manifestazione

2 GIUGNO A MILANO LA "REPUBBLICA DELLA PACE" IN PIAZZA VIA LE TRUPPE DALL'IRAQ - BASTA OCCUPAZIONE IN PALESTINA

2 giugno 2004
ore 15:30

MANIFESTAZIONE A MILANO
MERCOLEDI' 2 GIUGNO ALLE ORE 15.30
PIAZZA S.BABILA

L'occupazione militare dell'Iraq continua - anzi aumenta la sua ferocia e la violenza contro la popolazione irachena, che continua a dover sopportare il peso di una situazione invivibile.
In totale spregio della costituzione e della volontà della maggioranza delle/dei cittadine/i italiane/i - il governo Berlusconi ha confermato la partecipazione dei soldati italiani all'occupazione: e così i militari italiani sono in guerra, e per questa guerra uccidono e muoiono.
Il 4 giugno a Roma verrà in "visita" il presidente Usa George W. Bush - il presidente di guerra che viene per celebrare la coalizione che ha "liberato" l'Iraq.
Il movimento contro la guerra che in questi ultimi anni ha manifestato nelle strade di tutta Italia sarà presente a Roma e manifesterà la sua ferma protesta contro questa indesiderata visita.

Noi che chiediamo con forza da sempre la fine dell'occupazione militare - che non sarà certo modificata dalla risoluzione dell'Onu chiesta da Usa e Gran Bretagna - e il ritiro immediato dei soldati italiani e di tutti i paesi occupanti vogliamo tornare nelle strade anche a Milano - per preparare le iniziative del 4 giugno.
E vogliamo ribadirlo proprio in occasione della giornata del 2 giugno che da festa della Repubblica rischia ancora una volta di diventare la celebrazione delle forze della guerra con parate militari come a Roma: noi manifesteremo invece per ribadire il nostro "ripudio della guerra", in nome dell'articolo 11 della Costituzione, che rappresenta le radici della "repubblica della pace".

Ma in medioriente non c'è solo un'occupazione, ma anche quella dei territori palestinesi - che diventa sempre più dolorosa proprio in parallelo alla guerra in Iraq.
Manifesteremo quindi anche perché finisca l'occupazione militare dei territori palestinesi da parte israeliana - e quindi si fermino la costruzione del muro dell'apartheid, la distruzione delle case e la violenza dell'esercito israeliano contro i palestinesi - per costruire una pace giusta in Palestina/Israele.

MANIFESTAZIONE A MILANO
MERCOLEDI' 2 GIUGNO ALLE ORE 15.30
PIAZZA S.BABILA

Prime adesioni: SinCobas, Bastaguerra, Guerre&Pace, SocialPress, Attac, Punto Rosso, Un ponte per..., C.S. Leoncavallo, Casa per la pace, Salaam ragazzi dell'Olivo Milano, Rifondazione Comunista, Rivista Erre, Confederazione Cobas, Loc, Marcia Mondiale delle Donne, Ass. Italia-Nicaragua, Ass. Todo Cambia, Università delle Donne, Sindac. Naz. Scrittori sez. Lombardia, Coord. Pace Cinisello Balsamo

Per maggiori informazioni:
Guerre&Pace
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Garifuna sotto tiro

    Assassinato un altro difensore del territorio ancestrale garifuna
    3 febbraio 2023 - Giorgio Trucchi
  • CyberCultura

    Il Premier australiano sta solo fingendo di lavorare per liberare Julian Assange?

    Comincia a serpeggiare il sospetto che Anthony Albanese non si stia affatto interessando presso le autorità statunitensi, come invece egli ha preteso più volte, per il ritiro delle accuse contro il co-fondatore di WikiLeaks.
    2 febbraio 2023 - Patrick Boylan
  • Laboratorio di scrittura
    Chi fornisce a Taranto i dati orari del benzene?

    Antonio e i picchi del benzene

    Un esperto degli algoritmi da Londra manda i grafici dei picchi del benzene. Tra una pausa e l'altra del suo lavoro, sforna le cattive notizie che turbano la quotidianità degli ecotarantini che sanno leggere ascisse, ordinate e diagrammi cartesiani. Cronaca assurda in una città inquinata.
    2 febbraio 2023 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)