manifestazione

Difendiamo la libertà di informazione per difendere il diritto alla vita dei tarantini

29 luglio 2014
ore 19:00 (Durata: 3 ore)

Peacelink ha aderito e sostenuto questo evento:
Taranto Respira ha organizzato questo evento e invita tutti a partecipare con i propri simboli, con cartelloni, strumenti musicali e/o nelle modalità preferite.
Taranto ha bisogno di un'informazione plurale e completa e vogliamo prima di tutto manifestare la nostra solidarietà al giornalista Luigi Abbate, licenziato da Blustar, e a tutti i suoi colleghi che spesso conosciamo di persona che vivono una condizione lavorativa di estrema precarietà e ovviamente di debolezza.
La crisi economica e il maggior utilizzo dei social rispetto ai media tradizionali rendono più difficile la sostenibilità economica dei giornali e delle tv locali, a maggior ragione in un territorio "impoverito" con la conseguenza di ridurre gli spazi della libertà di informazione.
Pur consapevoli di questi fenomeni rilevanti anche a livello nazionale, riteniamo che la nostra città abbia particolarmente bisogno di un'informazione libera, onesta e plurale.
Taranto infatti è duale, piena di contraddizioni e complessa; necessita quindi di tanti bravi giornalisti che la raccontino: due colonne, due mari, due litoranee, due porti, ma anche tre ponti; dal punto di vista economico, industria pesante e produzione di pale eoliche, agricoltura e pesca, commercio/turismo e industria, un museo archeologico nazionale "bello da morire" e pochi monumenti greci.
I media nazionali citano la nostra città en passant per dire che qualcuno ha risolto i problemi e poi presentano ottime inchieste su come stanno realmente le cose.
Succede di tutto in questa città, ma sembra che non sia abbastanza rilevante per i tg nazionali che dedicano servizi lunghissimi alle legittime proteste di 250 persone in altre località, mentre hanno ignorato le marce dei 30.000 tarantini. Per non dire che quasi mai a livello nazionale sono stati citati i circa 4.000 lavoratori ILVA in solidarietà.
Martedì ci vedremo per chiedere più libertà di informazione, più confrontarci con gli operatori dei media e per informare la popolazione di quanto sta accadendo.
Chiediamo quindi ai giornalisti di esser presenti e parte attiva della manifestazione, per il bene di tutti.

Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)