rappresentazione teatrale

Le rose d'acciaio-l'Ilva e le sue donne. Spettacolo documentario

23 ottobre 2016
ore 19:00

Per la prima volta a Taranto Le rose d'acciao, uno spettacolo-documentario che si misura con uno degli aspetti meno noti, quindi più difficili da maneggiare, riguardanti l’universo Ilva: lo sguardo delle donne sulla fabbrica. Mamme, figlie, mogli, fidanzate, sorelle e compagne che filtrano l’aria quotidianamente respirata dagli operai, i loro uomini, restituiscono un quadro inedito del microcosmo Ilva. Lo spettacolo da voce a quelle donne, mettendo in scena paure, speranze, visioni, sentimenti e presentimenti che solo l’universo femminile può elaborare.
Sul palco l'attrice Roberta Natalini, regista ed autrice dello spettacolo, attraverso tre monologhi, alternati alla proiezione di filmati realizzati sul territorio tarantino ed accompagnata dalle note del pianista Danilo Leo, cercherà di sviscerare ed affrontare tre problematiche legate al discorso Ilva: SALUTE-LAVORO-AMBIENTE,ripercorrendo e ricostruendo ciò che l'ilva è stata e continua ad essere a partire dal giorno della sua nascita.
In sala,prima dello spettacolo, le autrici Roberta Natalini e Paola Bisconti insieme a Savino D'andrea(pubblicazioni italiane e Alessandro Marescotti,presenteranno il libro "le rose d'acciaio", nato in seguito allo spettacolo teatrale.

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)