incontro

Geografia della solidarietà - incontro con Francesco Malavolta

11 aprile 2019
ore 17:30 (Durata: 2 ore)

Siamo onorati di essere la prima tappa del progetto
"Geografia della solidarietà''
Per un giorno ospiteremo parte di una mostra fotografica che si è tenuta ad Augusta a Marzo e che speriamo diventi itinerante per allargare la riflessione su migrazione, legalità e antimafia.
Augusta è la metafora di un nuovo inizio, di approdo alla salvezza. Per anni primo porto di sbarco europeo, Augusta è stata il primo luogo in cui migliaia e migliaia di uomini, donne e bambini si sono finalmente sentiti al sicuro dopo viaggi infernali.
Anche il molo di Messina è stata teatro di numerosi arrivi.
Attraverso gli scatti di Francesco Malavolta ripercorremo la sua carriera professionale iniziata con gli sbarchi degli albanesi in Puglia e continuata a tutte le frontiere d’Europa. In partenza per la Grecia, ha voluto testimoniare la barbarie dei campi greci dove le persone languono in condizione igienico-sanitarie disastrose che violano la dignità e i diritti fondamentali di tutti. Ha raccontato le sue missioni a bordo di navi umanitarie, militari e per conto dell’agenzia europea FRONTEX, così come di UNHCR e OIM.
Francesco Malavolta sarà presente insieme a MariaGrazia Patania, fondatrice del collettivo Antigone, presso la libreria Colapesce per parlare di frontiere, migrazione e infanzia violata nel quadro di un percorso più ampio di sensibilizzazione sul tema.

L’obiettivo della mostra è duplice: da un lato far luce sull' immigrazione e riscoprire un volto nuovo e accogliente per chi osserva, dall’ altro raccogliere fondi attraverso la vendita delle foto per supportare l’Associazione Genitori & Figli nella stampa di brochure con alcuni scritti di Giuseppe Fava sul tema della legalità e della lotta alla mafia. Ci auguriamo che Messina sia solo la seconda tappa di una lunga rete.

BIO Francesco Malavolta
Francesco Malavolta è un fotogiornalista che dal 1994 collabora con agenzie fotografiche nazionali ed internazionali, con organizzazioni umanitarie quali l'UNHCR e l'Organizzazione Internazionale per Migrazioni. Dal 2011 documenta quel che accade alle frontiere europee per conto dell'Agenzia dell'Unione Europea Frontex, testimoniando le rotte via mare e via terra. La sua esperienza nel campo della migrazione risale all'inizio degli anni 90, ai tempi del grande esodo di persone provenienti dall'Albania. Semplice e rigoroso il suo metodo di lavoro: studiare, documentarsi, prepararsi prima di ogni servizio come se fosse il primo. Fine ultimo del suo lavoro è raccontare storie tramite immagini di semplice lettura.

BIO Mariagrazia Patania
Interprete e traduttrice, nel 2017 si laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali con una tesi sui corridoi umanitari come alternativa sicura ai pericolosi viaggi via mare. Nei quattro anni trascorsi a Bonn per lavoro, ha partecipato a varie iniziative a sostegno dei rifugiati che si sono sommate al volontariato con minori stranieri non accompagnati in Sicilia ad Augusta, sua città natale. Nel 2015 fonda il blog Collettivo Antigone per raccogliere le storie dei migranti incontrati e offrire una prospettiva alternativa sul fenomeno della migrazione forzata.

http://www.francescomalavolta.com/
https://collettivoantigone.wordpress.com/

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • MediaWatch
    Fact-checking

    Il ministro Gualtieri non ha rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale sull'ILVA

    "Stato pronto a coinvestire" per "una Ilva forte, che produca tanto" è una dichiarazione riferita da fonti sindacali non identificate. Nessun tweet di Gualtieri. Se intervenisse lo Stato, verrebbero scaricate sui contribuenti le perdite dell'ILVA, che ammontano a cento milioni di euro al mese
    25 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Legami di ferro
    Lo riferisce il sito di siderurgia Siderweb

    "La nuova acciaieria a Odisha rischia di provocare un'autentica sollevazione popolare"

    In India i cittadini della regione sono contrari al progetto di Jindal e difendono l'ambiente dal rischio di deforestazione. E' previsto un taglio di un'area forestale per far posto a un maxi-stabilimento della JSW Steel da 12 milioni di tonnellate annue di acciaio
    25 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    L'Italia cessi di rifornire di armi chi ogni giorno in Africa commette stragi

    Giornata internazionale dell'Africa

    L'Africa ci parla, ci interroga, ci indica i nostri comuni doveri, e primo fra tutti il dovere di condividere il bene ed i beni fra tutti gli esseri umani, tutti ugualmente appartenenti all'unica umana famiglia, tutti ugualmente abitanti di quest'unico mondo vivente.
    24 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera)
  • Ecologia
    Fuga da Taranto

    "ILVA è la peggiore operazione mai fatta da ArcelorMittal"

    "Un Vietnam", così Il Sole 24 Ore definisce Taranto. "Una bomba a orologeria piazzata nei conti del gruppo ArcelorMittal"
    24 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)