convegno

L'Europa abbraccia l'Africa: come uscire dalla crisi portando sviluppo nelle aree povere del mondo

3 dicembre 2011
ore 09:00

Sabato 3 dicembre 2011 si terrà presso la Sede dell’Unione Europea in Italia il convegno di presentazione della proposta “L’Europa abbraccia l’Africa” promossa dal Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell’Amore. I lavori, ospitati nella Sala “Spazio Europa” della Sede dell’Unione Europea in Via IV Novembre 149 a Roma, inizieranno alle ore 9.00 per concludersi alle 12.00.

L’evento gode del patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.

L’obiettivo è quello di porre le basi per incentrare un prossimo programma di aiuto e sviluppo promosso dalla Commissione Europea sul continente africano, individuando così un budget da destinare a enti e aziende europee per la nascita di microimprese o microprogetti in Africa.

Parteciperanno al convegno i rappresentanti della Commissione Europea, il Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell’Amore ed esponenti di imprese, sindacati e associazioni che hanno già da tempo intrapreso, con il Comitato, progetti di medio e lungo termine in Africa.

Tra i relatori, l’On. Antonio Tajani, Vice presidente Commissione Europea, Mons. Piotr Mazurkiewicz, Segretario generale COMECE (Commission des Episcopats de la Communauté Européenne), e Maria Romana De Gasperi, rappresentante della Fondazione Alcide De Gasperi e sostenitrice del Comitato.

L’Europa ha sviluppato un benessere da investire, l’Africa è ricca di risorse e bisognosa di aiuto. In Africa vivono 800 milioni di persone, contro i 500 milioni in Europa, e se è vero che oggi il mondo occidentale sta vivendo una profonda crisi, è anche auspicabile che non vada incontro a una chiusura su se stesso, implodendo e cessando di guardare al futuro: aziende ed enti dei paesi europei possono andare incontro a vantaggi e sviluppo contribuendo alla crescita di queste aree, che sono tra le più povere del mondo.

Così inoltre si eviterebbe, da una parte, l’emigrazione forzata – un dramma per chi è costretto ad abbandonare la sua terra e un serio problema da parte dei paesi scelti come destinazione – e, dall’altra parte, si ridurrebbe la disoccupazione in Europa andando a creare ricchezza nella vicina Africa.

Per informazioni:

Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell’Amore

06.79350412 – microprogetti@fastwebnet.itwww.civiltadellamore.org

Per maggiori informazioni:
Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell’Amore
06.79350412
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)