manifestazione

Difendiamo la libertà di informazione per difendere il diritto alla vita dei tarantini

29 luglio 2014
ore 19:00 (Durata: 3 ore)

Peacelink ha aderito e sostenuto questo evento:
Taranto Respira ha organizzato questo evento e invita tutti a partecipare con i propri simboli, con cartelloni, strumenti musicali e/o nelle modalità preferite.
Taranto ha bisogno di un'informazione plurale e completa e vogliamo prima di tutto manifestare la nostra solidarietà al giornalista Luigi Abbate, licenziato da Blustar, e a tutti i suoi colleghi che spesso conosciamo di persona che vivono una condizione lavorativa di estrema precarietà e ovviamente di debolezza.
La crisi economica e il maggior utilizzo dei social rispetto ai media tradizionali rendono più difficile la sostenibilità economica dei giornali e delle tv locali, a maggior ragione in un territorio "impoverito" con la conseguenza di ridurre gli spazi della libertà di informazione.
Pur consapevoli di questi fenomeni rilevanti anche a livello nazionale, riteniamo che la nostra città abbia particolarmente bisogno di un'informazione libera, onesta e plurale.
Taranto infatti è duale, piena di contraddizioni e complessa; necessita quindi di tanti bravi giornalisti che la raccontino: due colonne, due mari, due litoranee, due porti, ma anche tre ponti; dal punto di vista economico, industria pesante e produzione di pale eoliche, agricoltura e pesca, commercio/turismo e industria, un museo archeologico nazionale "bello da morire" e pochi monumenti greci.
I media nazionali citano la nostra città en passant per dire che qualcuno ha risolto i problemi e poi presentano ottime inchieste su come stanno realmente le cose.
Succede di tutto in questa città, ma sembra che non sia abbastanza rilevante per i tg nazionali che dedicano servizi lunghissimi alle legittime proteste di 250 persone in altre località, mentre hanno ignorato le marce dei 30.000 tarantini. Per non dire che quasi mai a livello nazionale sono stati citati i circa 4.000 lavoratori ILVA in solidarietà.
Martedì ci vedremo per chiedere più libertà di informazione, più confrontarci con gli operatori dei media e per informare la popolazione di quanto sta accadendo.
Chiediamo quindi ai giornalisti di esser presenti e parte attiva della manifestazione, per il bene di tutti.

Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)