presentazione

Se non ci fosse la Memoria...

6 maggio 2017
ore 14:00
SEGRATE (MI)
“Centro UPM di Segrate” - piazza dei Fiori, SEGRETE (Milano) 02-2137713 upmsegrate@virgilio.it

PRESENTAZIONE:
Se non ci fosse la Memoria...

http://www.peacelink.it/pace/a/44349.html

Se non ci fosse la Memoria...

UPM - UN PUNTO MACROBIOTICO, Centro Culturale "UPM DI SEGRATE"

ORGANIZZA

in collaborazione con ANPI Nova Milanese e ANPI Pioltello

con il Patrocinio della Città di Segrate

SABATO 6 MAGGIO 2017


Dalle ore 14.00 in Piazzetta dei Fiori Segrate

SE NON CI FOSSE LA MEMORIA ...

Incontro pubblico gratuito, per tutta la cittadinanza e gli studenti con:

Emilio Bacio Capuzzo Partigiano ex Deportato Giovane Antifascista sfuggito in modo rocambolesco al trasferimento nei campi di concentramento nazifascisti.

Adelmo Cervi figlio di Aldo uno dei 7 fratelli della

Famiglia Cervi.

Con Fabrizio Cracolici, Presidente ANPI Nova Milanese (Monza e Brianza)

e con Laura Tussi, Associazione PeaceLink - Telematica per la pace, ARCI Ponti di Memoria.

Per chi lo desidera, prima è possibile pranzare dalle ore 12:30

presso il Ristorante affiliato al “Centro UPM Di Segrate” in piazzetta dei Fiori 15.

Per informazioni e prenotazioni contattare:

“Centro UPM di Segrate” 02-2137713 upmsegrate@virgilio.it


Adelmo Cervi è figlio di Verina Castagnetti e Aldo, terzogenito dei sette fratelli Cervi fucilati dai fascisti al poligono di tiro di Reggio Emilia il 28 dicembre del 1943. Adelmo aveva appena compiuto quattro mesi. Suo nonno Alcide, la cui figura entusiasmò Italo Calvino («Lotta contro la guerra, patriottismo concreto, nuovo slancio di cultura, fratellanza internazionale, inventiva nell’azione, coraggio, amore della famiglia e della terra, tutto questo fu nei Cervi»), ha pubblicato nel 1955 I miei sette figli, a cura di Renato Nicolai, un classico della Resistenza stampato in centinaia di migliaia di copie e tradotto in moltissime lingue.

Un ex-ragazzo di oggi, figlio di un padre strappato alla vita, racconta quel padre, Aldo, partigiano con i suoi sei fratelli nella banda Cervi, per rivendicare la sua storia e, al tempo stesso, per rivendicare di essere figlio di un uomo, non di un mito pietrificato dal tempo e dalle ideologie.

Una vicenda straordinaria racchiusa tra due fotografie. La prima, degli anni Trenta: una grande famiglia riunita, contadini della pianura, sette fratelli, tutti con il vestito buono, insieme alle sorelle e ai genitori. La seconda, due anni dopo la fucilazione dei sette fratelli: solo vedove e bambini, indifesi di fronte alle durezze del periodo, alla miseria, ai debiti, anche alle maldicenze. Adelmo è seduto sulle ginocchia del nonno, in faccia l’espressione di chi è sopravvissuto a una tempesta. O a un naufragio.

C’è tutto un mondo da raccontare in mezzo a quelle due foto, con la voce di un bambino che ha imparato a cullarsi da solo, perché suo padre è morto troppo presto e sua madre ora è china sui campi.

Questa è una storia vera, talmente vera che sembra un romanzo. Il romanzo d’amore di chi sa bene che l’amore si nutre di libertà.

Adelmo Cervi, con Giovanni Zucca "IO CHE CONOSCO il TUO CUORE", Edizioni PIEMME, Milano 2014

Storia di un padre Partigiano raccontata da un figlio.
La più grande storia della nostra Resistenza dalla voce di un testimone bambino.

Adelmo Cervi, con Giovanni Zucca "IO CHE CONOSCO il TUO CUORE", Edizioni PIEMME, Milano 2014

Recensione di Laura Tussi - PeaceLink

e Fabrizio Cracolici - Presidente ANPI Nova Milanese

Edizioni PIEMME, Milano 2014

Adelmo Cervi è un ex ragazzo di oggi, figlio di un padre strappato alla vita, che racconta quel padre, Aldo, Partigiano con i suoi sette fratelli nella banda Cervi, per narrare la sua storia e per rivendicare di essere figlio di un uomo e non di un mito pietrificato dal tempo e dalle ideologie. Adelmo vuole, con questo libro, raccontare non la Storia, ma una storia, in cui riporta quello che gli hanno raccontato e lo “condisce” abilmente - grazie alla collaborazione dello scrittore Giovanni Zucca - con quello che invece non gli hanno mai raccontato e con quello che ha scoperto e imparato leggendo libri e parlando con parenti, amici e studiosi. Non è la sua storia. È la storia di un uomo che non c'è più. Sette uomini, sette vite, sette morti e sette medaglie. E una cosa sola: un mito in cui i singoli uomini spariscono. Loro non erano una cosa sola. Erano sette fratelli e avevano ognuno un nome, un carattere, una vita, una storia.

Uno di loro era il padre di Adelmo, della voce narrante di questo libro, ossia era Aldo Cervi. Aldo voleva cambiare il mondo e, insieme al fratello più grande, Gelindo, aveva convinto gli altri fratelli che era giusto cambiare una realtà di miseria, di ristrettezze e soprusi.

I sette fratelli sono stati travolti da una tempesta chiamata guerra: in un mondo che perseguitava e sterminava i diversi; che opprimeva i lavoratori, sfruttandoli fino alla morte; che, quando doveva liberarsi dei rivoluzionari, lo faceva senza scrupoli.

Ancora giovanissimo, Aldo assiste all'insorgere minaccioso del fascismo, della dittatura. L'ombra oscura del fascismo si allunga sulle campagne reggiane, seminando vigliaccamente lo scompiglio e il terrore: aggressioni, prepotenze, intimidazioni che contrastano le leghe contadine e le cooperative sotto la minaccia mafiosa degli squadristi armati.

Aldo si è “voltato” a queste acerrime condizioni.

Imprigionato a Gaeta, prese coscienza della propria appartenenza di classe, leggendo molti libri, da Marx al Vangelo: libri che predicano la liberazione dall'oppressione.

I Cervi, da Valle Re ai Campi Rossi, erano contadini, che avevano creato dal nulla, non solo un'azienda familiare all'avanguardia, ma anche un modello di propaganda clandestina contro il regime, tramite un internazionalismo proletario concreto e efficace.

Dopo la svolta di Gaeta, Aldo cominciò a discutere di politica, a fare propaganda antifascista con costanza e a imparare anche la prudenza.

Il regime non lo sa ancora, ma Aldo Cervi, con l'aiuto dei suoi sette fratelli e la complicità di un gruppuscolo di comunisti e simpatizzanti dei dintorni sta già lottando contro, con l'idea di fare Resistenza. I Cervi infatti agiscono, intensificando la controinformazione con l'aiuto di Lucia Sarzi, un'attrice girovaga e altri giovani di Campegine e dintorni... fino alla caduta del fascismo nel 1943. Ma la guerra continua e loro invece volevano la Pace. Ai Cervi non interessa la patria, che non coincide con un mondo più giusto e più libero. Nel frattempo i Russi stanno morendo a milioni per salvare il sogno della rivoluzione dagli artigli di Hitler.

La Resistenza è dire no. La Resistenza è sorridere dentro, perché sai che ti stai opponendo per il cambiamento, in nome della vita e non della morte, con le emozioni vere, condivise con i compagni, che non hanno limiti, né bandiere, né confini. E come cantano anche i Modena City Ramblers:

chi non vuole chinare la testa,

con noi prenda la strada dei monti

Ma i capi del comitato militare di Reggio hanno deciso che il modo di agire della banda Cervi è troppo pericoloso e che se qualcosa non funziona, l'intera rete clandestina del partito rischia di saltare.

E così hanno ordinato di lasciarli soli.

Vi hanno lasciati soli.

Le loro vere armi erano gli ideali, i libri, la vanga e il trattore. Aldo era già partigiano prima ancora di toccare un'arma. Partigiano perché “di parte”, di quella parte che lui sentiva giusta. La stessa parte dove sta adesso il figlio Adelmo. La parte della Pace. Della giustizia. Dell'uguaglianza. La parte dei fratelli Cervi.

I Cervi, entrati nel mito, in qualche modo non sono mai morti, come cantano i Gang in coda alla loro canzone, perché quando non ci si vede ben chiaro, a volte è meglio lasciar parlare gli artisti, i poeti, i musicisti, con qualche idea in più:

sette uomini sette

sette ferite

e sette solchi

ci disse la pianura

i figli di Alcide

non sono mai morti

Note:

su PRESSENZA - International Press Agency:
http://www.pressenza.com/it/2014/11/conosco-tuo-cuore/

su ILDialogo.org:
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/cultura/Recensioni_1415638209.htm

su Libera.TV - la Social Web TV delle idee, delle passioni, delle lotte:
http://www.libera.tv/pictures/746/adelmo-cervi-con-giovanni-zucca-io-che-conosco-il-tuo-cuore-edizioni-piemme-milano-2014.html

su LiberoLibro:
http://www.liberolibro.it/adelmo-cervi-giovanni-zucca-io-che-conosco-il-tuo-cuore/

Per maggiori informazioni:
Matteo Cifelli
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

  • ott
    22
    mar
    evento

    Popolo chi? Le parole delle donne

    Casa Internazionale delle Donne, via della Lungara 19, 00165 Rome - Roma (RM)
    Popolo chi? Le parole delle donne
    Presentazione del libro Popolo Chi? Classi popolori, periferie e politica in Italia Il libro analizza i risultati di una ricerca condotta fra ottobre ...
  • ott
    23
    mer
    dibattito

    Dignità  e fratellanza di tutti gli esseri umani

    via cavour - Taranto (TA)
    Dignità  e fratellanza di tutti gli esseri umani
    In occasione dei 400 anni dalla prima deportazione dei neri d'Africa in America, dei 74 anni dalla fondazione dell'ONU dei 30 anni dalla caduta del ...
  • ott
    25
    ven
    evento

    Volisma? Storie di donne Rom - Spettacolo di Sara Aprile

    Libreria Teatro Tlon, Via Federico Nansen, 14, 00154 Rome - Roma (RM)
    Volisma? Storie di donne Rom - Spettacolo di Sara Aprile
    Volisma? Storie di donne Rom scritto, diretto e interpretato da Sara Aprile. Con il patrocinio di Amnesty International - Italia, ANPIT e ...
  • nov
    9
    sab
    incontro

    PeaceLink For Future

    Casa per la Pace, Via Quintole per le rose, 131 - 50023 - Tavarnuzze - Impruneta (FI)
    PeaceLink For Future
    Tre seminari formativi su pace, ecologia e solidarietà con filo conduttore la cittadinanza attiva, e in particolare la cittadinanza digitale. ...
  • nov
    10
    dom
    incontro

    PeaceLink For Future

    Casa per la Pace, Via Quintole per le rose, 131 - 50023 - Tavarnuzze - Impruneta (FI)
    PeaceLink For Future
    Tre seminari formativi su pace, ecologia e solidarietà con filo conduttore la cittadinanza attiva, e in particolare la cittadinanza digitale. ...
  • feb
    7
    ven
    evento

    Comunicazione Non Violenta (Tra Giraffe e Sciacalli)

    AIBPF-MF Associazione Italiana per il benessere psico fisico Memento Futuri, Viale Europa 139, 74122 Taranto - Taranto (TA)
    Comunicazione Non Violenta (Tra Giraffe e Sciacalli)
    Comunicazione Non Violenta (Tra Giraffe e Sciacalli) GRATUITO per Psicologi iscritti all'ordine della Puglia La comunicazione non violenta (CNV), ...

Ricerca eventi

Dal sito

  • Sociale
    Recensione di Sonia Bellin, giornalista e critica musicale

    "Riace. Musica per l'Umanità" con Mimmo Lucano - Recensione di Sonia Bellin

    “Mimmo Lucano è prima di tutto, soprattutto un mentsch. E’ un giusto che arriva a sfidare la 'legalità' se essa si pone a servizio dell’ingiustizia.” Moni Ovadia
    21 ottobre 2019 - Laura Tussi
  • Latina
    Un intero paese in piazza contro il caro trasporti

    Cile: la battaglia di Santiago

    La polizia del presidente Piñera reprime senza pietà, ma la rivolta ha come obiettivo il modello economico neoliberista e non si placa
    21 ottobre 2019 - David Lifodi
  • Taranto Sociale
    L'incontro si svolgerà nel plesso Falcone dell’istituto Pirandello nel rione Paolo VI di Taranto

    Peacelink, insufficiente coprire parchi minerali 

    “L’avvio della copertura dei parchi minerali non ha avuto l’effetto sperato sulla riduzione delle polveri sottili”. Lo dice su ArcelorMittal di Taranto l’associazione Peacelink in un documento che consegnerà stamattina al ministro della Pubblica istruzione Lorenzo Fioramonti
    21 ottobre 2019 - Agenzia stampa AGI
  • Ecologia
    Incontro a Taranto

    Relazione di PeaceLink al Ministro Fioramonti

    La copertura dei parchi minerali non ha abbattuto le polveri sottili. I dati sono frutto di una dettagliata analisi degli ultimi due anni. Intanto nei quartieri più vicini all'area industriale (Tamburi, Paolo VI, Borgo) continua a registrarsi un eccesso di mortalità: 55 uomini e 22 donne.
    20 ottobre 2019 - Associazione PeaceLink
  • Pace
    L’evento ha visto il coordinamento di Vittorio Agnoletto e la partecipazione di Moni Ovadia

    Mimmo Lucano a Palazzo Reale di Milano

    La presentazione del libro Riace musica per l’umanità è stata per Milano un evento molto partecipato e la città ha dato una risposta positiva all’iniziativa: più di 700 persone in sala
    20 ottobre 2019 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)