momento storico per il futuro del Pianeta"

h.18.30 : Monologo di un'attivista : 'Franco de' ir Porto' a cura di Alessio Dagianti

A partire dalle 18.00 Aperitivo Sostenibile con prodotti esclusivi D.O.L (di origine Laziale)!

Vi aspettiamo!!

NON MANCATE!

Contatti:
infomail: gl.roma.it@greenpeace.org

Per maggiori informazioni:
Silvia Polli
+39 348 72 15 295
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)