proiezione

il settimo compleanno delle “Chiancarelle ribelli” - Salerno e Taranto unite contro gli inquinatori

25 novembre 2018
ore 11:00

Benvenuto Cr7, il settimo compleanno delle “Chiancarelle ribelli” in una città, Salerno, dominata da oltre 20 anni da un sistema unico di gestione di potere.

Domenica 25 novembre l’associazione "Figli delle Chiancarelle" che conta oltre 15 mila iscritti sul gruppo Fb, festeggerà il suo settimo anno di vita organizzando la proiezione in prima visione in città di “Tradimento”, il docufilm sull’Ilva di Taranto, realizzato dal regista indipendente Luca Forte, che in passato ha girato con Fdc già due documentari, uno sulla Metropolitana di Salerno e l’altro sulla palestra dello stadio Vestuti.
Alla proiezione, che si terrà alle ore 11 presso il cinema San Demetrio in via Dalmazia n° 4, farà seguito un interessante discussione sul diritto alla salute sempre più in conflitto con il diritto al lavoro anche a Salerno, dove al posto dell’Ilva ci sono le Fonderie Pisano.
Al dibattito parteciperanno Lorenzo Forte, presidente del Comitato Salute e Vita che da decenni lotta per la chiusura dell’ecomostro di Fratte, Fulvia Gravame, responsabile del nodo di Taranto dell'associazione Peacelink, Raffaella Di Leo, presidente di Italia Nostra Salerno e Mimmo Florio dei Figli delle chiancarelle.
Non mancate… vi perdereste l’ottima torta di compleanno delle Chiancarelle

Per maggiori informazioni:
Lorenzo Forte
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Un pioniere della nonviolenza e dell'educazione in Italia

    A cento anni dalla nascita di Danilo Dolci

    Il suo messaggio di solidarietà, partecipazione e trasformazione sociale rimane più che mai attuale, ispirando nuove generazioni di attivisti e educatori. Riportiamo qui alcuni video che ne fanno emergere la testimonianza e servono a consolidare la memoria di questo grande personaggio
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • MediaWatch
    Lo abbiamo chiesto a ChatGPT

    Perché i governi della Nato non rendono noto il numero delle vittime in Ucraina?

    Il governo ucraino aveva dichiarato: "Le informazioni sulle perdite dell'Ucraina nella guerra sono un segreto di Stato". Ma perché tenere segreto un dato che consentirebbe di apprezzare quanto sono state "utili" le armi inviate a Kiev?
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Conflitti
    Analisi globale dei fallimenti della NATO nella guerra in Ucraina

    Perché Putin sta vincendo?

    Di fronte al fallimento delle sanzioni, la NATO ha cambiato approccio, dando maggiore enfasi alla dimensione militare del conflitto. Questa nuova linea strategica ha però presentato varie criticità. Punto per punto vedremo cosa è andato storto fino a ora.
    20 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti
    La guerra diventa sempre più distruttiva e questo provoca un aumento dei renitenti alla leva

    Arriva la devastante bomba FAB 3000: uccide gli ucraini in un diametro di due chilometri e mezzo

    L'esordio dell'ordigno russo da tre tonnellate sul campo di battaglia. Un militare ucraino dice: "Se sopravvivi, sarai sicuramente ferito. Mette molta pressione sul morale dei soldati. Non tutti i nostri ragazzi possono resistere. Queste bombe sono un inferno".
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Editoriale
    L'Italia a un bivio

    Avranno il coraggio di aumentare le spese militari con un deficit così?

    Procedura di infrazione per l'Italia a causa del deficit eccessivo. L'Europa chiede di scendere sotto il 3% del PIL ma l'Italia è arrivata al 7,4% nel 2023. La Nato però esige un aumento di oltre 10 miliardi di euro all'Italia. L'autonomia differenziata farà quadrare i conti pugnalando il Sud.
    20 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)