convegno

1976-2017: Italia ed Angola, 41 anni di amicizia e cooperazione

5 giugno 2017
ore 10:00 (Durata: 3 ore)

Italia e Angola intrattengono da anni ottime relazioni politiche sia per i forti legami storici (il sostegno italiano ai movimenti d’indipendenza, e successivamente gli ingenti sforzi di cooperazione durante la lunga guerra civile), sia per l’attuale rilancio delle relazioni bilaterali in corrispondenza della stabilizzazione e crescita economica del Paese.

Agli angolani piace ricordare che l’Italia è stato il primo Paese europeo occidentale a riconoscere l’indipendenza della nuova Repubblica angolana, nel 1976.
A 41 anni dall’indipendenza ricostruiamo le radici di questo rapporto cresciuto nel segno dello sviluppo virtuoso delle relazioni economiche, commerciali e culturali tra questi due Paesi.


Saluti introduttivi:
Khalid Chaouki, deputato PD e membro della Commissione Esteri

Interventi di:
Dulce Gomes, Ministro Consigliere della Repubblica d’Angola in Italia
Giorgio de Marchis, coordinatore della Cattedra “Agostinho Neto” – Università degli Studi Roma Tre
Filomeno Lopes, filosofo e giornalista di Radio Vaticana

Modera: Patrizia Anastasi, giornalista

Saluti finali degli organizzatori:
Matias Mesquita, Associazione Njinga Mbande
Francisco Pacavira, giornalista e presidente dell’Associazione António Ne Bunda Negrita

Per maggiori informazioni:
Silvia De Marchi
3395777700
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)