festa

Festa Arcobaleno: Un altro mondo è possibile… anche qui

28 maggio 2004

E’ questo il titolo della festa che si svolgerà a Bracciano dal 28 al 30 maggio.
Per dare vita a questa iniziativa, la prima del genere sul nostro territorio, associazioni, forze sociali e politiche si sono unite attorno ai valori della Pace, dei Diritti Umani e Sociali , della tutela dell’Ambiente, del Consumo Critico.
I contenuti della Festa sbarcano a Bracciano dopo aver caratterizzato i grandi raduni internazionali del Social Forum Mondiale.

Contrari alla nefanda guerra in Iraq e a tutti i conflitti come risoluzione delle controversie internazionali, si è scelto di adottare la Pace come valore portante delle tre giornate.
Il desiderio dei promotori è che durante la Festa si possa respirare un’aria diversa. L’aria di ciò che si oppone alla logica della violenza, delle guerre e della globalizzazione neoliberista: diritti per tutti, giustizia sociale là dove è negata, equa distribuzione delle risorse, salvaguardia dell’ambiente.

E’ un valore aggiunto della festa il fatto che sia stata ideata da un così ampio cartello di organismi, partendo da percorsi e storie diverse ma confluendo verso valori condivisi. Un segnale molto importante per il territorio della Provincia di Roma.

Giulietto Chiesa, Marco Bertotto presidente di Amnesty International, Andrea Masullo - referente nazionale del WWF, Eugenio Melandri di Chiama l'Africa, sono solo alcuni dei relatori dei dibattiti che si terranno a Bracciano il 28, 29 e 30 Maggio.
La “Festa Arcobaleno: Un altro mondo è possibile… anche qui” è patrocinata dalla Provincia di Roma.

Per maggiori informazioni:
Massimo Atzu
06.99804619
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)